PDA

Visualizza versione completa : Voi lo fareste?



Alceo
06-11-2003, 22.40.13
Rinuncereste ad un giorno di vacanza o lavorereste un giorno festivo per solidarietà?

E' la nuova misura messa in atto dal primo ministro francese Raffarin per finanziarie un progetto d'aiuto alle persone dipendenti (anziani, malati, handicappati ...).

Non potendo aumentare la pressione fiscale l'idea del governo transalpino (simile ad una già in funzione in Germania) è quello di far lavorare i dipendenti pubblici e privati un giorno di più. La ricchezza prodotta in tale giornata (stimata a un aumento del PIL del 0,3%) verrebbe in seguito recuperata dallo stato attraverso un aumento delle tasse patronali (le imprese senza dipendenti e gli agricoltori esclusi).

Il dibattito sulla effettività della manovra è iniziato da poco e riguarda soprattutto la necessità di una crescita economica elevata (per non generare disoccupazione), la messa in discussione delle 35 ore lavorative e la penalizzazione dei lavoratori dipendenti rispetto ai lavoratori autonomi.

Voi che ne pensate?
Sareste disposti a lavorare un giorno di più per sollidarietà?

bejita
06-11-2003, 22.46.05
uhm sorry lavoro già 8 giorni alla settimana non mi avanza tempo

zio_lucas
06-11-2003, 22.47.55
Originally posted by bejita
uhm sorry lavoro già 8 giorni alla settimana non mi avanza tempo

Non ti invidio

FIREBLADE_RR
06-11-2003, 22.48.17
Gia mi scassano le palle qnd lavoro nei giorni e e negli orari normlai se dovessi lavorare anche di domenica nnn voglio immaginare cosa possa succedere

Brus
06-11-2003, 22.54.12
Si, x un giorno mica crepo

Ciborio_cgg
06-11-2003, 23.45.39
già mi fanno lavorare 10 ore al giorno
il sabato non sarebbe previsto, ma TUTTI i sabati altre 4/5 ore
vorrei anche un po' di tempo per vivere...
e infatti fra poco me ne vado da quel campo di concentramento

quindi direi che un altro giorno, oltre a quello che faccio di solito, no.

destino
06-11-2003, 23.52.06
Se si puo aiutare la gente sempre disponibile

Alceo
07-11-2003, 00.38.15
Originally posted by FIREBLADE_RR
Gia mi scassano le palle qnd lavoro nei giorni e e negli orari normlai se dovessi lavorare anche di domenica nnn voglio immaginare cosa possa succedere


forse mi sono epresso male, ma si tratta di lavorare un giorno all'anno in più, non alla settimana.

Qfwfq
07-11-2003, 00.40.40
Sì, ovviamente sì. Un giorno in più ogni anno rappresenta un'inezia.

Elrond.
07-11-2003, 00.50.16
Originally posted by Alceo
forse mi sono epresso male, ma si tratta di lavorare un giorno all'anno in più, non alla settimana.

No, ti sei espresso bene.

Anche per quel che mi riguarda, un giorno in un anno non presenterebbe alcun problema.

Pentolina
07-11-2003, 01.26.35
Lo farei più volentieri del mio lavoro ufficiale.
E ancora più volentieri se ne condivido il motivo.
Rinuncerei a metà delle mie vacanze per stare con le persone anziane.

doca
07-11-2003, 01.30.04
Originally posted by Mischa
per quanto il principio "più lavoro, più pil, più soldi" possa esser valido "in teoria", non lo è in pratica. moltissime aziende, a tener aperto un giorno, avrebbero solo costi e scazzi. i tempi di produzione son spesso vincolati a ritmi e ad orari precisi, come a consegne e tempi di altre aziende, non sempre dello stesso stato (si dimentica che esiste anche un export). quindi no, non lo farei. trovo che sia "immorale" come richiesta. se si pagano le tasse, è proprio per avere quei servizi. se lo stato non è in grado di fornirli, evidentemente chi lo gestisce o non sa spender i soldi ricevuti, o li ruba. se una persona lavora 5 gg su 7, e paga le tasse (e come dipendente, le paga fisso), non è corretto chiedergli di cambiar gli accordi perché "non abbiamo soldi". cazzi tuoi, io te li ho dati. se voglio far beneficenza, la faccio per i fatti miei, e son libero di farla già ora. e dar soldi, equivale a dar ore di lavoro, visto che li ho guadagnati, non altro. troverei più sensato un piano per incrementare l'occupazione, non uno per far lavorar di più (fosse anche poche ore) chi già lavora, e già paga.
Giusto.

ricchi
07-11-2003, 09.05.25
SI

alcoolwarriors
07-11-2003, 09.16.46
SI

azanoth
07-11-2003, 09.23.57
Originally posted by Qfwfq
Sì, ovviamente sì. Un giorno in più ogni anno rappresenta un'inezia.

destino
07-11-2003, 10.03.13
Originally posted by Qfwfq
Sì, ovviamente sì. Un giorno in più ogni anno rappresenta un'inezia.


... (ma va a cacare Mpare Q :P)

Thor
07-11-2003, 10.17.08
Why not.............

fppiccolo
07-11-2003, 10.38.11
se per solidarietà si intende l'aiuto alle persone bisognose come i ciechi, gli anziani ecc. mi sta + che bene...
ma se i bisognosi sono invece quelli del governo non se ne parla nemmeno...

elfebo
07-11-2003, 10.50.32
ma si...anzi perche' non mi pagano per fare assistenza a chi ne ha bisogno e un giorno all'anno faccio il consulente??

sarebbe ottima come idea..:D

Peter Pan
07-11-2003, 11.07.19
Originally posted by Alceo
Rinuncereste ad un giorno di vacanza o lavorereste un giorno festivo per solidarietà?


Ma stanno prendendo per il culo?

Noi già lavoriamo per solidariertà, ovvero per quei vecchietti che saremo noi un domani. Noi lavoriamo per la nostra pensione... che però viene utilizzata per i pensionati di oggi.

Non capisco perché, se i vecchietti di oggi ghanno sempre versato i contributi adesso si ritrovano con pensioni del cazzo!
Così come noi ci ritroveremo con una pensione del cazzo domani.

È tutto il sistema opensionistico che è una bufala.
Se non fossimo obbligati a versare i contributi potremmo esswere liberi di farci un fondo pensionistico tutto nostro (e non come quelli integrativi di oggi che si basano sui nostri risparmi!!!).

Comunque io per principio sono contro la pensione... chi mi garantisce che arriverò mai a godermela? E intanto lo Stato si ciuccia i miei soldi e poi me li restituisce senza interessi, e senza fondo!!!

Quello che io dico è che non basta per mantenere noi, come possiamo lavorare per mantenere gli alri?
Solidarietà un par di palle. È compito dello Stato, facesse tagli sulle sue palle, non sui contribuenti!

JEDI
07-11-2003, 11.20.12
La domanda è mal posta. :D
Sarei disposto a lavorare un giorno in più all'anno per motivi di solidarietà verso gli altri? In sostanza, sarei disposto a dedicare del tempo agli altri ( dove per altri si intende chi è indigente e ha bisogno)? Se rispondo di sì non ho bisogno dell'approvazione di una proposta di legge del governo per farlo, lo posso fare anche subito, nei tempi e nei modi che ritengo di poter adottare. E' un quesito al quale rispondere secondo la propria coscienza.
Piuttosto sarebbe interessante incentrare la discussione sull'opportunità politica e sociale di un tale provvedimento, che mi sembra propria di un paese socialdemocratico. Personalmente sono molto scettico quando scelte di questo tipo vengono imposte o decise *dall'alto*. Credo che il grado di maturità della nostra società, e quindi, di ciascuno di noi in ultima istanza, determini anche il grado di solidarietà a cui la nostra società può aspirare. Non c'è nessun governo che possa determinarlo. Ma è innegabile che ci sono paesi molto più evoluti sotto questo punto di vista ( tutta la Scandinavia ), dove un provvedimento del genere avrebbe un grande successo perchè i problemi di ordine sociale sono già sentiti di per sè da ciascun cittadino, che si sente davvero parte di una comunità.

onigate
07-11-2003, 11.53.28
:toh: sì ok, penso si possa fare. Poi magari mi prendo un paio di giorni di ferie per riposarmi :asd:

Pentolina
07-11-2003, 14.56.12
Originally posted by Peter Pan
cut
Mi trovi piuttosto d'accordo su questo, ma aiutare per la precisione *anziani* lo trovo remunerativo, ma soprattutto una cosa dalla quale si possa trarre insegnamento.
Non sai quanto un giovane abbia da imparare, da un anziano, anche se affetto da demenza senile.
Non mi peserebbe affatto stare con loro, foss'anche un giorno alla settimana.
Diverso è il discorso se si parla di aiutare persone anche un minimo facoltose.
Poi, è naturale, questo è assolutamente un mio parere, e rispetto le opinioni altrui.

Peter Pan
07-11-2003, 15.38.02
Originally posted by Pentolina
Non sai quanto un giovane abbia da imparare, da un anziano

Scusami, ma mi sembra una cosa alquanto retorica, come se la vecchiaia portino come per miracolo saggezza...

Un anziano che per tutta la vita è stato nulla, sarà nulla anche da vecchio... e siccome di uomini che eccellono in pochezza e di mediocri ce ne sono molti, da vecchi non saranno altro che mediocri rincoglioniti...

Non accetto questo buonismo spinto, perdonami.

Pentolina
07-11-2003, 15.57.32
Beh...
Eh...
Che dire...
Hai ragione, rileggendo sembra che io abbia generalizzato un po' troppo :p
Parlo comunque per esperienza. Ho avuto a che fare con anziani che mi hanno resa un po' partecipe delle loro vicende, e mi hanno insegnato cose. Anche il rispetto.
O altro. Insomma, cose interessanti.

Alceo
07-11-2003, 23.35.19
Alcune precisazioni.

Partiamo da una premessa, la Francia ha una pressione fiscale notevole, inferiore solo ai paesi cosidetti nordici.
A differenza dell'Italia però tale ricchezza viene effettivamente in buona parte impiegata nel sostentamento di uno stato sociale degno di questo nome.

La giornata lavorativa suplementare è stata introdotta per finanziare in quattro anni un'opera di ristrutturazione delle risorse in supporto alle persone non autosufficienti.

Non si parla quindi di pensioni, ma del supporto a chi non è in grado di vivere da solo e non ha i soldi per permettersi un'infermiera a domicilio o qualcuno che gli faccia la spesa o, semplicemente, compagnia.

Altro chiarimento: il giorno di lavoro è normalmente renumerato: i lavoratori fanno "dono" di un giorno di festa mentre le aziende dei profitti ottenuti in tale giorno.

Per quanto riguarda l'intervento fantasma (esiste solo perché quotato) di Mischa, il giorno di lavoro in più per le aziende private verrà ottenuto togliendo un giorno di ARTT (recupero degli straordinari) che è già normalmente gestito dalle aziende. Le aziende potranno usufruire quindi del giorno bonus nei momenti a loro più opportuni; una volta definito tale sistema, le aziende hanno smesso di protestare.

Sono invece perfettamente d'accordo con te a proposito del fatto che tali soldi dovrebbero essere recuperati tramite il sistema fiscale.

Ma in fondo è quello che avviene. A conti fatti tra un anno ci si sarà dimenticato di aver avuto un giorno di vacanza in più e che le tasse patronali erano dello 0,3% più basse.

fppiccolo
08-11-2003, 12.22.00
c'è, infatti, anziano e anziano
bisogna vedere, però, se i mediocri giovani arrivano alla vecchiaia! :evil: :evil:

HellSnoopy
08-11-2003, 21.19.04
Originally posted by Alceo
Sareste disposti a lavorare un giorno di più per sollidarietà? si, tanto non ho un cazzo da fare
quando mi va vado con qualcuno e vado al centro accoglienza di colleferro... uno schifo!! Ci sono sopratutto i bulgari... sono no sgarro ci sono 2 che non hanno 50 cent ma sono popo simpatici.. li si parla a gesti è na ficata:D :D :D