PDA

Visualizza versione completa : Diario del 26 luglio - la piattaforma non esiste



pucci
26-07-2003, 13.22.48
Ho seguito con relativo interesse la diatriba che ha avuto come oggetto il Premio come Miglior gioco dell'anno in Italia che Multiplayer.it assegnerà il prossimo 28 agosto a Londra, in occasione dell'ECTS 2003.
Innanzitutto, dovremmo essere tutti felici che l'Italia sia stata chiamata ad esprimere un suo giudizio in un mercato in cui notoriamente, tra pirateria e pratiche commerciali opinabili, non ha mai contato un granchè. E invece di felicitarci di essere italiani e di mostrare i nostri gusti di gente moderna, e non di tardoni medievali, sulla scena londinese, ci accapigliamo per preferenze campanilistiche per una piattaforma da gioco o un'altra.
Il futuro signori è il videogioco, non la piattaforma. Il contenuto è più importante del contenitore. Quindici anni fa il videogioco era il coin-op, poi il PC, poi la Playstation, poi le "console" e in futuro altro ancora. Il videogioco sopravvive alla piattaforma e alle mode di genere. Prima andavano tanto di moda gli arcade, poi gli sparatutto, poi gli strategici, poi gli MMORPG, poi le simulazioni. Anche qui siamo in attesa del nuovo genere che farà impazzire il mondo.
L'importante è tenere presente che il videogioco sta al resto, come il vestito sta alla moda: ci si veste sempre, comunque vada la moda. Poi si può opinare che per PC la redazione abbia selezionato Rise of Nations anzichè Vietcong, ad esempio. Ma l'espressione della democrazia ha deciso questo e il resto sta ai lettori. L'annata appena trascorsa è stata avara di capolavori, ce ne ha regalati pochi, ancor meno di quelli partecipanti alle votazioni (una rosa di scelte che comunque abbiamo tenuto ampia per soddisfare tutti i gusti).
Esaminiamo, per esempio, l'ultimo in classifica, l'Eye Toy per Playstation 2. Ora, se c'è una cosa veramente divertente e originale negli ultimi mesi è l'Eye Toy di Sony. Un giocattolo veramente unico nel suo genere, di cui parlai lo scorso anno quando ebbi l'occasione di provarlo per la prima volta durante la mostra della storia del videogioco GameOn (sempre a Londra).
A prescindere dalla piattaforma, l'Eye Toy è veramente un tocco di originalità in un mercato piatto. Eppure, tra le tante scelte, le preferenze l'hanno piazzato a meno dell'1%. Questo perchè? Forse perchè è troppo avanti rispetto alle necessità attuali dei videogiocatori che hanno fame di giochi "tradizionali" sicuri e longevi.
Con la limitazione del "gioco uscito" la votazione non ha potuto dunque spingersi a giochi che usciranno dopo l'ECTS, e in questo caso di carne al fuoco all'orizzonte se ne vede molta.
Abbandoniamo dunque le ostilità.
Che vinca il migliore.

Andrea Pucci, editore Multiplayer.it

Skyrise
26-07-2003, 13.48.30
Quoto.

Comunque, se continua così io a premiare il gioco all'ECTS non ci vado.

Game of the Year Italy: Mafia.

C'è da farsi prendere per il culo per un anno intero :D

ten2000
26-07-2003, 14.51.28
Vedi Andrea, il problema è che qualsiasi opinione uno esprima, si tende sempre a pensare che sia stata espressa solo per pura polemica.
L'idea stessa che noi negli anni ci siamo fatti sul termine " capolavoro" ha lo stesso identico valore e importanza sia per i giochi delle console che per quelli sviluppati su PC, e con troppa facilità ci siamo dimenticati che le console, oggi, scoprono quello che su PC è stato ormai scoperto da quasi un decennio: internet.

Fermo restando che adoro i giochi su console (lo ripeto, non si sa mai che sia frainteso ancora) non vorrei ci dimenticassimo, che la "console" oggi, sta semplicemente offrendo quei servizi che per la loro spiccata connotazione a "noi" regalano quel classico sapore di "dejà-vu", che tanto conosciamo bene, e le web-cam appollaiate sui monitor dei nostri PC, hanno subito quelle stesse rivoluzioni di mercato che hanno subito le nostre connessioni digitali; quegli stessi servizi hai quali oggi viene dato un così grosso risalto, semplicemente perchè proposti all'interno di altre periferiche.

Tutti lottiamo per un videogioco migliore, ma non scordiamoci che la proporzione assume lo stesso identico valore se confrontiamo la qualità dei giochi per ogni piattaforma: alla fine i bei giochi si contano sempre sulla punta delle dita, e le dita (salvo imprevisti) sono sempre equamente suddivise.

Ciao

p.s. (a proposito, in quella classifica Milestone, con la sua totale italianità non avrebbe sfigurato)

Breaker
26-07-2003, 16.54.15
Originally posted by Skyrise
Quoto.

Game of the Year Italy: Mafia.

C'è da farsi prendere per il culo per un anno intero :D


Manca un simulatore di mandolino, il gestionale della pizzeria già fu fatto ai tempi... colmata la lacuna direi che potremmo essere a posto.

E di questo passo potremmo esportare un sim-bidet per i francesi, che tanto non sanno neanche da che parte ci si sieda sopra.... e giù di luoghi comuni :D :D

Bellerofonte_
27-07-2003, 19.17.35
Originally posted by ten2000

p.s. (a proposito, in quella classifica Milestone, con la sua totale italianità non avrebbe sfigurato)

Essere italiani non significa entrare di diritto in certi posti

Format_C
28-07-2003, 02.49.53
Originally posted by ten2000


p.s. (a proposito, in quella classifica Milestone, con la sua totale italianità non avrebbe sfigurato)

Sono d'accordo, ma con quale titolo? Se faranno un bel lavoro credo potranno fregiarsi della nomination il prossimo anno...

Gurt
28-07-2003, 03.59.15
Originally posted by pucci
Ho seguito con relativo interesse la diatriba che ha avuto come oggetto il Premio come Miglior gioco dell'anno in Italia che Multiplayer.it assegnerà il prossimo 28 agosto a Londra, in occasione dell'ECTS 2003.
Innanzitutto, dovremmo essere tutti felici che l'Italia sia stata chiamata ad esprimere un suo giudizio in un mercato in cui notoriamente, tra pirateria e pratiche commerciali opinabili, non ha mai contato un granchè. E invece di felicitarci di essere italiani e di mostrare i nostri gusti di gente moderna, e non di tardoni medievali, sulla scena londinese, ci accapigliamo per preferenze campanilistiche per una piattaforma da gioco o un'altra.
Il futuro signori è il videogioco, non la piattaforma. Il contenuto è più importante del contenitore. Quindici anni fa il videogioco era il coin-op, poi il PC, poi la Playstation, poi le "console" e in futuro altro ancora. Il videogioco sopravvive alla piattaforma e alle mode di genere. Prima andavano tanto di moda gli arcade, poi gli sparatutto, poi gli strategici, poi gli MMORPG, poi le simulazioni. Anche qui siamo in attesa del nuovo genere che farà impazzire il mondo.
L'importante è tenere presente che il videogioco sta al resto, come il vestito sta alla moda: ci si veste sempre, comunque vada la moda. Poi si può opinare che per PC la redazione abbia selezionato Rise of Nations anzichè Vietcong, ad esempio. Ma l'espressione della democrazia ha deciso questo e il resto sta ai lettori. L'annata appena trascorsa è stata avara di capolavori, ce ne ha regalati pochi, ancor meno di quelli partecipanti alle votazioni (una rosa di scelte che comunque abbiamo tenuto ampia per soddisfare tutti i gusti).
Esaminiamo, per esempio, l'ultimo in classifica, l'Eye Toy per Playstation 2. Ora, se c'è una cosa veramente divertente e originale negli ultimi mesi è l'Eye Toy di Sony. Un giocattolo veramente unico nel suo genere, di cui parlai lo scorso anno quando ebbi l'occasione di provarlo per la prima volta durante la mostra della storia del videogioco GameOn (sempre a Londra).
A prescindere dalla piattaforma, l'Eye Toy è veramente un tocco di originalità in un mercato piatto. Eppure, tra le tante scelte, le preferenze l'hanno piazzato a meno dell'1%. Questo perchè? Forse perchè è troppo avanti rispetto alle necessità attuali dei videogiocatori che hanno fame di giochi "tradizionali" sicuri e longevi.
Con la limitazione del "gioco uscito" la votazione non ha potuto dunque spingersi a giochi che usciranno dopo l'ECTS, e in questo caso di carne al fuoco all'orizzonte se ne vede molta.
Abbandoniamo dunque le ostilità.
Che vinca il migliore.

Andrea Pucci, editore Multiplayer.it
Sinceramente non trovo che l'Eye Toy sia così gradevole...
Simpatica come idea, ma per computer una cosa simile mi era capitato di scorgerlo anni fà anche se non so bene come si chiamasse...
Inoltre trovo longevità e gioco con amici limitati (se non nulli), cosa che è sempre più frequente nei giochi d'oggi purtroppo...
Comunque un 1% mi sembrerebbe giusto, se non troppo alto!!
In fondo, è un gioco nuovo, non innovativo visto che simili esistevan già...
E per un gioco che punta per il 95% sull'originalità questo è davvero grave...

Magallo
28-07-2003, 10.12.45
Mi sembra normale che l'Eye Toy Play sia stato votato cosi' poco, e' uscito da pochissimo tempo per cui poca gente lo ha provato e/o acquisitato e di conseguenza pochissima gente lo ha votato. Io pernsonalemnte voto solo titoli che conosco bene, che posseggo e/o che ho giocato in modo completo o quasi. Se tutti (come spero) fanno questo mio ragionamento, l'Eye Toy play l'hanno votato in pochissimi. E' normale votare solo i giochi che uno conosce bene, e' altresi' normale che uno conosce bene i giochi migliori, che ha acquistato e provato e giocato perche' erano e sono i migliori quindi la classifica plebiscitaria mi sembra la piu' insindacabile e indiscutibile verita' assoluta.

Bellerofonte_
28-07-2003, 10.13.03
Originally posted by Format_C
Sono d'accordo, ma con quale titolo?

Quello che intendevo anch'io. Forse con Superbike 2001 avrebbe potuto meritare qualcosa

TanZeN
28-07-2003, 13.17.31
Originally posted by Skyrise
Quoto.

Comunque, se continua così io a premiare il gioco all'ECTS non ci vado.

Game of the Year Italy: Mafia.

C'è da farsi prendere per il culo per un anno intero :D

Non ti preoccupare, premio io questo anno.

Con un cappello nero, sigaretta in bocca e mitra nel giubbotto di pelle :D

Ciao!

Dalmo
23-08-2003, 01.27.15
Originally posted by Skyrise
Quoto.
Comunque, se continua così io a premiare il gioco all'ECTS non ci vado.
Game of the Year Italy: Mafia.
C'è da farsi prendere per il culo per un anno intero :D

Effettivamente all' estero appena sentono parlare di Italia nominano Pizza e Mafia

"Ao picciot se nun me porti a pizza te shpacco in due a tua test di minchia...."