PDA

Visualizza versione completa : Diario del 30 luglio - Arcade



K4pp4
30-07-2003, 14.00.52
Qualche tempo fa mi è successa una cosa particolare, per chi si dovrebbe definire un "pro" player.
Complice una coincidenza ferroviaria non proprio favorevole, mi sono trovato a dover passare una quarantina di minuti in una stazione secondaria: quelle dove il bar della stazione è ancora un pubblico esercizio dove va anche chi non ha treni da prendere, dove non gira la sorveglianza e dove si respira ancora un po' di aria di frontiera, per così dire.
Bene, accade che spesso in queste stazioni si trovino dei coin-op, e naturalmente questa non faceva eccezione. Galeotto un resto in moneta della mia consumazione, mi sono messo a giocare. Ad un Coin-op. Naturalmente non uno di quei sistemi fantascientifici che vanno per la maggiore nelle sale giochi (e che oggettivamente ne sono diventati la principale se non unica fonte di attrazione, perlomento dal punto di vista videoludico, ma su questo ritornerò probabilmente in un prossimo diario), ma con la più classica delle postazioni in piedi.
Al di la delle considerazioni sul sistema di controllo (dove sono il mio mouse e la tastiera? che me ne faccio di una manopola?), sul quale un PC-ista non può giudicare, e sull'usura del medesimo (diagonali maledette), devo ammettere che è stato divertente. Non per il gioco in sé, peraltro già esistente in commercio, quanto per la situazione.
Da quando i sistemi home in generale sono diventati qualitativamente equiparabili alle console a gettoni, lo stimolo al gioco "fuori casa" era un po' venuto a mancare. Eppure, dopo questa fugace e occasionale esperienza, credo di avere riscoperto un po' del fascino del coin-op: il fatto di giocare fra altre persone che giocano, molte delle quali sconosciute, di esporsi, di dimostrare le proprie capacità. E poi l'aspetto conviviale, le sfide, le partite in doppio, "cerca di andare avanti che vado a cambiare". Forse troppo spesso gli appassionati perdono di vista il contorno, fermandosi al puro e semplice lato tecnico. Eppure c'è del fascino anche in quello. Un po' come consumare al bar: nella maggioranza dei casi non ci si va per la consumazione, ma per quello che ci sta intorno: la gente, le chiacchere, il giornale, la commessa del negozio vicino che va a prendere il caffè tutte le mattine fra le dieci e mezza e le undici. E via di questo passo. In questo modo il coin-op si rivaluta come strumento di socializzazione, e il gioco, la partita, diventano un semplice pretesto per cominicare, come il caffè o la bibita al banco.
Ricordando le partite a Street Fighter II del sabato pomeriggio a 200 lire l'una e pensando alle amicizie, anche durature, nate davanti al monitor, vi lascio a riflettere.

Bellerofonte_
30-07-2003, 16.48.30
Purtroppo i coin-op stanno scomparendo sempre più per lasciare posto alle macchinette dei giochi di azzardo :(

K4pp4
30-07-2003, 16.59.32
Originally posted by Bellerofonte_
Purtroppo i coin-op stanno scomparendo sempre più per lasciare posto alle macchinette dei giochi di azzardo :(

La cosa veramente triste è che, in più di una circostanza la gente assimila a quelle macchine il concetto di "videogame".
Questo è ancora più triste della scomparsa dei coin-op IMHO

[~AlmoR~]
30-07-2003, 17.05.48
quanti ricordi, e quanti soldi.....

ricordo che avevo il barattolo con solo 200 lire, dicevo a casa che volevo farne la collezione, e invece era per The New Zealand Story, Bubble bubble, Shinobi... e via..!

bei tempi, bei ricordi!

Twingo
30-07-2003, 17.21.00
Originally posted by Bellerofonte_
Purtroppo i coin-op stanno scomparendo sempre più per lasciare posto alle macchinette dei giochi di azzardo :(

la stessa tristezza che ho provato io quando hanno levato il flipper per far posto ad un videogioco.

evoluzione...

K4pp4
30-07-2003, 17.39.39
Originally posted by Twingo
la stessa tristezza che ho provato io quando hanno levato il flipper per far posto ad un videogioco.

evoluzione...

hmmm...
capisco il sentimento ma non la sostanza...
fra flipper e coin-op si parlava comunque di due forme di intrattenimento indubbiamente diverse ma equiparabili, in termini di investimento per tempo di gioco e interattività. Il videopoker ha finalità diverse (azzardo anche se legalizzato) e soprattutto costi per tempo di gioco molto più elevati, che lo assimilano, a mio avviso, più a una specie di 'slot machine elettronica' che ad un videogame, perlomeno nel senso che diamo noi a questo termine.
Che poi 'tecnicamente' si tratti di videogioco è un'altro discorso... ma del resto in Italia anche una macchina a quattro ruote con un motore da 500 cc è 'tecnicamente' un motorino per cui... :( :(

Twingo
30-07-2003, 17.48.06
Originally posted by K4pp4
hmmm...
capisco il sentimento ma non la sostanza...
fra flipper e coin-op si parlava comunque di due forme di intrattenimento indubbiamente diverse ma equiparabili, in termini di investimento per tempo di gioco e interattività. Il videopoker ha finalità diverse (azzardo anche se legalizzato) e soprattutto costi per tempo di gioco molto più elevati, che lo assimilano, a mio avviso, più a una specie di 'slot machine elettronica' che ad un videogame, perlomeno nel senso che diamo noi a questo termine.
Che poi 'tecnicamente' si tratti di videogioco è un'altro discorso... ma del resto in Italia anche una macchina a quattro ruote con un motore da 500 cc è 'tecnicamente' un motorino per cui... :( :(

infatti io non mi riferivo al videopoker. penso non sia solo una forma di intrattenimento e che sia orientata verso un pubblico decisamente diverso da quello dei videogiocatori.

ma anche i videopoker nei locali pubblici secondo me scompariranno. ora si può giocare in veri casino standosene tranquillamente a casa.

Bellerofonte_
30-07-2003, 20.32.10
Comunque io i coin-op e i flipper ormai li trovo soltanto neigli stabilimenti balneari qui a Catania.

tanis
30-07-2003, 21.12.53
Ma non ci hai detto una cosa fondamentale.. a che gioco hai giocato? :)

Stobby
30-07-2003, 22.20.51
Originally posted by K4pp4
"cerca di andare avanti che vado a cambiare".

[..]

Ricordando le partite a Street Fighter II del sabato pomeriggio a 200 lire l'una e pensando alle amicizie, anche durature, nate davanti al monitor, vi lascio a riflettere.


Quante volte ho pronunciato quella frase con i miei compagni di avventura davanti a Golden Axe, Street Fighter e Bubble Bubble!

Bellerofonte_
31-07-2003, 15.54.53
Di Bubble Bubble ne hanno fatto una versione PC, per chi non lo sapesse