PDA

Visualizza versione completa : Quel che resta del giorno.



Twingo
27-07-2003, 22.54.01
Si arriva ad un momento della propria vita nel quale inevitabilmente si fanno dei bilanci. Ed alla fine di questi bilanci, inevitabilmente qualche conto non torna. A volte ci si rende conto di aver sacrificato troppo per gli altri, a volte ci si rende conto di aver inseguito degli ideali dei quali forse non era giusto essere convinti, a volte ci si rende conto di aver sbagliato la scelta nei momenti decisivi, a volte ci si rende conto di aver perduto delle occasioni, a volte ci si rende conto di aver servito dei padroni sbagliati, a volte ci si rende semplicemente conto di aver preso la vita troppo sul serio...

Albycocco
27-07-2003, 22.59.02
A volte ci si rende conto che nella vita occorre sbagliare......

Elrond.
27-07-2003, 23.03.16
Originally posted by Twingo
Si arriva ad un momento della propria vita nel quale inevitabilmente si fanno dei bilanci. Ed alla fine di questi bilanci, inevitabilmente qualche conto non torna. A volte ci si rende conto di aver sacrificato troppo per gli altri, a volte ci si rende conto di aver inseguito degli ideali dei quali forse non era giusto essere convinti, a volte ci si rende conto di aver sbagliato la scelta nei momenti decisivi, a volte ci si rende conto di aver perduto delle occasioni, a volte ci si rende conto di aver servito dei padroni sbagliati, a volte ci si rende semplicemente conto di aver preso la vita troppo sul serio...

Bisogna solo avere il coraggio di cambiare, e la virtù di non cambiare troppo spesso. Imparare sempre dal passato, e non vivere alla giornata per non fare troppi errori.
C'è sempre tempo per redimersi, ma appena se ne vede la necessità, non si deve perder tempo.
Non si deve agire pensando che eventualmente si potrà cambiare: questo è il modo di fare degli inetti. Ogni scelta deve essere ponderata, e solo una valutazione a posteriori può giustificare gli errori.

follettomalefico
27-07-2003, 23.21.09
Ironicamente, quel che resta del giorno, per me è valutato nella notte. Solo nella notte ho visione chiara.

Il silenzio.

Twingo
27-07-2003, 23.27.45
Originally posted by follettomalefico
Ironicamente, quel che resta del giorno, per me è valutato nella notte. Solo nella notte ho visione chiara.

Il silenzio.

bella risposta. ma non era questo l'argomento.

follettomalefico
27-07-2003, 23.33.59
Originally posted by Twingo
bella risposta. ma non era questo l'argomento.

Sorry. L'argomento l'avevo capito, ma altro al momento non vi era e comunque quel che ho scritto volevo comunicarlo, in qualche modo. Sarebbe bastato banalmente ignorarmi, se davo così fastidio.


Comunque, era un modo per affermare quanto dicessi fosse valido, per me in questo momento molto evidente. Ma non volevo essere superficialmente legato al mio pensiero, così ho preferito estendere.


Mi scuso nuovamente, lasciandovi discutere.

Twingo
27-07-2003, 23.41.29
Originally posted by follettomalefico
Sarebbe bastato banalmente ignorarmi, se davo così fastidio.


non posso ignorarti, sei un mod.

cmq no problem.

Thor
28-07-2003, 11.10.10
Originally posted by Twingo
Si arriva ad un momento della propria vita nel quale inevitabilmente si fanno dei bilanci. Ed alla fine di questi bilanci, inevitabilmente qualche conto non torna. A volte ci si rende conto di aver sacrificato troppo per gli altri, a volte ci si rende conto di aver inseguito degli ideali dei quali forse non era giusto essere convinti, a volte ci si rende conto di aver sbagliato la scelta nei momenti decisivi, a volte ci si rende conto di aver perduto delle occasioni, a volte ci si rende conto di aver servito dei padroni sbagliati, a volte ci si rende semplicemente conto di aver preso la vita troppo sul serio...


Sai qual è il vero problema?
E' che quel momento arriva prima di quando tu lo aspetti, a volte molto prima, e puoi arrivarci impreparato.
Non è facile fare bilanci, mettere la tua vita sotto esame, autogiudicarti.
A volte, semplicemente, non sei pronto a farlo, a volte non vuoi farlo, ma alla fine, volente o nolente, DEVI farlo.

E il risultato dell'esame potrebbe non piacerti, perchè sotto la lente ci sei tu.

Cmq io l'esame me lo faccio spesso: rimpianti, tanti, ma sono contento di quello che sono diventato, pur tra tanti errori.


:birra:

lasere
28-07-2003, 11.25.36
"Sottomettiti interamente al tuo miglior momento, al tuo più grande ricordo.
E' quello che bisogna riconoscere come re del tempo,
Il più grande ricordo,
Lo stato al quale ti deve ricondurre ogni disciplina.
Esso ti dà di che disprezzarti, come di che preferirti, giustamente.
Tutto è in rapporto ad Esso, che introduce nel tuo sviluppo una misura, dei gradi.
E se esso è dovuto a qualcun altro fuori di te - negalo e sappilo.
Centro di slancio, di disprezzo, di purezza.
Io mi immolo interiormente a ciò che vorrei essere!"


P. Valéry, Monsieur Teste

Brus
28-07-2003, 11.25.58
L'importante è accorgersene.

Una mia amica ha studiato 5 anni da psicologa, xò non le piace come lavoro. La madre continua a romperla con discorsi tipo "hai fatto 5 anni di psicologia...e mo vuoi cambiare obiettivo?". Discorso del cazzo. Allora facciamo una cosa a vita anche se ci fa schifo, solo xchè all'inizio abbiamo fatto una scelta sbagliata.

Certo, il + è avere la voglia e il coraggio di ripartire da "zero".

Ripeto, l'importante è accorgersi degli errori e trovare il coraggio di sistemare le cose

LaLu
28-07-2003, 11.36.06
Originally posted by Twingo
Si arriva ad un momento della propria vita nel quale inevitabilmente si fanno dei bilanci. Ed alla fine di questi bilanci, inevitabilmente qualche conto non torna. A volte ci si rende conto di aver sacrificato troppo per gli altri, a volte ci si rende conto di aver inseguito degli ideali dei quali forse non era giusto essere convinti, a volte ci si rende conto di aver sbagliato la scelta nei momenti decisivi, a volte ci si rende conto di aver perduto delle occasioni, a volte ci si rende conto di aver servito dei padroni sbagliati, a volte ci si rende semplicemente conto di aver preso la vita troppo sul serio...

... a volte ci si rende conto che piangersi addosso è uno sport in cui nessuno arriva primo...:toh:

Zeus
28-07-2003, 14.09.23
È un po' come il cubo di Rubik. Io sono convinto che è possibile far finire prima o poi tutte le caselle colorate andranno al loro posto. Ci vuole solo tanto tempo, tanta pazienza e non incazzarsi troppo se sul più bello ci si accorge che una casella si trova nel punto sbagliato e si è costretti a smontare tutto. Personalmente ritengo sia una eresia sentirmi dire cose del tipo "certe cose vanno prese con filosofia" ecc... però credo a questo punto la soluzione stia davvero solo li. Demoralizzarsi serve a poco, incazzarsi e sfasciare tutto ancora meno. Credo che tutto stia nel capire che non è mai troppo tardi per cambiare strada, invertire la rotta, trovare un nuovo sentiero da seguire.

Almeno credo... penso... spero...

Twingo
28-07-2003, 23.11.08
Originally posted by LaLu
... a volte ci si rende conto che piangersi addosso è uno sport in cui nessuno arriva primo...:toh:

è una frase di Ishiguro ?
me la spieghi ?

angelheart
29-07-2003, 00.17.14
Originally posted by Twingo
Si arriva ad un momento della propria vita nel quale inevitabilmente si fanno dei bilanci. Ed alla fine di questi bilanci, inevitabilmente qualche conto non torna. A volte ci si rende conto di aver sacrificato troppo per gli altri, a volte ci si rende conto di aver inseguito degli ideali dei quali forse non era giusto essere convinti, a volte ci si rende conto di aver sbagliato la scelta nei momenti decisivi, a volte ci si rende conto di aver perduto delle occasioni, a volte ci si rende conto di aver servito dei padroni sbagliati, a volte ci si rende semplicemente conto di aver preso la vita troppo sul serio...

perchè mi ha dato un colpo leggere ste parole proprio sto periodo della mia vita?

Twingo
29-07-2003, 00.19.31
Originally posted by angelheart
perchè mi ha dato un colpo leggere ste parole proprio sto periodo della mia vita?

forse per te è tempo di bilanci ?

_LennyNero_
29-07-2003, 00.48.15
[i]Si arriva ad un momento della propria vita nel quale inevitabilmente si fanno dei bilanci. Ed alla fine di questi bilanci, inevitabilmente qualche conto non torna. A volte ci si rende conto di aver sacrificato troppo per gli altri, a volte ci si rende conto di aver inseguito degli ideali dei quali forse non era giusto essere convinti, a volte ci si rende conto di aver sbagliato la scelta nei momenti decisivi, a volte ci si rende conto di aver perduto delle occasioni, a volte ci si rende conto di aver servito dei padroni sbagliati, a volte ci si rende semplicemente conto di aver preso la vita troppo sul serio... A Volte ci si rende conto che fare bilanci è la madre di tutte le cazzate future :D :D[/B]

A parte il fatto che un bilancio non può avere conti che non tornano, questo è matematicamente impossibile. Un bilancio è fatto di attività, le cose buone della vita, e pasività, le cose cattive della vita. Quando un bilancio non torna è perchè semplicememte abbiamo ancora altre cazzate e ancora altra felicità da vivere.

Twingo
29-07-2003, 01.02.31
Originally posted by _LennyNero_
semplicememte abbiamo ancora altre cazzate e ancora altra felicità da vivere.

bello l'avatar...