PDA

Visualizza versione completa : Siti per traduzioni latine



.__cisco__.
03-09-2003, 23.48.10
Non si trova mai una versione tradotta quando ne hai bisogno, mi sono girato tutti i siti possibili immaginabili, studenti.it, splash.it etc.. ma nulla.

Qualcuno sa darmi un consiglio?

Inoltre, versioni.it sembra stia per aprire (il 15 settembre), qualcuno ne sa qualcosa?

TheDarkAlcatraz
03-09-2003, 23.57.53
eheheh non abbiamo fatto i compiti per le vacanze e corriamo ai ripari in extremis eh?:rolleyes: :nono:

TrustNoOne
03-09-2003, 23.58.38
spero che non apra mai -_-'
ci manca solo che adesso uno trova tutte le versioni gia' tradotte :|

TheDarkAlcatraz
03-09-2003, 23.59.42
Veramente siti così gia esistono da un pezzo...:D

.__cisco__.
04-09-2003, 00.03.27
I compiti per le vacanze sono una tragedia, ma quelli di tutto l'anno sono ancora peggio, per questo cercavo un sito valido non come quelli che già ci sono, sono un tipo previdente no?

TrustNoOne
04-09-2003, 00.18.22
Originally posted by TheDarkAlcatraz
Veramente siti così gia esistono da un pezzo...:D

mh gia' -_-'
Le mettessero illegali come gli mp3 :D

Elenina
04-09-2003, 00.28.34
azz io nn conosco molti siti... purtroppo le ho sempre fatte da sola le versioni di latino... mi sta meno fatica :D

prova www.latine.net

Nordik
04-09-2003, 00.37.48
Sfrutto questo topic x chiedere se conoscete qualche sito che dia recensioni dei libri di letteratura italiana

Thx

Extremis rulez :evil:

:birra:

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 00.39.39
Originally posted by Elenina
azz io nn conosco molti siti... purtroppo le ho sempre fatte da sola le versioni di latino... mi sta meno fatica :D

prova www.latine.net

Ah si pure io le ho sempre fatte... fare:D

Credo che non faccio una versione latina per compito a casa da almeno 2 o 3 anni ( ora devo fare il quinto )...

.__cisco__.
04-09-2003, 00.54.23
Originally posted by Elenina
azz io nn conosco molti siti... purtroppo le ho sempre fatte da sola le versioni di latino... mi sta meno fatica :D

prova www.latine.net

Si, latine lo conosco, hanno parecchia roba per carità ... ma tre volte su quattro non c'è quella che il prof bastardo mi da ... possibile che non ce ne è uno che le ha tutte!???

morettina
04-09-2003, 09.42.10
Originally posted by Elenina
azz io nn conosco molti siti... purtroppo le ho sempre fatte da sola le versioni di latino... mi sta meno fatica :D

prova www.latine.net

Con tutto il tempo che perdi a cercare, non faresti prima a provare a farle? :D

Un po' difficile trovare un sito con TUTTI i testi latini...:eek2:

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 09.45.25
Originally posted by morettina
Con tutto il tempo che perdi a cercare, non faresti prima a provare a farle? :D


Questo è il discorso che mi facevano sempre i secchioni in classe mia...
ma la domanda che vi pongo, signori della Corte è:
e se uno non le sapesse fare proprio, le versioni di latino?
quale "tecnica" sarebbe più conveniente per portare il compito fatto al professore fra farle e cercarle fatte su internet e copiarsele?

morettina
04-09-2003, 09.47.21
Originally posted by Nordik
Sfrutto questo topic x chiedere se conoscete qualche sito che dia recensioni dei libri di letteratura italiana

Thx

Extremis rulez :evil:

:birra:

Prova qui (http://www.fausernet.novara.it/fauser/biblio/): ci sono testi e introduzioni.

Non copiare, però, il tuo prof potrebbe conoscere il sito... :azz:

morettina
04-09-2003, 09.51.58
Originally posted by TheDarkAlcatraz
Questo è il discorso che mi facevano sempre i secchioni in classe mia...
ma la domanda che vi pongo, signori della Corte è:
e se uno non le sapesse fare proprio, le versioni di latino?
quale "tecnica" sarebbe più conveniente per portare il compito fatto al professore fra farle e cercarle fatte su internet e copiarsele?

Tesoro, se non provi mai a farle, non ci riuscirai mai... ;)
Prova seriamente, magari scopri che non è proprio impossibile... Però studiati un po' di grammatica prima, altrimenti non ci capisci niente davvero.

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 09.57.28
Io, modestamente con le versioni me la cavicchio abbastanza, però compastico quelli che il latino non lo digeriscono affatto, e nonostante studino, non gli entra in testa, e allora a quel punto, la copiatura è la strada + naturale a cui si viene portati...:angel2:

Mr.Pijino
04-09-2003, 10.29.55
Noi le versioni le andvamo a prendere nel cassetto del prof. il girono prima del compito (al pomeiggio) e il mattino andavamo inspiegabilmente molto bene... :angel2:

Cocitu
04-09-2003, 10.35.59
Originally posted by TheDarkAlcatraz
Questo è il discorso che mi facevano sempre i secchioni in classe mia...
ma la domanda che vi pongo, signori della Corte è:
e se uno non le sapesse fare proprio, le versioni di latino?
quale "tecnica" sarebbe più conveniente per portare il compito fatto al professore fra farle e cercarle fatte su internet e copiarsele?

poi quando arrivi all'uni, fai come un mio amico, che all'esame di diritto romano ha pronunciato actiones con pronuncia inglese...

non ti dico come è andata a finire...

ciao

Elrond.
04-09-2003, 10.51.43
Originally posted by cocitu
poi quando arrivi all'uni, fai come un mio amico, che all'esame di diritto romano ha pronunciato actiones con pronuncia inglese...

non ti dico come è andata a finire...

ciao

:eek2:
:roll3: :roll3: :roll3:

Elrond.
04-09-2003, 10.57.01
Originally posted by .__cisco__.
Non si trova mai una versione tradotta quando ne hai bisogno, mi sono girato tutti i siti possibili immaginabili, studenti.it, splash.it etc.. ma nulla.

Qualcuno sa darmi un consiglio?

Inoltre, versioni.it sembra stia per aprire (il 15 settembre), qualcuno ne sa qualcosa?

Se si trattava dei compiti per le vacanze, dovevi organizzarti per tempo (ad esempio potevi farmi un vaglia e mandarmi le fotocopie delle versioni... pensaci per l'anno prossimo :asd: ).
Se si tratta delle versioni durante l'anno... copiale dai compagni, che fai prima...

*toccio*
04-09-2003, 16.27.53
io mi sono scaricato proprio qualche giorno fa tutta la prima catilinaria che dovevo tradurre per le vacanze, studenti.it ancora una volta mi ha salvato il culo :D
peccato che devo anche farci l'analisi sintattica e stilistica... porco zio quanto odio quella prof!!!
:grr: :grr:

ma che versioni deve tradurre di preciso? autore?

*toccio*
04-09-2003, 16.33.24
Originally posted by TheDarkAlcatraz
però compastico quelli che il latino non lo digeriscono affatto, e nonostante studino, non gli entra in testa, e allora a quel punto, la copiatura è la strada + naturale a cui si viene portati...:angel2:

esatto, io non c'ho mai capito niente e mai ci capirò... lezioni private, lezioni di recupero con la prof, a me in testa proprio non vuole entrarci :(
e mi mancano ancora 2 anni di liceo :azz:
perchè non sono andato al liceo sperimentale?!?!? http://forum.ngi.it/smilies/wall.gif

Qfwfq
04-09-2003, 16.35.12
Originally posted by TheDarkAlcatraz
Questo è il discorso che mi facevano sempre i secchioni in classe mia...
ma la domanda che vi pongo, signori della Corte è:
e se uno non le sapesse fare proprio, le versioni di latino?
quale "tecnica" sarebbe più conveniente per portare il compito fatto al professore fra farle e cercarle fatte su internet e copiarsele?

Partendo dal presupposto che non sei mai stato sottoposto a lobotomizzazione, dovresti essere in grado di fare qualsiasi versione; a patto di non esserti limitato allo studio della prima declinazione.

morettina
04-09-2003, 16.38.03
Originally posted by *toccio*
porco zio quanto odio quella prof!!!
:grr: :grr:




Ma non è che sei un mio alunno, tu? :doubt:





















Paura, eh? :notooth: :asd:

Brus
04-09-2003, 16.45.20
Originally posted by TheDarkAlcatraz
Questo è il discorso che mi facevano sempre i secchioni in classe mia...
ma la domanda che vi pongo, signori della Corte è:
e se uno non le sapesse fare proprio, le versioni di latino?
quale "tecnica" sarebbe più conveniente per portare il compito fatto al professore fra farle e cercarle fatte su internet e copiarsele?

Uhm..ma lo sai che lo scopo dei compiti non è il far contento il prof, ma è quello di imparare le cose? :niente!:
(E' vero cmq che anche io copiavo, quando non avevo proprio voglia di farli :.: )

morettina
04-09-2003, 16.50.31
Originally posted by Brus
Uhm..ma lo sai che lo scopo dei compiti non è il far contento il prof, ma è quello di imparare le cose? :niente!:


:hail:


Originally posted by Brus

(E' vero cmq che anche io copiavo, quando non avevo proprio voglia di farli :.: )

:azz:

Cocitu
04-09-2003, 16.53.42
certo che trovare i compiti già fatti è propro una bella comodità...

Pensate che all'università invece a dare gli esami ci dovete andare di persona, e tutti orali...(almeno da me)...

nessuno dietro che suggerisce.

Presumo che chi sia abituato alle scorciatoie abbia vita breve, almeno dal punto di vista accademico.

Ciao

Brus
04-09-2003, 16.58.45
Originally posted by morettina


:azz:

:asd:
Va bè, ogni tanto capitava, dai...:angel2:
Certo, non avrei dovuto dirlo qui...così il "cazziatone" non vale poi molto :asd:

*toccio*
04-09-2003, 18.19.32
Originally posted by cocitu
certo che trovare i compiti già fatti è propro una bella comodità...

Pensate che all'università invece a dare gli esami ci dovete andare di persona, e tutti orali...(almeno da me)...

nessuno dietro che suggerisce.

Presumo che chi sia abituato alle scorciatoie abbia vita breve, almeno dal punto di vista accademico.

Ciao

si ma un conto è fare un'inutile versione dove se non capisci la grammatica sono cazzi tuoi, un conto è studiare per un esame dove parli italiano e non devi tradurre proprio un bel niente...
per i compiti di matematica studio, per i compiti di chimica studio, lo stesso per biologia, storia, filosofia... ma le versioni di latino oltre che inutili sono anche difficili per chi, come me, non è un genio che capisce tutto al volo ma si deve applicare parecchio nello studio... tanto tanto la letteratura che può essere interessante, ma le versioni no, non capisco proprio il senso di imparare una lingua che ormai, fortunatamente, non viene più parlata.
e ora che qualcuno non venga a dirmi che il latino serve a ragionare, serve a sapere meglio l'italiano e che chi è bravo a latino è bravo a matematica perchè sennò vado a casa sua e gli sputo!!! :D

Cocitu
04-09-2003, 18.22.18
Originally posted by *toccio*
si ma un conto è fare un'inutile versione dove se non capisci la grammatica sono cazzi tuoi, un conto è studiare per un esame dove parli italiano e non devi tradurre proprio un bel niente...
per i compiti di matematica studio, per i compiti di chimica studio, lo stesso per biologia, storia, filosofia... ma le versioni di latino oltre che inutili sono anche difficili per chi, come me, non è un genio che capisce tutto al volo ma si deve applicare parecchio nello studio... tanto tanto la letteratura che può essere interessante, ma le versioni no, non capisco proprio il senso di imparare una lingua che ormai, fortunatamente, non viene più parlata.
e ora che qualcuno non venga a dirmi che il latino serve a ragionare, serve a sapere meglio l'italiano e che chi è bravo a latino è bravo a matematica perchè sennò vado a casa sua e gli sputo!!! :D

chissà perchè, una lingua così inutile la studiano in mezzo mondo...

Ha la sua utilità, e ti posso assicurare, per esperienza personale, che il latino serve sempre.

Ciao

*toccio*
04-09-2003, 18.35.29
Originally posted by cocitu
chissà perchè, una lingua così inutile la studiano in mezzo mondo...

Ha la sua utilità, e ti posso assicurare, per esperienza personale, che il latino serve sempre.

Ciao

questo non è un buon motivo per dire che è utile... cmq per esperienza personale dico che è inutile perchè così mi hanno tanti parenti o conoscenti, tutti laureati, addirittura la suocera del mio fratello che è laureata in lettere odia il latino e a scuola a scelto di insegnare solo italiano... io mi baso su chi ha vissuto più di me e di tutti quelli che conosco nessuno mi viene a dire che il latino è utile ;)
a te perché il latino è servito?

Cocitu
04-09-2003, 18.38.46
Originally posted by *toccio*

a te perché il latino è servito?
si, in molti esami ho dovuto faticare la metà, visto che capivo al volo quello che c'era scritto in latino e poi perchè potevo permettermi di citare brocardi vari senza sbagliare...

*toccio*
04-09-2003, 18.46.10
Originally posted by cocitu
si, in molti esami ho dovuto faticare la metà, visto che capivo al volo quello che c'era scritto in latino e poi perchè potevo permettermi di citare brocardi vari senza sbagliare...

mmh... che facoltà fai? di sicuro qualcosa tipo lettere o legge... non penso che un medico debba citare qualcosa in latino :azz:

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 18.49.09
Originally posted by *toccio*
mmh... che facoltà fai? di sicuro qualcosa tipo lettere o legge... non penso che un medico debba citare qualcosa in latino :azz:

ehm occhio a quello che dici, perchè anche in medicina serve, la nomenclatura tecnica delle malattie e/o delle parti del corpo mi pare che sia tutta in latino o in greco...:D

Elrond.
04-09-2003, 18.52.58
Originally posted by *toccio*
mmh... che facoltà fai? di sicuro qualcosa tipo lettere o legge... non penso che un medico debba citare qualcosa in latino :azz:

E' vero, infatti la maggior parte dei termini medici deriva dal greco; generalmente parlando i termini con cui si indicano tecniche, discipline, patologie, derivano dal greco; i nomi di specie di microrganismi derivano piuttosto dal latino.

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 18.55.02
Originally posted by Brus
Uhm..ma lo sai che lo scopo dei compiti non è il far contento il prof, ma è quello di imparare le cose? :niente!:


Sbagliato, o per lo meno, non è sempre così. Dipende dall' insegnante.
C'è l'insegnante più accomodante e quello + puntiglioso che vuole vedere i compiti a casa che ti da fatti, sempre e comunque, a prescindere da qualsiasi tipo di moralismo che mi puoi venire a raccontare.
Addirittura avevo una professoressa che alla seconda volta che non portavi i compiti fatti in un quadrimestre ti metteva 3 sul registro... vienimi a raccontare che copiarli non serve, quando non li sai fare.

Qfwfq
04-09-2003, 19.10.13
Originally posted by TheDarkAlcatraz
vienimi a raccontare che copiarli non serve, quando non li sai fare.

Forse ti sfugge un dettaglio: quando si parla di scienza, conoscenza o sapienza, non si intende propriamente un'illuminazione divina. La cultura e la capacità di adempiere a determinate mansioni non si acquisisce per grazia ricevuta, non discende nemmeno dall'alto come una benedizione del Signore. A meno che te non proceda nel tuo lavoro su Ispirazione ( ma credo di poter escludere questa ipotesi ). La cultura succitata, a prescindere dall'utilità di sue determinate componenti ( che possono comunque risultare estremamente gratificanti pur difettando di applicazioni pratiche, anche se, tengo a precisare, non è certo questo il caso del latino ), deve essere acquisita con fatica, con lavoro costante. La lingua latina è un classico esempio di disciplina che richiede un impegno assiduo. Pertanto, dichiarare di copiare quando non si sa tradurre, è un ragionamento senza molto senso che ammette un più corretto reciproco: non si sa tradurre proprio perchè si copia. Senza un minimo di impegno, continuerai a dover copiare in saecula saeculorum, giacchè ti rimarrà completamente oscuro un sempre maggior numero di nozioni, regole, et cetera...

Elrond.
04-09-2003, 19.21.24
Originally posted by Qfwfq
Forse ti sfugge un dettaglio: quando si parla di scienza, conoscenza o sapienza, non si intende propriamente un'illuminazione divina. La cultura e la capacità di adempiere a determinate mansioni non si acquisisce per grazia ricevuta, non discende nemmeno dall'alto come una benedizione del Signore. A meno che te non proceda nel tuo lavoro su Ispirazione ( ma credo di poter escludere questa ipotesi ). La cultura succitata, a prescindere dall'utilità di sue determinate componenti ( che possono comunque risultare estremamente gratificanti pur difettando di applicazioni pratiche, anche se, tengo a precisare, non è certo questo il caso del latino ), deve essere acquisita con fatica, con lavoro costante. La lingua latina è un classico esempio di disciplina che richiede un impegno assiduo. Pertanto, dichiarare di copiare quando non si sa tradurre, è un ragionamento senza molto senso che ammette un più corretto reciproco: non si sa tradurre proprio perchè si copia. Senza un minimo di impegno, continuerai a dover copiare in saecula saeculorum, giacchè ti rimarrà completamente oscuro un sempre maggior numero di nozioni, regole, et cetera...

Ciao Q, ben trovato. Credo che tu parta dal poco concreto presupposto che il latino possa interessare a tutti. Interessa a pochi, purtroppo.

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 19.36.49
Originally posted by Elrond.
Ciao Q, ben trovato. Credo che tu parta dal poco concreto presupposto che il latino possa interessare a tutti. Interessa a pochi, purtroppo.

Esatto il concetto centrale è questo.
Fondamentalmente del latino se ne fotte più o meno la totalità degli studenti degli ultimi anni ( lo so perchè, anche se per poco, faccio parte anche della categoria dei liceali ).
Il latino è una lingua morta, piena di regola, cavilli, particolarità, eccezioni, che alla lunga non sono di una facilità mnemonica così elementare come la definisci tu.
Ci sono persone più portate ad incamerare una lingua "nuova" e altre che lo sono meno, non facciamo i moralisti dicendo che siamo tutti uguali, lo sanno anche i muri che non è così, e per piacere, non pigliamoci per il culo a vicenda.
Poi ci sono due categorie di persone che bisogna distinguere, altrimenti mi si scade nella polemica spicciola, e questo non lo vorrei assolutamente.
1. Coloro che non studiano per partito preso: non gli va e non lo faranno mai. Dunque sono coscienti del fatto che a scuola vanno male e male andranno sempre.
2. Coloro che studiano ma hanno una capacità di apprendimento inferiore alla media in tutte od in alcuna materia. Il latino non è esente da questa categorie, anzi è una di quelle per cui i professori danno + debiti e sicuramente non tutti i recuperi derivano da una superficialità nello studio.
Queste persone, ( lo so perchè molte persone, anche di famiglia, fanno parte di questa speciale categoria ) sebbene studino più ore di uno studente normale, non riescono ad incamerare la stessa quantità di informazioni o ha capire i concetti ed a sintetizzarli. Ciò non significa che queste persone sono handicappate o chessoio... semplicemente, lo ripeto, non siamo tutti uguali.
Dunque per il discorso che facevo prima riguardo al copiare e cose così, queste persone a volte sono obbligate a copiare, per non rischiare di essere penalizzate rispetto agli altri.
Il discorso sulla cultura scusami, ma non c'entra assolutamente niente con quello di cui si stava discutendo. Qui non si parla di cultura, ma dell' opportunità di fare un azione rispetto ad un' altra.

TrustNoOne
04-09-2003, 19.44.55
Originally posted by TheDarkAlcatraz
o ha capire i concetti ed a sintetizzarli.

E che vuol dire venire penalizzate? Se hanno risultati inferiori, vanno penalizzate... Dove ho fatto io le superiori promuovevano troppo, il liceo per me non e' mai stata una cosa seria...

E studiare un minimo di latino (NB: Io non ricordo assolutamente niente di latino dopo solo due anni :( ) aiuterebbe anche a non commettere errori del genere, e farebbe capire a certi ragazzini di oggi che la sindrome da sms e' una malattia reale :D


E dico questo dal basso della mia ignoranza, perche' tale mi ritengo e sono a tutti gli effetti.

Edit: Possiedo un vocabolario estremamente ridotto, appena necessario a comunicare, ma per quanto mi e' possibile mi sforzo di non commettere errori sintattico/grammaticali, almeno per dare una parvenza di (finta) cultura :D

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 19.49.15
Originally posted by TrustNoOne
E che vuol dire venire penalizzate? Se hanno risultati inferiori, vanno penalizzate


Il problema è che prima bisogna passarci.
Essando stato bocciato già una volta, posso capire perfettamente cosa si provi in quel periodo, e vedere la gente che si affanna per studiare, per paura di essere bocciata, ma nonostante tutto non riesce ad ottenere i risultati che meriterebbe, beh mi rende meno problematico il pensare che forse copiare non è cosi un male... perchè queste persone cmq alla fine il modo per imparare le cose lo trovano, magari non subito, ma lo trovano.
Non sono questi gli imbroglioni... certo che no.

Elrond.
04-09-2003, 19.51.07
Originally posted by TheDarkAlcatraz
[...]

Non credo che il latino sia inutile, nè che sia una lingua morta, l'esperanto lo è, ma non il latino.
Concordo sull'altra affermazione, e cioè che in fondo non siamo tutti uguali.

TrustNoOne
04-09-2003, 19.58.07
Originally posted by TheDarkAlcatraz
Il problema è che prima bisogna passarci.
Essando stato bocciato già una volta, posso capire perfettamente cosa si provi in quel periodo, e vedere la gente che si affanna per studiare, per paura di essere bocciata, ma nonostante tutto non riesce ad ottenere i risultati che meriterebbe, beh mi rende meno problematico il pensare che forse copiare non è cosi un male... perchè queste persone cmq alla fine il modo per imparare le cose lo trovano, magari non subito, ma lo trovano.
Non sono questi gli imbroglioni... certo che no.
Certo. Anche io ho preso dei voti non buoni in alcuni esami perche' ho avuto la colpa di non conoscere alla perfezione argomenti che avrei potuto tranquillamente studiare in dieci minuti il pomeriggio successivo...

Non funziona cosi'... Se funzionasse cosi' avrei la media del 30 e lode o giu' di li'.
E all'universita' e' anche peggio... Col nuovo ordinamento poi...
I voti sono random. Studio per me stesso e spero di avere culo all'esame, la maggior parte delle volte e' cosi'.
L'ultimo esame che ho fatto ad esempio: avevo studiato tutto il programma; nel compito d'esame erano presenti due domande fuori dal suddetto programma, che effettivamente avrei dovuto conoscere, anche se comunque hanno risposto in pochi.
Risultato: Bocciato.
Mio collega: legge qualche dispensa il giorno prima, va a fare l'esame, copia. 21.
Io per fortuna non me la prendo per queste cose... Come si dice, "non rosiko" :D
Fin da quando ero piccolo mi hanno raccontato che nel mondo del lavoro contano le tue capacita' reali... Io non ci ho mai creduto, staremo a vedere ;)

A me piacerebbe un mondo dove ognuno ha quel che si merita... E a me capita in continuazione di avere TROPPO quando non devo, e non risolvere niente quando invece ho lavorato con impegno, costanza, per vedere il mio operato vanificato dalla SFIGA!

E adesso sai che ti dico? Non rileggo il post, cosi' se ci sono errori capisci quanto sono ignorante :notooth:

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 20.39.53
Originally posted by Elrond.
Non credo che il latino sia inutile, nè che sia una lingua morta,

un attimo, non ho detto che il latino è inutile, infatti ho corretto anche toccio che diceva che in medicina non serve... io l'ho definita morta, perchè non è una lingua che viene parlata da nessun popolo, al giorno d'oggi, quindi ha un utilizzo pratico pari allo zero.

TrustNoOne
04-09-2003, 20.42.23
Originally posted by TheDarkAlcatraz
un attimo, non ho detto che il latino è inutile, infatti ho corretto anche toccio che diceva che in medicina non serve... io l'ho definita morta, perchè non è una lingua che viene parlata da nessun popolo, al giorno d'oggi, quindi ha un utilizzo pratico pari allo zero.

Se per utilizzo pratico intendi parlare in latino con altre persone forse hai ragione. Ma sapere il latino comporta una migliore conoscenza dell'italiano... ;)

TheDarkAlcatraz
04-09-2003, 20.51.13
Originally posted by TrustNoOne
Certo. Anche io ho preso dei voti non buoni in alcuni esami perche' ho avuto la colpa di non conoscere alla perfezione argomenti che avrei potuto tranquillamente studiare in dieci minuti il pomeriggio successivo...

Non funziona cosi'... Se funzionasse cosi' avrei la media del 30 e lode o giu' di li'.
E all'universita' e' anche peggio... Col nuovo ordinamento poi...
I voti sono random. Studio per me stesso e spero di avere culo all'esame, la maggior parte delle volte e' cosi'.
L'ultimo esame che ho fatto ad esempio: avevo studiato tutto il programma; nel compito d'esame erano presenti due domande fuori dal suddetto programma, che effettivamente avrei dovuto conoscere, anche se comunque hanno risposto in pochi.
Risultato: Bocciato.
Mio collega: legge qualche dispensa il giorno prima, va a fare l'esame, copia. 21.
Io per fortuna non me la prendo per queste cose... Come si dice, "non rosiko" :D
Fin da quando ero piccolo mi hanno raccontato che nel mondo del lavoro contano le tue capacita' reali... Io non ci ho mai creduto, staremo a vedere ;)

A me piacerebbe un mondo dove ognuno ha quel che si merita... E a me capita in continuazione di avere TROPPO quando non devo, e non risolvere niente quando invece ho lavorato con impegno, costanza, per vedere il mio operato vanificato dalla SFIGA!

E adesso sai che ti dico? Non rileggo il post, cosi' se ci sono errori capisci quanto sono ignorante :notooth:

Questo che hai fatto è un discorso molto intelligente e acuto, ma c'è un però.
La copiatura, lo sappiamo tutti, non porta assolutamente a niente, se il nostro obiettivo è quello di raggiungere un qualsiasi grado di cultura o istruzione personale, però, è inutile nascondersi dietro a una pagliuzza, lo sappiamo tutti che ora la maggior parte degli studenti, intraprende gli studi perchè sa che questa è la sola maniera per garantirsi un futuro ( neanche troppo sicuro ) nella vita, magari poter mettere su una bella famiglia, avere dei figli ecc ecc. E se per riuscire in questo tipo d'intenti è necessario copiare, beh il danno per questa persona sarà limitato, se si pensa che non ha mai intrapreso gli studi per apprendimento personale, alla fine magari il soggetto non sarà istruito come si conviene, ma avrà perseguito i suoi scopi.
Purtroppo, lo devo ammettere anche io, questo è uno dei motivi per cui il settore dirigenziale degli ultimi 10 anni è in netto calo rispetto a quello di anni fa.
Io faccio il raffronto con mio padre, che è dirigente in una società di telecomunicazioni e che è sicuramente molto + preparato della nuove leve, anche se questi ultimi hanno dalla loro una cultura nettamente superiore.
Poi ovviamente le inguistizie, come il caso che hai presentato tu, sono all' ordine del giorno nella vita, ed è inutile anche stupirsene, visto che oramai il mondo gira in questo modo, che è un modo sbagliato, ma pretendere di cambiarlo ora è utopia.

*toccio*
04-09-2003, 21.02.52
Originally posted by TrustNoOne
Se per utilizzo pratico intendi parlare in latino con altre persone forse hai ragione. Ma sapere il latino comporta una migliore conoscenza dell'italiano... ;)

NO!! perchè dici ciò?
avevo detto qualche post in su che avrei gradito se nessuno l'avese detto :D

certo che bella fine che ha fatto il thread... da un sito per le versioni di latino al perchè si copia durante i compiti o gli esami :asd:

TrustNoOne
04-09-2003, 21.28.34
Originally posted by *toccio*
NO!! perchè dici ciò?
avevo detto qualche post in su che avrei gradito se nessuno l'avese detto :D

certo che bella fine che ha fatto il thread... da un sito per le versioni di latino al perchè si copia durante i compiti o gli esami :asd:
eh ma di solito i tuoi post li salto :ihih:

A me non sembra tanto off topic, anzi.

X3N0M
05-09-2003, 00.32.20
io non ho capito la perifrastica attiva

samgamgee
05-09-2003, 13.30.17
Originally posted by X3N0M
io non ho capito la perifrastica attiva

indica "sto per fare xyz", "sono in procinto di fare xyz" e si costruisce con il participio futuro di xyz (quello in -urus, per intenderci) e il verbo essere...

Cocitu
05-09-2003, 13.58.40
chi dice che in medicina non serve?

la mia donna studia veterinaria, e non avendo mai fatto latino, mi chiede continuamente delucidazioni su questo o su quell'altro termine.

La Botanica, la Zoologia e tante altre materie, usano terminologie di derivazione o latina o creca, e avere un'infarinatura di quelle due lingue è molto ma molto + utile di quanto si pensi...

Elrond.
05-09-2003, 14.56.51
Originally posted by cocitu
La Botanica, la Zoologia e tante altre materie, usano terminologie di derivazione o latina o creca, e avere un'infarinatura di quelle due lingue è molto ma molto + utile di quanto si pensi...

Il latino è stato a lungo la lingua scientifica europea, pertanto le prime ed importanti classificazioni sono state fatte in latino, e sovente da esso derivano anche quelle successive.
Comunque, a mio avviso, l'utilità del latino va ben oltre la possibilità di comprendere l'etimologia di termini che si incontrano in studi successivi. Lo studio del latino, fatto come si deve da un individuo recettivo, comporta un'educazione estetica, il che è dire tutto. Per non dire della sensibilizzazione delle capacità interpretative (nel senso più esteso del termine), offerta dall'abitudine alle traduzioni.

morettina
05-09-2003, 18.18.10
Originally posted by TheDarkAlcatraz
Esatto il concetto centrale è questo.
Fondamentalmente del latino se ne fotte più o meno la totalità degli studenti degli ultimi anni ( lo so perchè, anche se per poco, faccio parte anche della categoria dei liceali ).
Il latino è una lingua morta, piena di regola, cavilli, particolarità, eccezioni, che alla lunga non sono di una facilità mnemonica così elementare come la definisci tu.
Ci sono persone più portate ad incamerare una lingua "nuova" e altre che lo sono meno, non facciamo i moralisti dicendo che siamo tutti uguali, lo sanno anche i muri che non è così, e per piacere, non pigliamoci per il culo a vicenda.
Poi ci sono due categorie di persone che bisogna distinguere, altrimenti mi si scade nella polemica spicciola, e questo non lo vorrei assolutamente.
1. Coloro che non studiano per partito preso: non gli va e non lo faranno mai. Dunque sono coscienti del fatto che a scuola vanno male e male andranno sempre.
2. Coloro che studiano ma hanno una capacità di apprendimento inferiore alla media in tutte od in alcuna materia. Il latino non è esente da questa categorie, anzi è una di quelle per cui i professori danno + debiti e sicuramente non tutti i recuperi derivano da una superficialità nello studio.
Queste persone, ( lo so perchè molte persone, anche di famiglia, fanno parte di questa speciale categoria ) sebbene studino più ore di uno studente normale, non riescono ad incamerare la stessa quantità di informazioni o ha capire i concetti ed a sintetizzarli. Ciò non significa che queste persone sono handicappate o chessoio... semplicemente, lo ripeto, non siamo tutti uguali.
Dunque per il discorso che facevo prima riguardo al copiare e cose così, queste persone a volte sono obbligate a copiare, per non rischiare di essere penalizzate rispetto agli altri.
Il discorso sulla cultura scusami, ma non c'entra assolutamente niente con quello di cui si stava discutendo. Qui non si parla di cultura, ma dell' opportunità di fare un azione rispetto ad un' altra.


Purtroppo hai ragione quando dici che il latino interessa a pochissimi. Dico purtroppo perchè gli altri - la maggior parte - lo studiano malvolentieri e questo tipo di studio diventa una sofferenza.
Non sono d'accordo invece a proposito del fatto che ci sono delle persone che proprio non sono in grado di studiarlo. Cioè, magari ci sono ma sono proprio pochine. Ovvio che non tutti gli studenti sono in grado di effettuare magnifiche traduzioni di brani molto complessi, però un insegnante solitamente non parte subiito con traduzioni difficili. All'inizio si propongono brani semplici e molto accessibili, poi man mano, in base al livello generale della classe, si va avanti. Purtroppo il problema principale di chi non sa tradurre è - nel 99 % dei casi - la scarsa conoscenza della grammatica. Ora, lo studio della grammatica latina, devo ammetterlo, è piuttosto noioso e mnemonico; però non è così complicato. Si tratta per lo più di memorizzare verbi e sostantivi, e capire un pò di costruzioni. C'è chi queste nozioni le memorizza prima, chi ci mette più tempo, ma tutti sono in grado di apprendere. Solo con una solida preparazione grammaticale poi si può procedere alla traduzione, partendo non dal vocabolario ma dall'analisi delle frasi.
Certo, detto così sembra semplice, ma alla base c'è fatica e impegno. Però non venirmi a parlare di impossibilità di studiare il latino, almeno per uno studente di normale intelligenza.
A meno che tu non abbia un concetto così basso di te stesso da preferire considerarti incapace pur di risparmiarti un pò di lavoro in più.
Buon lavoro per il prossimo anno :)