PDA

Visualizza versione completa : Amnèsia



funker
19-09-2003, 21.18.27
tika tika tika tika tika tika tika

Sono in ufficio, l'unico sound che si ode, oltre alla solita compilation di clacson, è il tikkettare della mia tastiera. Sto copiando ed impaginando un testo da inserire in un coordinato di manifesti ed inviti personali, roba grossa, da esporre e consegnare ad una prossima mostra di Design ad Edimburgo. Sono concentrato come non mai, sono perso nei meandri del monitor del Mac, e drasticamente preso dalla versione MX di Freehand. Non vedo altro, solo un rettangolo luminoso ed il continuo stazionare del cursore del mouse, in alto a destra. L'orologio segna circa le 5 e 50, ma non mi interessa più di tanto, ho troppo da fare.

tika tika tika tika tika tika tika tika tika tik t




Buio.




Apro gli occhi, sono confuso, non riesco a capire, e cosa c'è da capire mi chiedo. Ho la testa poggiata su quella tastiera che poco prima dettava legge nel sonoro dell'ufficio. Mi sento mani e piedi completamente informicoliti, faccio ragionamenti insani e privi di senso. Lentamente metto a fuoco gli elementi sulla scrivania, dal boccale vuoto della Guinness sulla sinistra alla foto di una tipa vicino allo Zip250, passando tra tutti i fogli e posaceneri sparsi, per arrivare al mio pacchetto di West Light, stranamente pieno. Tutto normale, a parte che:


Sono le 6 e 20 circa.


30 minuti di vuoto totale. Penso ad un calo di zuccheri, ad un colpo di sonno, penso di tutto, tocco persino argomenti come la S.a.r.s. Ho quasi paura. Anzi no. Ho paura e basta. Mi alzo, o almeno ci provo, mi rendo conto che le gambe sono partite per le isole lontane, dato che più andate di così non potevano essere. A mala pena mi tengo in piedi, e la stanza comincia a prendere toni di rosso e verde, ed una marea di lucciole invadono la mia ottica. Sono perso e non capisco. La scrivania è stranamente bagnata e più scura del solito. Me ne frego, voglio uscire da lì.

Apro la porta, esco dalla stanza. I miei colleghi mi guardano con occhi che non saprei descrivervi, mi chiedo cosa ci sia di tanto interessante in un rincoglionito senza forze. E coperto di sangue. Non ci avevo fatto caso, o semplicemente la mia mente si era rifiutata di vedere, avevo del sangue addosso, sulle mani, sul collo, persino sui pantaloni e sul viso. Vengono a sorreggermi, mi portano in ospedale. 12 punti sulla nuca.



Un volume magnifico di Image Bank intitolato "Amnèsia", 7000 pagine di foto da cui trarre ispirazione, ma ormai sono mesi che non lo apro. Lo misi su di uno scaffale, dietro la mia schiena, a 3 metri buoni di altezza.

Sopra la mia testa.

Mr.Pijino
19-09-2003, 21.45.47
Per un momento ho pensato ad un rapimento alieno, visto che grazie a FOX ho ricominciato a seguire X-Files dalla primissima puntata... ;)

Invece che delusione... :toh:

joystick140586
20-09-2003, 08.41.04
:p

rivendicatore
20-09-2003, 13.39.00
cazz, che sfiga. immagino la faccia dei tuoi colleghi che ti avevano preso per un personaggio di resident evil rebirth

ilvendicatore
20-09-2003, 22.00.00
azz che merda...
Ma come hanno fatto ad non accorrgersi della tua amnesia, sulla testa e cerebrale?
ciuaz ;)

feo
20-09-2003, 23.08.54
spero che i punti non abbiano intaccato la fluenza della chioma:D

per me è tutta colpa delle west, quelle sigarette mi hanno rovinato un buon annetto di adolescenza per una gaffe ç_ç

Mr.Pijino
20-09-2003, 23.41.21
Originally posted by feo
per me è tutta colpa delle west, quelle sigarette mi hanno rovinato un buon annetto di adolescenza per una gaffe ç_ç
Adesso però ce la speghi... non si mette la pulce per poi ritirare la mano... o forse era il sasso... vabbè comunque... raccontaci l'aneddoto :p

Complimenti per la sign, è spettacolosa. ;)