PDA

Visualizza versione completa : Dubbio...



il_falchetto_pellegrino
05-11-2003, 11.07.28
http://www.repubblica.it/2003/k/sezioni/cronaca/romeno/romeno/romeno.html

Ne parleranno i giornali? Cosa dirà la gente? A parti invertite sarebbe accaduto lo stesso?

Non ho risposte, ma qualche dubbio.

shottolo
05-11-2003, 11.12.42
quoto un pezzo dell'articolo

"La sera del 14 marzo 2000 l'imprenditore gallaratese si presenta nell'appartamento del piastrellista romeno. Non gli dà il tempo di reagire, lo cosparge di benzina e gli dà fuoco. Lo fa - racconta agli inquirenti - perché ha un dubbio (smentito dai processi), teme che l'operaio gli voglia rubare un cliente. La colpa di Cazacu - che a più riprese gli aveva chiesto di esser messo in regola - è quella di essersi presentato con un giorno di anticipo in un cantiere. L'imprenditore crede che lo faccia per scavalcarlo, per prendere accordi segreti con il committente, per soffiargli il subappalto. Ma il processo dimostra che il timore è infondato: Cazacu si è sempre qualificato come dipendente di Iannece e al cantiere va solo per lavorare."

che dire? l'aggravante dovrebbe essere questa: ha ucciso un uomo per bramosia dei soldi
che schifo, si merita l'ergastolo altro che 16 anni

azanoth
05-11-2003, 11.36.27
l'ennesima dimostrazione,da parte delle fatiscenti istituzioni del paese,che il crimine è solo una questione di calibrazione calcolata dei rischi,quindi,ampiamente legittimato dalla dose di iniziativa personale.
schifìu!



:tsk:

alcoolwarriors
05-11-2003, 11.40.18
:tsk:

mi piacerebbe leggere la sentenza a carico di un immigrato rumeno che da fuoco ad un operaio italiano...

Ray McCoy
05-11-2003, 12.58.35
Beh, ma anche il tizio che è morto, poteva fare a meno di essere rumeno. Insomma, con delle aggravanti del genere, mi pare ovvio come va a finire.

angelheart
05-11-2003, 13.10.38
a me viene il vomito, a prescindere dalla nazionalità, la vita di nessuno vale così poco, se uccidi qualcuno per qualsiasi motivo che non sia difesa di te stesso o dei tuoi cari devi marcirci in galera e penare il più possibile

SuperGrem
05-11-2003, 13.15.11
Originally posted by Ray McCoy
Beh, ma anche il tizio che è morto, poteva fare a meno di essere rumeno. Insomma, con delle aggravanti del genere, mi pare ovvio come va a finire.

Quoto.
Minimo minimo doveva prendere la nazionalità italiana prima di farsi assumere. Insomma, poi va pure a mettere nei guai il datore di lavoro che non solo gli fa un piacere ad assumerlo, ma finisce pure in galera alla fine.
:tsk:

KaioH
05-11-2003, 13.56.46
Originally posted by Ray McCoy
Beh, ma anche il tizio che è morto, poteva fare a meno di essere rumeno. Insomma, con delle aggravanti del genere, mi pare ovvio come va a finire.

Bravo Ray!
Quante storie, dai, erano motivazioni "NON ABIETTE".
E poi l'immIngrato ci voleva rubare il lavoro al dottor imprenditore.

_Sonick_
05-11-2003, 15.15.22
Originally posted by angelheart
a me viene il vomito, a prescindere dalla nazionalità, la vita di nessuno vale così poco, se uccidi qualcuno per qualsiasi motivo che non sia difesa di te stesso o dei tuoi cari devi marcirci in galera e penare il più possibile

Concordo che debba penare, ma è giusto condannare a vita una persona per un errore?

shottolo
05-11-2003, 15.18.55
un errore potrebbe essere: cazzo non ho bagnato la pianta grassa e ora è morta, mica vorrete mettermi in galera?
altra cosa è: io penso che mi ciula i soldi e premedito di ammazzarlo, passa un pò di tempo e continuo a pensare di ammazzarlo, arrivato il momento giusto gli do fuoco e lo ammazzo... questo è un errore? imho no, non è un errore. un errore (non è il termine esatto, ma è per fare un esempio pratico) è: sto guidando mi viene un malore, svengo e stiro uno perdendo il controllo della macchina

shottolo
05-11-2003, 15.20.07
rileggendo devo fare una precisazione: lungi da me paragonare un uomo morto ad una pianta grassa!
è una mezza gaffe, pardon

V0LT KRUEGER
05-11-2003, 15.33.11
Originally posted by _Sonick_
Concordo che debba penare, ma è giusto condannare a vita una persona per un errore?


scherzi spero, un errore che è costato la vita di una persona

Ray McCoy
05-11-2003, 16.39.58
Originally posted by V0LT KRUEGER
scherzi spero, un errore che è costato la vita di una persona

No, il problema non è qua.
Il problema è che un tizio è entrato in una casa con tanica di benzina in mano e ha dato intenzionalmente fuoco ad un'altra persona.

L'unico errore che mi può venire in mente in questi casi è che abbia sbagliato numero civico, ma non è che cambi molto le carte in tavola.

mimmo81
05-11-2003, 18.07.49
Originally posted by V0LT KRUEGER
scherzi spero, un errore che è costato la vita di una persona

non solo di quella persona ma ha rovinato quella della moglie e dei suoi figli!!!

morettina
05-11-2003, 18.36.23
Quanto è assurda sta cosa...
E gli avvocati della difesa non volevano neppure che fosse riconosciuta la volontarietà dell'omicidio. Cioè secondo loro era andato a casa dell'operaio con una tanica di benzina per aiutarlo ad accendere il fuoco del camino? :rolleyes:

Alceo
05-11-2003, 20.23.32
Certo cose faccio proprio fatica a capirle.

Trovo assurdo sia la ragione che ha spinto ad un atto simile sia il modo in cui la vendetta è stata compiuta.

Avrei preferito che si fosse parlato di infermità mentale.
Mi fa star male pensare che una persona che fa tanto male per così poco sia "normalmente umana".

Hob Gadling
05-11-2003, 20.40.50
Originally posted by _Sonick_
Concordo che debba penare, ma è giusto condannare a vita una persona per un errore? :doubt:
Stai scherzando?

_Sonick_
05-11-2003, 20.42.39
Originally posted by Hob Gadling
:doubt:
Stai scherzando?

Non intendo difendere un atto del genere, ma mi domando se sia giusto condannarlo per tutta la vita che gli resta.

_Sonick_
05-11-2003, 20.44.38
Originally posted by V0LT KRUEGER
scherzi spero, un errore che è costato la vita di una persona

Prova a pensare per un attimo che tale persona sia tu e che ti sia veramente pentito di quello che hai fatto, e ti addossi tutte le colpe e sei pronto a pagare, arrivi al punto da farti schifo: è giusto che una vita persa vada pagata con un'altra vita sprecata?p:s: non parlo di infermità mentale...in quel caso le cose da fare sono poche

Ray McCoy
05-11-2003, 20.52.39
Originally posted by _Sonick_
Prova a pensare per un attimo che tale persona sia tu e che ti sia veramente pentito di quello che hai fatto, e ti addossi tutte le colpe e sei pronto a pagare, arrivi al punto da farti schifo: è giusto che una vita persa vada pagata con un'altra vita sprecata?

Ehm... Ma tanica di benzina e fiammiferi mica gli son caduti addosso per sbaglio. Era un omicidio intenzionale.

Alceo
05-11-2003, 20.58.11
Originally posted by _Sonick_
Prova a pensare per un attimo che tale persona sia tu e che ti sia veramente pentito di quello che hai fatto, e ti addossi tutte le colpe e sei pronto a pagare, arrivi al punto da farti schifo: è giusto che una vita persa vada pagata con un'altra vita sprecata?p:s: non parlo di infermità mentale...in quel caso le cose da fare sono poche

Pentito di cosa?
Di essersi fatto condannare?

Non mi sembra che la persona abbia espresso pentimento o si sia dichiarato pronto a pagare.
Altrimenti si sarebbe dovuto indignare con il suo avvocato che gli ha fatto dimezzare la pena.

Rimane quindi solo la questione sul fatto se egli avesse intenzione di uccidere oppure no,

E francamente dare fuoco ad una persona mi sembra addirittura andare al di là: voler uccidere e far soffrire allo stesso tempo.

fppiccolo
05-11-2003, 22.27.50
una volta i delinquenti penzolavano sulle piazze...
oggi penzolano gli innocenti...
e ricordate...siamo in italia...
meditate gente meditate
:azz: :azz:

alcoolwarriors
05-11-2003, 22.38.26
Originally posted by _Sonick_
Non intendo difendere un atto del genere, ma mi domando se sia giusto condannarlo per tutta la vita che gli resta.

sì.

se apri una tanica di benzina, ne versi il contenuto su qualcuno, la appoggi a terra, estrai l'innesco di combustione (che siano fiammiferi o accendino o altri cazzi), lo accendi, lo lanci nel combustibile per innescare la reazione, tutte le attenuanti devono andare a farsi fottere.

kyjorkx
05-11-2003, 23.29.11
Fosse successo il contrario... .
Rumeno brucia datore di lavoro. E gli dimezzano la pena.



ecco una serie di probabili commenti:

1) "...loro qui sono ospiti...
2) "...fuori dall'Italia a calci in cu*o 'sti pezzenti..."
3) "...colpa del centro-sinistra che li ha fatti entrare!!..."
4) "...ributtiamo tutti i rumeni nei gommoni!! (pssst... guarda che la Romania non sbocca sull'Adriatico... ...fa lo stesso!!"
5) "...bruciamo anche lui..."

ecc... .


Insomma: dimezzano la pena al datore di lavoro nostrano che brucia un suo dipendente extra-comunitario ----> bah chi se ne fotte.
dimezzano la pena all'extra-comunitario che brucia il suo datore di lavoro italiano ----> milioni di Goering.

Idem per la stampa e i mezzi di informazione in generale.

alcoolwarriors
06-11-2003, 11.46.54
ma...in fondo in fondo...ma che c4zzo ce ne frega di un rumeno?! :tsk:

_Sonick_
06-11-2003, 22.45.56
Ok probabilmente mi spiego male :notooth:

Non mi riferisco al caso in questione, ma in un caso in cui davvero una persona si sia pentita di quello che ha fatto, indipendentemente dal modo di uccidere.
Pentirsi veramente ha un significato molto profondo.
E' giusto sprecare un'altra vita per ripagarne un'altra persa?

PS: è ovvio che l'essere umano non è perfetto, dunque la mia è un'ipotesi teoretica, ma che potrebbe avere qualche riscontro pratico (e non mi lego al fatto accaduto qua sopra).

PPS: e manco guardo la nazionalità: la vita ha un valore assoluto, e l'anima non ha colore

Mischa
06-11-2003, 22.57.34
ti ammazzo. mi pento. voglio un premio. se ne ammazzo di più, mi pento doppio: voglio anche un titolo nobiliare e un sacco di soldi. perché? perché mi son pentito, ti pare?

_Sonick_
07-11-2003, 16.21.05
Originally posted by Mischa
ti ammazzo. mi pento. voglio un premio. se ne ammazzo di più, mi pento doppio: voglio anche un titolo nobiliare e un sacco di soldi. perché? perché mi son pentito, ti pare?

Perchè pensi che pentirsi comporti un guadagno?