PDA

Visualizza versione completa : Superiori. Noi? O_o



kyjorkx
28-07-2003, 03.03.47
Prendendo spunto da una perla del Dr. Ing. Prof. (ecc...) sua maestà Silvio Berlusconi, apro questo topic. :stica:


Siamo davvero la civiltà superiore?
Se sì perché?
Quale sono le cose che ci identificano come la civiltà Leader del mondo?
Da quand'è che lo siamo? (Se lo siamo)
Dobbiamo diffondere le nostre abitudini (con annessi e connessi)?


A' vous :)






[Prego astenersi commenti tipo: "Siamo noi si, chi vuoi che siano li négheri?]
Danke :D

gefri
28-07-2003, 03.18.36
siamo una civiltà superiore. per esempio perchè vi è una maggiore umanità a livello legislativo (se una donna è adultera qui da noi non la lapidano per esempio) e le leggi non sono dettate da testi millenari, ma in continua evoluzione.
Non siamo e non saremo mai una cultura superiore, le culture non possono essere giudicate, tutte sono allo stesso livello.
ma questo all'epoca molti con molta ipocrisia non lo vollero capire.

Elenina
28-07-2003, 10.23.41
:rolleyes:
ancora con sta storia?
Il Berlusca disse che la civiltà occidentale è superiore in confronto alla civiltà mediorientale nella quale:
-Il maschio è il dominatore incontrastato
-l' infibulazione è pratica tutt'ora in voga
-le donne non possono lavorare, devono essere mantenute dal marito e se sono vedove il massimo che possono fare è l'elemosina per le strade
-le donne nn possono essere curate da dottori maschi... dottori femmine non esistono perche le donne non hanno diritto a studiare
-l' adulterio da parte della donna è punito con la lapidazione pubblica
-vige tutt'ora ancora la regola "occhio per occhio..."

Elche ti basta oppure devo continuare?

Format_C
28-07-2003, 10.26.00
Originally posted by Elenina
:rolleyes:
ancora con sta storia?
Il Berlusca disse che la civiltà occidentale è superiore in confronto alla civiltà mediorientale nella quale:
-Il maschio è il dominatore incontrastato
-l' infibulazione è pratica tutt'ora in voga
-le donne non possono lavorare, devono essere mantenute dal marito e se sono vedove il massimo che possono fare è l'elemosina per le strade
-le donne nn possono essere curate da dottori maschi... dottori femmine non esistono perche le donne non hanno diritto a studiare
-l' adulterio da parte della donna è punito con la lapidazione pubblica
-vige tutt'ora ancora la regola "occhio per occhio..."

Elche ti basta oppure devo continuare?


quoto in toto

Qfwfq
28-07-2003, 10.44.23
Originally posted by Elenina
Il Berlusca disse che la civiltà occidentale è superiore in confronto alla civiltà mediorientale nella quale:
-Il maschio è il dominatore incontrastato
-l' infibulazione è pratica tutt'ora in voga
-le donne non possono lavorare, devono essere mantenute dal marito e se sono vedove il massimo che possono fare è l'elemosina per le strade
-le donne nn possono essere curate da dottori maschi... dottori femmine non esistono perche le donne non hanno diritto a studiare
-l' adulterio da parte della donna è punito con la lapidazione pubblica
-vige tutt'ora ancora la regola "occhio per occhio..."


Esiste un principio cui sarebbe auspicabile attenersi nelle relazioni internazionali chiamato diplomazia; una affermazione del genere, per quanto tecnicamente condivisibile se ci si limita a prendere in considerazione lo sviluppo socio-politico del Medioriente, all'indomani degli eventi dell'11 Settembre dimostra una assoluta pochezza politica, una totale mancanza di tatto diplomatico, una evidente discrepanza con le linee diplomatiche di tutti gli altri paesi europei improntate alla moderazione dei toni nelle relazioni con i paesi arabi e di conseguenza la stupidità, o per lo meno, la drammatica inaccortezza dell'uomo che si è lasciato andare in modo tanto sconsiderato a quella che può essere una buona riflessione personale, ma non possiede con tutta evidenza i requisiti politici necessari per poter essere considerata una valida linea di condotta in materia di politica estera. Dichiarazioni del genere, rese in un un contesto già sufficientemente rovente e segnato dalla volontà degli elementi moderati di ambo le parti di non spostare ideologicamente il conflitto sulle basi della esecrabile lotta di civiltà, hanno una evidente connotazione criminosa, se si ragiona ( come d'altronde si dovrebbe ) in termini diplomatici. Purtroppo si dovrebbe far presente a Mr. Berlusconi che in un contesto multilaterale e sovranazionale non sono richieste opinioni personali da parte del premier, ma valide linee di condotta.

Elenina
28-07-2003, 10.58.18
qua nn si tratta di diplomazia... qua si tratta di trascuratezza dei + banali diritti umani...
Cosa c'entra l'11 settembre?? sono secoli che in medioriente applicano le stesse leggi...

fenderplay
28-07-2003, 11.07.25
Originally posted by Elenina
qua nn si tratta di diplomazia... qua si tratta di trascuratezza dei + banali diritti umani...
Cosa c'entra l'11 settembre?? sono secoli che in medioriente applicano le stesse leggi...

:azz:

Elenina
28-07-2003, 11.09.47
complimenti per l'intervento Fender

BESTIA_kPk
28-07-2003, 11.15.16
Originally posted by Elenina
qua nn si tratta di diplomazia... qua si tratta di trascuratezza dei + banali diritti umani...
Cosa c'entra l'11 settembre?? sono secoli che in medioriente applicano le stesse leggi...

Forse non hai capito che l'argomento 11 settembre è a dir poco rilevante se affermi pubblicamente che siamo superiori a qualche arabo?

Rileggi il post di qfwqf che evidentemente non hai capito.

La questione meridionale.. hem la spieghi? meglio evitare fraintendimenti...

Zaorunner
28-07-2003, 11.16.56
Originally posted by Elenina
qua nn si tratta di diplomazia... qua si tratta di trascuratezza dei + banali diritti umani...
Cosa c'entra l'11 settembre?? sono secoli che in medioriente applicano le stesse leggi...

C'e una cosa chiamata Sovranita' Nazionale.
Quando te riconosci uno stato, allora riconosci anche questa.

Perche' noi possiamo andare in casa loro a sindacare sulle loro leggi perche' vecchie di migliaia di anni, e loro non possono venire da noi a romperci le scatole perche' cambiamo leggi ogni 5 minuti?

La domanda e' retorica, cmq la risposta e' armi, potere, soldi.

Elenina
28-07-2003, 11.24.32
allora i casi sono due... o io e voi parliamo 2 lingue diverse oppure io mi drogo e vedo cose che non esistono...

in ogni caso il fatto è che ora come ora vengono violati DIRITTI UMANI CHE DOVREBBERO ESSERE SACRI non c'entra la politica, berlusconi, o quant'altro... chi (vediamo se così la capite)


-Il maschio è il dominatore incontrastato
-l' infibulazione è pratica tutt'ora in voga
-le donne non possono lavorare, devono essere mantenute dal marito e se sono vedove il massimo che possono fare è l'elemosina per le strade
-le donne nn possono essere curate da dottori maschi... dottori femmine non esistono perche le donne non hanno diritto a studiare
-l' adulterio da parte della donna è punito con la lapidazione pubblica
-vige tutt'ora ancora la regola "occhio per occhio..."

Sono queste le cose che non vanno bene... che nn sono umane, che nn sono ciili che sono INFERIORI!

palka
28-07-2003, 11.34.47
Siamo noi si, chi vuoi che siano li négheri?

onigate
28-07-2003, 13.01.36
Originally posted by Qfwfq
Esiste un principio cui sarebbe auspicabile attenersi nelle relazioni internazionali chiamato diplomazia; una affermazione del genere, per quanto tecnicamente condivisibile se ci si limita a prendere in considerazione lo sviluppo socio-politico del Medioriente, all'indomani degli eventi dell'11 Settembre dimostra una assoluta pochezza politica, una totale mancanza di tatto diplomatico, una evidente discrepanza con le linee diplomatiche di tutti gli altri paesi europei improntate alla moderazione dei toni nelle relazioni con i paesi arabi e di conseguenza la stupidità, o per lo meno, la drammatica inaccortezza dell'uomo che si è lasciato andare in modo tanto sconsiderato a quella che può essere una buona riflessione personale, ma non possiede con tutta evidenza i requisiti politici necessari per poter essere considerata una valida linea di condotta in materia di politica estera. Dichiarazioni del genere, rese in un un contesto già sufficientemente rovente e segnato dalla volontà degli elementi moderati di ambo le parti di non spostare ideologicamente il conflitto sulle basi della esecrabile lotta di civiltà, hanno una evidente connotazione criminosa, se si ragiona ( come d'altronde si dovrebbe ) in termini diplomatici. Purtroppo si dovrebbe far presente a Mr. Berlusconi che in un contesto multilaterale e sovranazionale non sono richieste opinioni personali da parte del premier, ma valide linee di condotta.

Twingo
28-07-2003, 13.04.00
Originally posted by Elenina
allora i casi sono due... o io e voi parliamo 2 lingue diverse oppure io mi drogo e vedo cose che non esistono...

in ogni caso il fatto è che ora come ora vengono violati DIRITTI UMANI CHE DOVREBBERO ESSERE SACRI non c'entra la politica, berlusconi, o quant'altro... chi (vediamo se così la capite)



Sono queste le cose che non vanno bene... che nn sono umane, che nn sono ciili che sono INFERIORI!

puoi scrivere un pò più grande ? non si legge...

Ray McCoy
28-07-2003, 13.05.03
Originally posted by Zaorunner
C'e una cosa chiamata Sovranita' Nazionale.
Quando te riconosci uno stato, allora riconosci anche questa.

*

Se qualcuno fosse seriamente intenzionato a far progredire socialmente altre nazioni, si applicherebbe in questa ottica. Ma, in fondo, rimaniamo tutti troppo interessati ad armi, potere, soldi.

kyjorkx
28-07-2003, 13.11.40
Originally posted by palka
Siamo noi si, chi vuoi che siano li négheri?

Battaddo! :D

Twingo
28-07-2003, 13.14.03
Originally posted by palka
Siamo noi si, chi vuoi che siano li négheri?

du non buò dire guesdo...

Sparpa
28-07-2003, 16.04.16
uhm...ordunque(ammazza come sò acculturato :D ), visto che siamo in tema di "reprise" su vecchie questioni mai risolte(e non pretendo nemmeno che si trovi una impossibile soluzione), mi sento un pochino più calmo e diplomatico nel valutarle.

partiamo da un presupposto fondamentale, ovvero che l'evoluzione socio-religiosa di oriente ed occidente hanno nulla a che fare fra di loro.
Influenze dell'uno sull'altro? si e no, ma non determinanti.

Dovremmo prima di tutto capire che nelle 2 culture, il ruolo chiave è stato giocato dall'appartenenza religiosa. Solo questo basterebbe a renderci simili limitatamente al fatto di essere UMANI, intendo Esseri Umani.

io dico: un punto in comune non da poco, ma soprassediamo.

mi servirebbe tanto il supporto culturale di qualcuno per elencare delle piccole grandi differenze tra l'una e l'altra civiltà, e soprattutto le differenze religiose nel dettaglio, ma questa persona non c'è. Forse Qfwfq potrebbe essermi di grande aiuto :)

in sostanza, prendendo il discorso un pò sul generale e più sul pratico, nella nostra civiltà occidentale(di cui mi sento parte integrante) si è lavorato nel corso dei secoli per poter garantire il maggior numero di libertà possibili, nel rispetto della libertà altrui e cercando di combattere l'oppressione e la schiavitù.
Si pensi come siamo messi oggi, anche solo rispetto a non più di 2-3 secoli fa. Ed ho esagerato.

La nostra "superiorità" o presunta tale, è vera nel momento in cui ci rendiamo coscienti e ci adoperiamo per garantire un DIGNITA' ad ogni singolo individuo. Badate bene, è una parola grandissima che racchiude in se tutto ciò di cui vorremmo e potremmo parlare.
La superiorità tecnologica? vera, ma è nelle possibilità di ogni essere umano, quindi non può essere considerata un nostro "marchio".

Quello che dice Elenina, la condizione a dir poco "sfavorevole" della donna nella cultura medio-orientale, è probabilmente la prima cosa che viene sbattuta in faccia a chi sostiene che non vi sia una reale superiorità degli occidentali. Beh, io tendo a considerare tuttò ciò, prima di tutto una crudeltà ingiustificata, e me ne infischio bellamente dell'appartenenza religiosa, sociale blah blah. In quel caso, siamo proprio fuori dal solo RISPETTO di una qualsivoglia DIGNITA'. Abbiamo criticato e critichiamo(spesso giustamente) la nostra Chiesa Cattolica perchè considerata il regno dell'ipocrisia, della mistificazione, della grettezza, dell'avidità. Però poi spendiamo parole, ci spertichiamo di lodi, per una cultura medio-orientale dove un ESSERE UMANO è privo di diritti. Parliamo noi, i libertini per eccellenza...

la Nostra cultura occidentale perde inesorabilmente, oggi più che mai, quando anche solo accendiamo la TV e vediamo donne che rimpiazzano i manichini, donne che ti mostrano tette e culo per la pubblicità del detersivo dei piatti. Donne che ammiccano maliziosamente per la pubblicità dell'acqua da bere.
Una cultura dove le letture "cult" sono FOX UOMO e MEN'S HEALTH.
10 modi per portartela a letto!!!!

Incredibile amisciiiiiiii.....ma come....solo 10??????


prosit.....

Twingo
28-07-2003, 16.16.42
[QUOTE]Originally posted by kyjorkx

Siamo davvero la civiltà superiore?
Se sì perché?
Quale sono le cose che ci identificano come la civiltà Leader del mondo?
Da quand'è che lo siamo? (Se lo siamo)
Dobbiamo diffondere le nostre abitudini (con annessi e connessi)?


Forse è quello che pensano i giapponesi...

RoodRedBear
28-07-2003, 19.00.43
Originally posted by Elenina
allora i casi sono due... o io e voi parliamo 2 lingue diverse oppure io mi drogo e vedo cose che non esistono...

in ogni caso il fatto è che ora come ora vengono violati DIRITTI UMANI CHE DOVREBBERO ESSERE SACRI non c'entra la politica, berlusconi, o quant'altro... chi (vediamo se così la capite)

Sono queste le cose che non vanno bene... che nn sono umane, che nn sono ciili che sono INFERIORI!

Uhm.. (http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/rep_nazionale_n_431384.html)
Verissimo..Sono inferiorissimi.. Noi si che siamo civili.

destino
28-07-2003, 19.06.51
Originally posted by Elenina
:rolleyes:
ancora con sta storia?
Il Berlusca disse che la civiltà occidentale è superiore in confronto alla civiltà mediorientale nella quale:
-Il maschio è il dominatore incontrastato
-l' infibulazione è pratica tutt'ora in voga
-le donne non possono lavorare, devono essere mantenute dal marito e se sono vedove il massimo che possono fare è l'elemosina per le strade
-le donne nn possono essere curate da dottori maschi... dottori femmine non esistono perche le donne non hanno diritto a studiare
-l' adulterio da parte della donna è punito con la lapidazione pubblica
-vige tutt'ora ancora la regola "occhio per occhio..."

Elche ti basta oppure devo continuare?

aggiungiamoci pure gli harem :D

Elenina
28-07-2003, 19.12.42
Originally posted by Sparpa

la Nostra cultura occidentale perde inesorabilmente, oggi più che mai, quando anche solo accendiamo la TV e vediamo donne che rimpiazzano i manichini, donne che ti mostrano tette e culo per la pubblicità del detersivo dei piatti. Donne che ammiccano maliziosamente per la pubblicità dell'acqua da bere.
Una cultura dove le letture "cult" sono FOX UOMO e MEN'S HEALTH.
10 modi per portartela a letto!!!!

Incredibile amisciiiiiiii.....ma come....solo 10??????


prosit.....
Come non darti ragione... il livello culturale delle riviste, della radio e della tv italiano è di quanto + basso possa esserci... ma mostrare culi e leggere i 10 modi è leggermente meno grave :)

OrsoRosso: Un conto è la violenza in guerra, dunque passibile per legge e un conto è la violenza considerata legale da un popolo che tratta la donna peggio di un cane (e non è un modo di dire purtroppo)

il_falchetto_pellegrino
28-07-2003, 19.18.37
E' una discussione senza capo nè coda, se non si tiene conto del fattore tempo-storia.

Leggo che sremmo una civiltà superiore perchè tecnolgicamente più avanzati, perchè abbiamo inventato i computer. Sì, ma l'algebra l'hanno inventata gli arabi e ti voglio vedere a creare qualunque cosa senza l'algebra...

Le donne in certi paesi mediorientali sono trattate in maniera aberrante. Verissimo. Ma Lara Cardella ha scritto "Volevo i pantaloni" una decina d'anni fa... i siciliani sono inferiori? O sono diversi?
E le donne che dovevano sposarsi vergini? Certo, non è l'infibulazione, ma sventagliare un lenzuolo sporco di sangue davanti a tutto il paese non è un tantino umiliante?
In parti dell'Occidente che vorrebbe essere il più milgiore dei migliori, esiste la pena di morte, e quelli che crepano di più sono poveri e neri, che non possono permettersi un avvocato.
La Seconda Guerra Mondiale l'abbiamo fatta noi, non gli Arabi, anche se poi ne hanno patito il peso, giusto o sbagliato (la creazione di Israele in Palestina) al posto nostro.
Per molti versi, le cose che accadono oggi in Arabia, sono quelle che accadevano da noi neppure cinquant'anni fa (mia madre si è presa della sgualdrina da una donna perchè ha fatto la cresima coi capelli corti).
Se al posto di sparare cavolate su una supposta civiltà migliore, cercassimo il dialogo piuttosto della guerra, si favorirebbe di molto lo sviluppo di un Islam moderato, che quanto a civiltà ha veramente poco da imparare.

Qfwfq
28-07-2003, 19.24.29
Originally posted by Sparpa

partiamo da un presupposto fondamentale, ovvero che l'evoluzione socio-religiosa di oriente ed occidente hanno nulla a che fare fra di loro.
Influenze dell'uno sull'altro? si e no, ma non determinanti.

mi servirebbe tanto il supporto culturale di qualcuno per elencare delle piccole grandi differenze tra l'una e l'altra civiltà, e soprattutto le differenze religiose nel dettaglio, ma questa persona non c'è. Forse Qfwfq potrebbe essermi di grande aiuto :)


Nel tracciare le principali differenze in materia religiosa, politica e sociale mi appoggerei a "Il suicidio dell'Islam" di Bernard Lewis, probabilmente il miglior testo attualmente in circolazione.

Prima differenza di fondo: contrariamente a quanto accaduto nell'Europa, l'Islam non è mai riuscito a concepire una vera autonomia della sfera politico-sociale da quella religiosa. Legge divina e legge terrena continuano a coincidere determinando l'assenza di una condizione di Laicismo nel suo moderno significato politico ( ovvero l'idea che religione ed autorità politica, chiesa e stato siano cose diverse, e possano o debbano essere separate ). L'idea di una profonda dicotomia fra Stato e Chiesa è pertanto tipicamente cristiana. Cito testualmente:

L'idea che un gruppo di persone, una certa attività, una qualsiasi parte della vita umana restino fuori in qualsiasi senso dalla sfera d'azione della legge religiosa è estranea alla mentalità musulmana. Per esempio, non c'è distinzione fra legge canonica e legge civile, fra legge della chiesa e legge dello stato, essenziale nella storia cristiana. C'è un'unica legge, la shari'a, che per i musulmani è di origine divina e regola ogni aspetto della vita umana: civile, commerciale, penale, costituzionale, oltre alle materie più specificamente religiose nel senso ristretto, cristiano del termine.

Come primo spunto di riflessione è decisamente consistente ;)

Elenina
28-07-2003, 19.28.31
La mentalità siciliana per quanto riguarda la donna è sicuramente da non trascurare: è vero che c'è forte discriminazione... ma se in sicilia (adesso nel 2003) al massimo ti danno della puttana (offesa morale per carità)... in Islam puoi anche morire perchè se commetti un atto impuro vieni privata dei pochissimi diritti che avevi prima e le offese fisiche si sprecano...

la pena di morte ora come ora c'è solo in texas... ed è accettata dai cittadini del texas con regolare votazione "democratica"... Non devo essere io a insegnarti che i cretini ci sono ovunque...

Patcha
28-07-2003, 19.40.59
Ma come, non hai ancora notato quanta gente superiore c'è su questo forum? :asd:

Mica la trovi gente così superiore in altri continenti oltre all'America e all'Australia... :roll3:

Elrond.
28-07-2003, 19.51.35
Originally posted by Qfwfq
Come primo spunto di riflessione è decisamente consistente ;)

Ad ogni modo il diritto islamico non è costituito esclusivamente dalla Sari'a. Già nel secolo scorso l'Impero Ottomano recepì il codice di commercio ed il codice di navigazione francese, sulla base dell'assunto che lo stato può regolare gli aspetti pratici della vita dei fedeli, purchè non siano in contrasto con la loro vita religiosa. Ma a partire dal XX secolo, istituti di diritto provenienti dall'esperienza europea, sono stati introdotti negli stati islamici addirittura per quanto rigurda il diritto di famiglia, superando la dicotomia esistente tra dirtitto dei rapporti patrimoniali (tradizionalmente basato sul modello francese, per via dell'esperienza coloniale di molti paesi africani musulmani), ed il diritto di famiglia e delle successioni (basato sulle tradizioni).

Inoltre un punto che mi preme chiarire è questo: nel tuo discorso, Q., parti dal presupposto implicito che una concezione del diritto laica, sia superiore ad una concezione religiosa. Non sono esattamente d'accordo, questa tua valutazione dipende solo dalla mentalità con cui noi occidentali siamo abituati a ragionare sulla base del nostro processo evolutivo, che può essere diverso da quello di un altro paese, ma non per questo migliore (e allo stesso modo, anche se in misura minore, non riusciamo a concepire molti istituti dei paesi di Common Law).
D'altra parte la Sari'a è riuscita a soddisfare appieno le esigenze del mondo islamico fino all'inizio del XIX secolo, solo in seguito la società in continua evoluzione ha messo in evidenza la necessità di svecchiare il diritto; e si è passati attraverso fasi non eccezionali, in cui si copiavano le codificazioni straniere. L'orientamento attuale ha invece superato questa fase, e cerca di conseguire un punto d'incontro tra le esigenze di una società dinamica, e le pretese irrinunciabili del diritto islamico.
Nè tale diritto, in quanto religioso, va concepito come qualcosa di immobile. Tale diritto è stato in pratica creato dai giuristi islamici, ed il più delle volte poteva essere ricondotto solo in maniera tortuosa alla rivelazione divina. Fondamentalmente i giuristi islamici del periodo classico potevano fare il bello ed il cattivo tempo, ed in più poterono contare su una autorità che la scienza giuridica continentale non conobbe mai.
Dunque il diritto religioso non è immobile: è vero che esso è stato rivelato una volta per tutte da Dio a Maometto, ed attraverso i suoi detti e le sue azioni (raccolti nel Corano e nella Sunnah) è conoscibile da parte degli uomini, ma gli stessi musulmani riconoscono che tale diritto va interpretato, non fu chiaro subito dal primo istante che seguì la rivelazione. D'altra parte, se fu possibile nel secolo scorso la recezione di codici continentali, tanto più appare possibile un'evoluzione interna, che non prescinda tuttavia dai principi religiosi. E questa è la strada attualmente seguita.
La scissione tra diritto e religione, oltre a non essere storicamente possibile secondo lo stato attuale delle cose (tranne un pessimo esempio, quello della Turchia, che ha abbandonato la Sari'a sostituendola interamente tramite la recezione del Codice Civile Svizzero, nel 1926; e, pur dovendo dimostrare l'aderenza articolo per articolo dello ZBG ai principi religiosi, ha determinato una rottura con le tradizioni causa di non pochi disagi, essendo lo ZBG studiato per una società dalle esigenze molto diverse); dicevo, oltre a non essere storicamente possibile una completa scissione tra religione e diritto, la vedo anche come poco auspicabile.

il_falchetto_pellegrino
28-07-2003, 19.57.06
Originally posted by Elenina
La mentalità siciliana per quanto riguarda la donna è sicuramente da non trascurare: è vero che c'è forte discriminazione... ma se in sicilia (adesso nel 2003) al massimo ti danno della puttana (offesa morale per carità)... in Islam puoi anche morire perchè se commetti un atto impuro vieni privata dei pochissimi diritti che avevi prima e le offese fisiche si sprecano...

la pena di morte ora come ora c'è solo in texas... ed è accettata dai cittadini del texas con regolare votazione "democratica"... Non devo essere io a insegnarti che i cretini ci sono ovunque...

Veramente la pena di morte c'è in quasi tutti gli Sati americani, tranne il Vermont e altri due o tre al max.
Che il texas poi sia lo stato principe per questa questione, è anche vero.

Non ho detto che la situazione sicialiana è la medesima di quella islamica, o perlomeno non ora, ma di donne uccise per delitto passionale o che hanno vissuto come schiave ce ne sono parecchie, e la matrice del pensiero è la medesima.

Resto dell'idea che forzare con la guerra l'"evoluzione" di un popolo non porti a nulla, molto meglio il dialogo.

Tieni conto che se una donna in Sicilia, sino a pochi anni fa, aveva rapporti prematrimoniali con un uomo, era di fatto costretta costretta a sposarsi, pena l'emarginazione dalla vita sociale del paese, che non è una morte fisica, ma civile.

E inoltre, non in tutti i paesi islamici avviene quanto descritto. In quelli moderati non accade. Noi dobbiamo cercare un dialogo con l'Isalm moderato, piuttosto che bombardare i paesi arabi e aumentare il massimalismo per reazione.

zeder
28-07-2003, 20.21.40
Originally posted by Elenina
:rolleyes:
ancora con sta storia?
Il Berlusca disse che la civiltà occidentale è superiore in confronto alla civiltà mediorientale nella quale:
-Il maschio è il dominatore incontrastato
-l' infibulazione è pratica tutt'ora in voga
-le donne non possono lavorare, devono essere mantenute dal marito e se sono vedove il massimo che possono fare è l'elemosina per le strade
-le donne nn possono essere curate da dottori maschi... dottori femmine non esistono perche le donne non hanno diritto a studiare
-l' adulterio da parte della donna è punito con la lapidazione pubblica
-vige tutt'ora ancora la regola "occhio per occhio..."

Elche ti basta oppure devo continuare?
ahhh la superiorità occidentale...
Ele il tuo discorso è fondamentalmente sbagliato.. tu attribuisci ad una civiltà cosiddettta islamica cose che non esisitono, xchè la civiltà islamica è variegata e ti ricordo va dall'africa all'indonesia.
Ti vorrei solo ricordare che "l'evoluto occidente" ha concesso x la prima volta diritto di voto alla donna nel 1905 (norvegia). In Italia hanno votato x la prima volta nel 46... appena ieri insomma.. la legge sul divorzio è del 70 il delitto d'onore è stato abolito negli anni 60... l'evolutissima america ancora negli anno 60 non concedeva molti diritti ai negri.
La maggior parte del mondo "islamico" è uscito dal colonialismo nei lontanissimi anni 60 e noi pretendiamo che siano "evoluti" quanto noi?
Tra l'altro quelli citati da te sono solo luoghi comuni...
Infibulazione: è una pratica tribale (non islamica) presente in alcuni parti dell'africa (vedi somalia-etiopia) ma totalmente sconosciuta al resto...
il discorso delle donne e della parità dei diritti.. bè pensa solo che in marocco c'è parità di diritti, donne e uomini vivono all'occidentale. L'iran, prima della presa al potere dei fondamentalisti, era tollerante e donne e uomini vivevano e lavoravano assieme.
Questo solo x rimanere sul generale...

edit: scusate è un discorso scritto un pò alla cazz0.. ma spero si capisca

jegosfig
28-07-2003, 20.45.44
non mi sono mai piaciute le discuzzioni come queste per un semplice motivo prendete una partita di calcio italia-brasile ad esempio se in una partita cosi la facessimo dirigere ad un arbitro brasiliano o ad uno italiano la partita la considereremmo nulla perche non potrebbe esserci imparzialita.


stessa cosa in questo topic, siamo ragazzi occidentali che cercano di dire cosa ha di superiore la nostra civilta confronte alla loro ed il contrario naturalmente.

a parte le menate che racconda la televisione posso giurarvi che certe cose ci appaiono inumane solo perche sono fuori della nostra cultura (premessa spero che in questo topic si parli di paesi arabi e non di fanatici tipo i talebani o quelli che governano in iran) io sono stato 8 mesi in marocco per lavoro e vi posso giurare che sono finito per condividere ed aprezzare certe cose
partiamo dalla questione della donna
e assolutamente falso che non possono studiare o non possono usurfruire di un medico; e vero che non possono fare certi lavori ma solo perche ritenuti sconvenienti (se dite che questo e ingiusto ditemi perche fare la prostituta in italia non e visto di buon occhio e solo questione di cultura).

unaltra che si critica spesso e che le donne sono costrette a coprire il volto altra cosa falsa in anzitutto non sono obbligate (alcuni genitori e vero obbligano le figlie ma se critichiamo queste persone dobbiamo criticare quei padri e quelle madri che da noi non permettono alle loro figlie di mettere una minigonna perche troppo piccole) e i motivi per qui si coprono non sono poi cosi incivili i due principali motivi sono
1 al contrario che da noi le donne troppo scure di pelle non piaciono quindi se da noi si abronzano li fanno il contrario.
2 la donna e vista come un dono un ogetto prezzioso vedere il volto di una donna e considerato come una delle cose più belle che ti possono considerare.
io direi che facciamo più skifo da noi dove le donne per riuscire nella vita devono divendare dei pezzi di carne e mostrare tette e culo, e il massimo a qui possono aspirare e di diventare veline
qualcuno a mensionato gli harem a parte che sono davvero pochi gli uomini che lo possiedono ancora se vi informate ci sono leggi molto severe a riguardo le prime che mi vengono in mente sono che non si possono avere più di 4 mogli e la secondsa e che prima che un uomo abbia una seconda sposa la prima deve essere pienamente daccordo in cio poi a dire la verita non ci trovo niente di immorale e solo questione di cultura, e la cultura non e mai sbagliata per i popoli a qui appartiene. e poi pensate alla situazione italiana siamo tutti dei cervi (maschi e femmine) credete che sia moralmente più giusto e gli scambisti,chi pratica il sesso di gruppo,ecc.


passiamo ora al intolleranza religiosa credo che difendere la propria fede la propria cultura non sia un crimine forse i criminali siamo noi che per soldi abbiamo svenduto i nostri dei e si vero che anche nei paesi moderati ci sono dei fanatici ad oltranza ma fidatevi c'e li abbiamo anke noi solo che i nostri, fanno meno notizia.


la pena di morte come gia detto lo stesso stato porta bandiera del occidente ne fa largo uso


credete a me
i paesi islamici non hanno niente da imparare da noi

Sparpa
28-07-2003, 20.56.55
Originally posted by Qfwfq


Come primo spunto di riflessione è decisamente consistente ;) sei un grande, ed inizio subito col ringraziarti del supporto ;)

appena possibile interverrò ancora :)

marlaw
28-07-2003, 21.04.37
si stanni criticando non l'islam in generale ma i paesi islamici nn moderati dove i dirtitti della donna non esistono.....basta pensare in afganistan al burca o a tante altre cose
un "bombardamento" culturale è inutile e rischia solo di cancellare la loro cultura

loro vedono in noi dei senza fede dv le nostre donne vanno in televisone sculettando etc

il problema è ke noi vediamo come "cattivi" loro
e loro vedono come "cattivi "noi e allora è inutile se le due culture non si avvicinano......

jegosfig
28-07-2003, 21.15.34
Originally posted by marlaw
si stanni criticando non l'islam in generale ma i paesi islamici nn moderati dove i dirtitti della donna non esistono.....basta pensare in afganistan al burca o a tante altre cose
un "bombardamento" culturale è inutile e rischia solo di cancellare la loro cultura

loro vedono in noi dei senza fede dv le nostre donne vanno in televisone sculettando etc

il problema è ke noi vediamo come "cattivi" loro
e loro vedono come "cattivi "noi e allora è inutile se le due culture non si avvicinano......


il fatto e che molti non vogliono capire( o forse hanno capito che e lunico modo per riuscire a renderli dei consumisti butta soldi come noi) che il resto del mondo non ha bisogno della nostra cultura non la vogliono perche non e fatta per il loro contesto sociale/climatico ecc. invece avrebbero bisogno di medicine e tecnologie. cose che siamo ben lontani da volergli dare.

Dalmo
28-07-2003, 21.28.34
Ovvio, non possono competere con noi quei fanatici terroristi del medioriente e paesi arabi.......
Sono degli arretrati in tutto.......
Se non fosse per il petrolio sarebbero tutti nella povertà più assoluta.... :tsk:

Albycocco
28-07-2003, 21.57.30
Originally posted by Dalmo
Ovvio, non possono competere con noi quei fanatici terroristi del medioriente e paesi arabi.......
Sono degli arretrati in tutto.......
Se non fosse per il petrolio sarebbero tutti nella povertà più assoluta.... :tsk: Oddio ma cosa mi tocca leggere...Cosa ti fa pensare di essere TU superiore al medioriente????Solo perchè hanno una cultura diversa?Spiegati :tsk:Non voglio nemmeno commentare la frase "quei fanatici terroristi..." ...Bello fare di tutta l'erba un fascio...:tsk:

BESTIA_kPk
28-07-2003, 22.12.34
Originally posted by Dalmo
Ovvio, non possono competere con noi quei fanatici terroristi del medioriente e paesi arabi.......
Sono degli arretrati in tutto.......
Se non fosse per il petrolio sarebbero tutti nella povertà più assoluta.... :tsk:

Quei fanatici terroristi?
A chi o che cosa fari riferimento? dettagli, muoviti.

Arretrati in tutto? in cosa? specifica.

Il petrolio è la fonte di sostentamento per chi? quanto e dove?

Dopo che avrai risposto a queste banali domande, si potrà dar valore alle tue insensate affermazioni.

Povertà + assoluta http://forum.ngi.it/smiles/cwm27.gif

jegosfig
28-07-2003, 23.41.50
Originally posted by Dalmo
Ovvio, non possono competere con noi quei fanatici terroristi del medioriente e paesi arabi.......
Sono degli arretrati in tutto.......
Se non fosse per il petrolio sarebbero tutti nella povertà più assoluta.... :tsk:

spero che la tua sia stata solo una citazione ironica perke se no non hai capito un bel niente

Ray McCoy
29-07-2003, 00.25.39
Originally posted by Dalmo
Ovvio, non possono competere con noi quei fanatici terroristi del medioriente e paesi arabi.......

IRA
ETA
Ecc Ecc Ecc
Non citerò gli Eccidi in Libano fatti dai Cristiani Maroniti, diventerei banale...


Originally posted by Dalmo
Se non fosse per il petrolio sarebbero tutti nella povertà più assoluta.... :tsk:

Lo sono cmq. :asd:


Originally posted by Qfwfq
L'idea di una profonda dicotomia fra Stato e Chiesa è pertanto tipicamente cristiana.

Date a Cesare quel che è di Cesare, a Dio quel che è di Dio

kyjorkx
29-07-2003, 00.39.52
Pena di morte.
Stati Uniti. La pena di morte è prevista in 38 stati. 38. Non solo in Texas... .

Religione.
Ci scandalizziamo (giustamente eh) dei fondamentalismi islamici. Però degli sputi e delle sassate in Irlanda ai bambini no, non ce ne scandalizziamo... .

Il maccartismo, nel paese più democratico e libero del mondo...

Come ricordato da Zeder, qui, in Italia eh non in Rwanda, la donna ha potuto votare, esprimersi, nel 1946... 50 anni fa, e non c'erano astruse leggi coraniche (così considerate perché poi sono chiarissime...) che vietavano la loro partecipazione... .


Ah Dalmo, rileggi il mio post iniziale.

gefri
29-07-2003, 00.58.46
sareste felici di vivere in un paese arabo, magari pure essendo donne?

kyjorkx
29-07-2003, 01.08.27
Originally posted by gefri
sareste felici di vivere in un paese arabo, magari pure essendo donne?
Marocco? Si.
Tunisia? Si.


TU saresti felice di vivere a New York, nel Bronx o nel Queens?

Alceo
29-07-2003, 01.09.29
Originally posted by marlaw
si stanni criticando non l'islam in generale ma i paesi islamici nn moderati dove i dirtitti della donna non esistono.....basta pensare in afganistan al burca o a tante altre cose
un "bombardamento" culturale è inutile e rischia solo di cancellare la loro cultura

loro vedono in noi dei senza fede dv le nostre donne vanno in televisone sculettando etc

il problema è ke noi vediamo come "cattivi" loro
e loro vedono come "cattivi "noi e allora è inutile se le due culture non si avvicinano......


Mi sembrava che la questione fosse un confronto tra civilità diverse.

Perché vuoi rappresentare l'Islam con i paesi più arretrati?
Tra l'altro alcuni dei paesi più intransigenti (vedi l'Arabia Saudita) sono tra i migliori alleati dell'occidente.





Originally posted by Qfwfq


Prima differenza di fondo: contrariamente a quanto accaduto nell'Europa, l'Islam non è mai riuscito a concepire una vera autonomia della sfera politico-sociale da quella religiosa. Legge divina e legge terrena continuano a coincidere determinando l'assenza di una condizione di Laicismo nel suo moderno significato politico ( ovvero l'idea che religione ed autorità politica, chiesa e stato siano cose diverse, e possano o debbano essere separate ). L'idea di una profonda dicotomia fra Stato e Chiesa è pertanto tipicamente cristiana.



Dal tuo discorso sembra quasi che divisione tra religione e stato debba anscere da quest'ultima.

Se nella maggior parte dei paesi cristiani si è andata formando una laicizzazione dello stato questo è avvenuto con forti e violente resistenze da parte della chiesa cristiana.

Nello stessa maniera ci sono stati che pur essendo islamici hanno o stanno costruendo una forte separazione tra lo stato e la chiesa.







Originally posted by Qfwfq

L'idea che un gruppo di persone, una certa attività, una qualsiasi parte della vita umana restino fuori in qualsiasi senso dalla sfera d'azione della legge religiosa è estranea alla mentalità musulmana. Per esempio, non c'è distinzione fra legge canonica e legge civile, fra legge della chiesa e legge dello stato, essenziale nella storia cristiana. C'è un'unica legge, la shari'a, che per i musulmani è di origine divina e regola ogni aspetto della vita umana: civile, commerciale, penale, costituzionale, oltre alle materie più specificamente religiose nel senso ristretto, cristiano del termine.



Quello che hai scritto è vero per i mussulmani più ortodossi, i quali, te ne do atto, in molti paesi sono anche la maggioranza.
Ma molti vivono la loro religione senza arrivare a tali eccessi.

gefri
29-07-2003, 01.11.14
Originally posted by kyjorkx
Marocco? Si.
Tunisia? Si.


TU saresti felice di vivere a New York, nel Bronx o nel Queens?

parlo x esempio di afghanistan di 2-3 anni fa...

kyjorkx
29-07-2003, 01.19.19
Originally posted by gefri
parlo x esempio di afghanistan di 2-3 anni fa...
Allora dì:
"Chi di voi vorrebbe vivere in un paese fondamentalista?"


C'è una piccola differenza fra un paese tipo Afghanistan e un paese arabo moderato...
è come se ti dicessi: "Ti piacerebbe vivere in un paese europeo fine anni '30?" "Beh, in Inghilterra e Francia ok..." "No io intendevo un paese tipo la Germania nazista..."

gefri
29-07-2003, 01.24.03
Originally posted by kyjorkx
Allora dì:
"Chi di voi vorrebbe vivere in un paese fondamentalista?"


C'è una piccola differenza fra un paese tipo Afghanistan e un paese arabo moderato...
è come se ti dicessi: "Ti piacerebbe vivere in un paese europeo fine anni '30?" "Beh, in Inghilterra e Francia ok..." "No io intendevo un paese tipo la Germania nazista..."

Concordo pienamente su tutto.

ps: non ti stò prendendo in giro.

kyjorkx
29-07-2003, 01.27.14
Originally posted by gefri
Concordo pienamente su tutto.

ps: non ti stò prendendo in giro.

Sarà bene! :grr: :grr:
:D

Sparpa
29-07-2003, 01.33.57
Originally posted by kyjorkx
Marocco? Si.
Tunisia? Si.


certo che hai scelto 2 paesi che hanno ben poco da spartire con quei paesi dove l'integralismo islamico è al potere.
Ma vabbè, perchè non l'Algeria? sta li vicino tanto....


TU saresti felice di vivere a New York, nel Bronx o nel Queens? questi sono quartieri di una grande città, non mi sembra proprio la stessa cosa eh...


ragazzi, la sparata di uno(ehi Dalmo datti una bella regolata, a meno che non stessi scherzando...), in questi termini poi, non dovrebbe tanto farvi aizzare come galli da combattimento. Non perdetevi nelle cose stupide e ragionate tranquillamente.

kyjorkx
29-07-2003, 01.52.22
Originally posted by Sparpa
certo che hai scelto 2 paesi che hanno ben poco da spartire con quei paesi dove l'integralismo islamico è al potere.
Ma vabbè, perchè non l'Algeria? sta li vicino tanto....
Beh ha chiesto dei paesi arabi, non integralisti (nel primo post).
Glieli ho dati :p




questi sono quartieri di una grande città, non mi sembra proprio la stessa cosa eh...
In paesi di una civiltà superiore si dovrebbe vivere bene dappertutto no? :)

Sparpa
29-07-2003, 02.01.50
Originally posted by kyjorkx
Beh ha chiesto dei paesi arabi, non integralisti (nel primo post).
Glieli ho dati :p



vabbuò...



In paesi di una civiltà superiore si dovrebbe vivere bene dappertutto no? :) vabbuò...anzi no. Una risposta questa che non ha senso, ma se questo è il piano di discussione, credo proprio che me ne tornerò da dove sono venuto. Sono pure triste per un paio di motivi stasera, quindi voglia 0

:rolleyes:

kyjorkx
29-07-2003, 02.45.22
Originally posted by Sparpa
vabbuò...anzi no. Una risposta questa che non ha senso, ma se questo è il piano di discussione, credo proprio che me ne tornerò da dove sono venuto. Sono pure triste per un paio di motivi stasera, quindi voglia 0

:rolleyes:
Ok non ha senso.


Se io faccio parte di una cazzo di civiltà superiore, esigo che i paesi facenti parte di questa civiltà siano all'altezza di questa superiorità. E non c'entra nulla neanche il sono quartieri di una grande metropoli. A Seattle e a Washington non c'è la stessa situazione di New York eppure Seattle e Washington non mi sembrano cittadine di campagna, pure quelle sono grandi metropoli.

Vuoi un piano di discussione?
ok.


Religione. Questione irlandese.
Pena di morte. Ce l'abbiamo anche noi occidentali. Perché?
Trattamento prigionieri di guerra. Iraq e Guantanamo.
Apartheid in SudAfrica.
I campi di concentramento. Nostra, NOSTRA invenzione. Fa molto civiltà superiore. (Ancora attuali vedi Guantanamo)
Sfruttamento in Thailandia, Cambogia ecc... da parte di multinazionali occidentali.
Turismo sessuale praticato da NOI in questi paesi.
Rapporti con Pakistan e Arabia Saudita da parte degli Stati Uniti (il punto di riferimento per noi superiori) (questi sì integralisti).
Gestione situazione cecena da parte di Putin.

Questi sono i primi che mi vengono in mente. Per il presente. Se vuoi posso anche andare indietro nel tempo a cominciare dai Conquistadores... :rolleyes:

il_falchetto_pellegrino
29-07-2003, 14.14.13
Questo può dare una mano a capire quanto siamo civilmente superiori:

http://www.repubblica.it/2003/g/sezioni/esteri/scommesse/scommesse/scommesse.html

Io punto 50$ su un bell'attentato che fa esplodere il centro di Washington, Casa Bianca e Georgie Bush inclusi. Che dite, sono incivile? (è ovviamente una provocazione).

Twingo
29-07-2003, 14.29.29
Originally posted by kyjorkx
Ok non ha senso.


Se io faccio parte di una cazzo di civiltà superiore, esigo che i paesi facenti parte di questa civiltà siano all'altezza di questa superiorità. E non c'entra nulla neanche il sono quartieri di una grande metropoli. A Seattle e a Washington non c'è la stessa situazione di New York eppure Seattle e Washington non mi sembrano cittadine di campagna, pure quelle sono grandi metropoli.

Vuoi un piano di discussione?
ok.


Religione. Questione irlandese.
Pena di morte. Ce l'abbiamo anche noi occidentali. Perché?
Trattamento prigionieri di guerra. Iraq e Guantanamo.
Apartheid in SudAfrica.
I campi di concentramento. Nostra, NOSTRA invenzione. Fa molto civiltà superiore. (Ancora attuali vedi Guantanamo)
Sfruttamento in Thailandia, Cambogia ecc... da parte di multinazionali occidentali.
Turismo sessuale praticato da NOI in questi paesi.
Rapporti con Pakistan e Arabia Saudita da parte degli Stati Uniti (il punto di riferimento per noi superiori) (questi sì integralisti).
Gestione situazione cecena da parte di Putin.

Questi sono i primi che mi vengono in mente. Per il presente. Se vuoi posso anche andare indietro nel tempo a cominciare dai Conquistadores... :rolleyes:

hai dimenticato di menzionare qualche migliaio di mine anti uomo prodotte e distribuite dai paesi occidentali delle quali la civilissima America si rifiuta di arrestare la produzione.

Chissà perchè nessuno ha mai citato il civilissimo sudamerica. Paesi come Bolivia, Salvador, Ecuador, Nicaragua, Cile...

Alceo
29-07-2003, 14.58.32
Originally posted by Twingo
hai dimenticato di menzionare qualche migliaio di mine anti uomo prodotte e distribuite dai paesi occidentali delle quali la civilissima America si rifiuta di arrestare la produzione.


Non occorre guardare troppo lontano.

Fino a qualche anno fa l'Italia era il primo produttore di mine anituomo.
Molte delle mine che sono sparse in mezzo mondo sono ancora di fabbricazione Made in Italy.

kyjorkx
30-07-2003, 00.30.29
Originally posted by Alceo
Fino a qualche anno fa l'Italia era il primo produttore di mine anituomo.
Molte delle mine che sono sparse in mezzo mondo sono ancora di fabbricazione Made in Italy.
Infatti. Grazie Agnelli.



Originally posted by Twingo
Chissà perchè nessuno ha mai citato il civilissimo sudamerica. Paesi come Bolivia, Salvador, Ecuador, Nicaragua, Cile...

Dittatura instauratasi in paese occidentale = Scandalo.
Dittatura instauratasi in paese "inferiore" = Bah, normale... .
Dittatura instauratasi in paese "inferiore" grazie all'appoggio di paesi occidentali = Tutto falso. E se lo riaffermi sei un comunista che modifica la realtà a tuo favore : |

Sparpa
30-07-2003, 01.28.39
credo di poter dire che la differenziazione di cui potevamo parlare è andata a farsi friggere.

continuate pure l'elenco(vero per carità), ma avete ucciso ANCORA una discussione che era partita bene.

TrustNoOne
30-07-2003, 04.38.49
ho sonno e non ho attualmente la forza di scrivere una risposta compiuta...

Ma comunque qualcosa voglio dirlo.
Questi topic andrebbero discussi in privato. Fosse per me li chiuderei sul nascere.
Senza spiegazioni, fate vobis.

Peter Pan
30-07-2003, 04.55.39
C'era una pubblicità che non ricordo più dove l'ho vista...

Diceva più o meno così...

Nel mondo la popolazione di razza bianca è solamente il 19% (credo...) e poi aggiungeva qualcosa del genere, se tutte le razze diventassero razziste chi ne subirebbe le peggiori conseguenze?

No vabbè lo slogan era molto più efficace, ma era in inglese e non ricordo...

Comunque come si fa a parlare di superiorità di una razza quando queste razze appartengono ad una specie inferiore? Certo l'Uomo ha l'intelligenza per costruire arnesi e utensili mentre gli altri animali no... Ma gli altri animali soppravvivono nonostante questa deficienza, l'Uomo quanto sopravviverebbe senza le sue comodità, le sue invenziuoni, i suoi attrezzi e i suoi utensili?

Razza superiore? Mhà... io vedo soltanto che i neri accennano solo una corsetta e vincono i record di velocità, appena intonano qualcosa fanno il gospel... c'è chi dice che gli scienziati di razza bianca sono più numerosi di quelli di colore... ribadisco il concetto... forse i neri potranno anche essere più stupidi, ma perché sono state sovvertite le regole da rispettare per sopravvivere perché altrimenti i bianchi avrebbero subito le peggiori conseguenze...

Ma poi... cos'è che stabilisce la superiorità?

Sparpa
30-07-2003, 12.13.29
Originally posted by Peter Pan


Ma poi... cos'è che stabilisce la superiorità? ottima domanda Peter.

io sono tendenzialmente portato a rispondere che nessuna razza sia superiore ad un'altra. Se per assurdo potremmo invertire i contesti storici, le cose sarebbero andate allo stesso modo?
Forse la domanda tende all'OT, quindi meglio non approfondire.

senza voler difendere il Cavaliere per quella sua infelice uscita, sono portato a pensare che per lui i punti cardine per giudicare una civiltà superiore siano limitati allo sviluppo tecnologico ed in parte quello sociale.
Non so se hai letto il mio primo intervento, ma penso che li ci fosse una buona base di partenza per stabilire non la reale superiorità(che non c'è) ma quantomeno UNA cosa giusta, una cosa che ci distingue.
parto dal presupposto che la mia idea è fortemente viziata dalla mia appartenenza(non politica, non c'entra nulla).

Qfwfq
30-07-2003, 12.27.21
Originally posted by Sparpa
nessuna razza sia superiore ad un'altra

Vorrei solo ricordarti che nel caso della specie umana il concetto ed il termine di razza risulta privo di qualsiasi significato. E' possibile parlare di etnie, ovvero di sottogruppi e ceppi umani in grado di differenzarsi culturalmente e storicamente uno dall'altro, ma non di razze.

Un semplice difetto di forma, il tuo, ma di una certa importanza ;)

Elrond.
30-07-2003, 13.34.52
Originally posted by Peter Pan
Razza superiore? Mhà... io vedo soltanto che i neri accennano solo una corsetta e vincono i record di velocità

Da questo punto di vista sono molto forti i neri d'America, semplicemente per una selezione naturale messa in moto dalle terribili condizioni della schiavitù che, a partire sopratutto dal viaggio di trasporto, consentivano solo ai più forti fisicamente di sopravvivere.

gefri
30-07-2003, 13.53.12
razza superiore? non siete clamorosamente ot?

stellamaris
30-07-2003, 15.12.50
Originally posted by Peter Pan

Comunque come si fa a parlare di superiorità di una razza quando queste razze appartengono ad una specie inferiore?
Ma poi... cos'è che stabilisce la superiorità?

(spero non sia OT)

la presunta superiorità di una razza o il loro diverso stile di vita giustifica o ha legame alcuno con il concetto di solidarietà?
secondo voi portare aiuti a popolazioni con uno stile di vita diverso dal nostro e che noi cataloghiamo come "poveri" o "inferiori" nasconde il nostro desiderio di uniformarli a noi solo perchè ci consideriamo superiori?
o è un disinteressato desiderio di condividere e aiutare?
portare acqua o sistemi di agricoltura innovativi a paesi come l'africa violerebbe il rispetto nei loro confronti?

vi darò la mia opinione dopo per non influenzare...

Sparpa
30-07-2003, 15.20.46
Originally posted by Qfwfq
Vorrei solo ricordarti che nel caso della specie umana il concetto ed il termine di razza risulta privo di qualsiasi significato. E' possibile parlare di etnie, ovvero di sottogruppi e ceppi umani in grado di differenzarsi culturalmente e storicamente uno dall'altro, ma non di razze.

Un semplice difetto di forma, il tuo, ma di una certa importanza ;) mi credi se ti dico che nello scriverlo ho esitato per qualche attimo proprio preso da questo dubbio? Ti do ragione perchè hai ragione, la correzione è lecita e più che giusta

:)

Sparpa
30-07-2003, 15.23.57
Originally posted by Elrond.
Da questo punto di vista sono molto forti i neri d'America, semplicemente per una selezione naturale messa in moto dalle terribili condizioni della schiavitù che, a partire sopratutto dal viaggio di trasporto, consentivano solo ai più forti fisicamente di sopravvivere. vero, la loro conformazione fisica è tale da farli differenziare sensibilmente dai bianchi. Riescono a sviluppare massa muscolare in modo molto più naturale ed in generale risultano essere più "potenti".
Ma vabbè, questa è una differenza che sta un pò ai margini del discorso, anche se onestamente sono sempre stupefatto di quello che riescono a fare :)

un pò li invidio :D

kyjorkx
30-07-2003, 20.06.07
Originally posted by Sparpa
...civiltà superiore siano limitati allo sviluppo tecnologico ed in parte quello sociale.
Non so se hai letto il mio primo intervento, ma penso che li ci fosse una buona base di partenza per stabilire non la reale superiorità(che non c'è) ma quantomeno UNA cosa giusta, una cosa che ci distingue.
parto dal presupposto che la mia idea è fortemente viziata dalla mia appartenenza(non politica, non c'entra nulla).
Beh anche India e Cina sono abbastanza sviluppati dal punto di vista tecnologico, soprattutto per quanto riguarda l'industria aerospaziale e delle telecomunicazioni.
Sicuramente molto più di qualche paese occidentale che si vanta di appartenere alla civiltà superiore.

Sparpa
31-07-2003, 02.25.29
Originally posted by kyjorkx
Beh anche India e Cina sono abbastanza sviluppati dal punto di vista tecnologico, soprattutto per quanto riguarda l'industria aerospaziale e delle telecomunicazioni.
Sicuramente molto più di qualche paese occidentale che si vanta di appartenere alla civiltà superiore. sono d'accordo, però diciamo che i 2 paesi succitati non rientrano nel "target" incriminato.
Parliamoci chiaro, le stesse cose che pensiamo o potremmo pensare noi dei paesi arabi(questi sono l'oggetto di discussione credo...) le possono benissimo pensare loro.
Il fondamentalismo probabilmente auspica di "spianare" l'Europa e gli Stati Uniti :D

kyjorkx
31-07-2003, 20.42.28
Originally posted by Sparpa
sono d'accordo, però diciamo che i 2 paesi succitati non rientrano nel "target" incriminato.
Parliamoci chiaro, le stesse cose che pensiamo o potremmo pensare noi dei paesi arabi(questi sono l'oggetto di discussione credo...) le possono benissimo pensare loro.
Il fondamentalismo probabilmente auspica di "spianare" l'Europa e gli Stati Uniti :D
Okiz sui paesi arabi. Che comunque anche loro da un ristretto punto di vista (e comunque solo alcuni) hanno un discreto sviluppo industriale per quanto riguarda il petrolio, ma il discorso è limitato a 2-3 paesi di cui uno l'hanno bombardato :D, e gli altri potranno essere un po' sviluppati da questo punto di vista, di sicuro la popolazione non se ne accorge, essendo tutto in mano a sceicchi e padri di giocatori perugini :D


Dal punto di vista religioso (sempre confronto occidente - paesi arabi ) si può, per me, parlare di fondamentalismo sia per quanto riguarda la Chiesa sia per quanto riguarda l'Islam.
Se da una parte ci sono fanatici irlandesi che poco hanno da spartire con il cristianesimo, lo stesso si può dire dei vari Bin Laden e Saddam i quali incitano allo jihad e al martirio (in quanto il suicidio viene vietato espressamente dal Corano).
E lo stesso si può dire per le parole deliranti di Bin Laden che incita allo jihad (miiiii e cambia parola almeno) contro gli infedeli (ovvero ebrei e cristiani).
Anche questa è un'enorme strumentalizzazione in quanto Maometto diceva che gli ebrei andavano rispettati da parte degli islamici in quanto ricevettero la parola di Dio.
Maometto riusciva già a smentire Bin Laden 1400 anni fa :D


Per quanto riguarda il passato invece va detto che mentre l'Europa (allora unico Occidente) veniva devastata dagli sbabbari, il medio-oriente islamizzato era in prosperità (eufemismo). Esempio: Bagdad passò da essere, in pochi anni, da poco più di un insieme di capanne, a una città in cui vivevano 2.000.000 di persone.