PDA

Visualizza versione completa : Un argomento scottante: rpg: evoluzione o involuzione?



commodo
17-06-2003, 11.41.24
Ancora una volta, un editoriale di rpg.dot mi ha fatto pensare. L'articolo (lo trovate qui: http://www.rpgdot.com/index.php?hsaction=10053&ID=620) affronta una questione più volte sfiorata anche da noi: il genere rpg si sta evolvendo, o piuttosto siamo fermi a diversi anni fa e non si vede qualcosa di veramente nuovo da molto tempo?
Riassumo in due parole l'articolo: chi scrive ritiene che il genere rpg è stato rivoluzionato e ringiovanito nel concept soprattutto da tre giochi: Fallout 1, Fallout 2 e Planescape:Torment.
Da allora, sostiene, vi è stata una evoluzione nel genere molto deludente, causata soprattutto da pochissima originalità ed innovatività, in particolare modo negli elementi cardine di un rpg, ossia gameplay, trama e libertà e, sebbene da allora siano usciti ottimi giochi, nessuno, a suo dire, ha non solo sorpassato ma neppure eguagliato la qualità e l'innovatività dei titoli precitati.
L'articolista, poi, passa a descrivere i titoli di punta degli ultimi anni, BG, Arcanum, Wizardry 8, Morrowind finendo col dire che seppur con i suoi pregi, nessuno di questi giochi ha raggiunto il livello complessivo di quelli di una volta.
Ovviamente si tratta di punti di vista, però potrebbe esserci del vero: Fallout, Torment (forse sarebbe meglio dire BG) e, io aggiungerei, Ultima VII hanno rivoluzionato il genere sotto molti punti di vista. Da allora di cose VERAMENTE nuove se ne sono viste pochine.
Tra l'altro, l'articolo in questione non parla solo di qualità in sè del rpg ma anche di divertimento che si prova nel giocarlo.
Ecco, questa mi pare una cosa su cui riflettere: come dicevo in un altro post, lo scorso anno ho giocato con programmi qualitativamente eccellenti (Morro per esempio), ma solo ora, con Gothic 2, ho ritrovato quel coinvolgimento e quella passione (2,3 ore di fila) che sicuramente non provavo da molto tempo. E' la stessa sensazione che ho provato quando ho rigiocato agli Ultima VII con exult: un divertimento allo stato puro di cui mi ero ultimamente dimenticato.
Infine, vi traduco il poetico finale dell'articolo:
"Ho grandi speranze per il futuro: Lionheart sembra promettente, come pure KOTOR, ma saranno pari ai loro predecessori? Lo spero, perchè desidero un gioco che catturi la mia immaginazione come nessuno è riuscito a fare da quando mi sono ricongiunto con la mia mortalità per la prima volta, circa 5 anni fa, in un piano dell'esistenza molto lontano"
Commovente!:mecry: :mecry:

illoca
17-06-2003, 11.51.55
Non posso che essere d'accordo con chi ha scritto l'articolo, l'evoluzione del gdr è mooolto lentaa forse il problema è che essendo un genere di nicchia, ogni prodotto deve strizzare l'occhio ad altri generi per raccogliere piu' consensi togliendo quella purezza che Noi amanti del gdr puro cerchiamo.

pinkfloydforever
17-06-2003, 11.59.57
Si ma io mi chiedo: ma qual può essere l'innovazione ulteriore negli RPG?
Onestamente rispetto alle tipologie di rpg viste finora la mia immaginazione o le mie richieste non riescono ad andare oltre.
Forse il vero sviluppo sta nei MMORPG (che personalmente non mi ispirano), forse il passo futuro è proprio il coinvolgimento con altri esseri umani.
Comunque è vero che ci sono tantissimi ottimi RPG ma pochissimi IMMERSIVI allo stato puro. Io, torno a ripetermi, l'ultima grande "emozione" che ho provato è stata per System Shock 2 ed in parte per Deus Ex...

Per commodo:
puoi ripulire la tua casella dei PM ? Thx ;)

illoca
17-06-2003, 12.11.32
[QUOTE]Originally posted by pinkfloydforever
[B]Si ma io mi chiedo: ma qual può essere l'innovazione ulteriore negli RPG?

Come??? Forse io ho come riferimento il p&p...
C'è molto da fare...il problema è che magari ci giochiamo in 10

Aduna
17-06-2003, 12.15.55
se si tratta della grafica l innovazione ce stata riguardo hai giochi preferisco quelli di 10 anni fa e passa:D

ElwoodNBF
17-06-2003, 12.22.47
X innovazioni, se prendiamo qualche topic di alcune settimane se non mesi fa, sicuramente usciranno fuori delle idee che se realizzate in maniera decente, possono creare degli ottimi rpg.

Bella l'emozione di cui parli Commodo, spero proprio che riesca a riprovarla anch'io!!


Ciao a tutti

Autén
17-06-2003, 12.35.38
L'innovazione, più che influenzare i giochi di ruolo, ha colpito gli altri generi che hanno assorbito molte delle caratteristiche dei rpg.

Ma mentre i giochi di ruolo si sono "espansi", nel nucleo del genere non sembra siano avvenuti cambiamenti eclatanti. Perlomeno cambiamenti eclatanti dal punto di vista di un giocatore di ruolo.
Perché dal punto di vista tecnico sono stati fatti ENORMI passi avanti.
Un tale salto qualitativo, per gli sparatutto, basterebbe a tacitare le voci di uno stagnamento del genere ^^;;

Il problema è che non conta solo la grafica nei giochi di ruolo...

Purtroppo per una software house non è facile creare mondi immersivi, trame coinvolgenti e originali, e allo stesso tempo ottenere i finanziamenti per il proprio progetto;
i publisher preferiscono puntare sul sicuro, ovvero su giochi che non siano RPG (strategici, sparatutto, barbie, roba tratta da film, ecc...), oppure su cloni di giochi ben conosciuti.

Così l'evoluzione dei giochi è bloccata anche dalla mancanza di fondi...

gaberh
17-06-2003, 12.51.49
Bel thread Commodo!
Gothic 2 non ti ha infiacchito!
andrò a leggere l'articolo in questione, ma nel frattempo voglio fare due considerazioni:
giudico anche io la serie fallout e torment come massimi esempi di crpg.
ma di due categorie diverse.
fallout rappresenta la summa del gioco libero ed interattivo: bene, male, neutralità tutto può essere interpretato con grandi possibilità e divertimento.
la trama è intrigante ed i dialoghi potenti.
ogni singola quest può essere risolta in maniera differente.
pecca: nel mondo post atomico sei solo! i "seguaci" che puoi arruolare sono delle marionette senza grande spessore.
anche ultima 7 è superato in un aspetto: la libertà di fare del male, di interpretare veramente un personaggio evil.
in ultima 7 ho sentito si potesse anche uccidere lord british. io non l'ho fatto, ma comunque tutta la trama (che deve essere seguita per dare un senso al gioco) non lo prevede.
migliorie al genere: una maggiore interazione con i png (oltre a migliorare la grafica, ma è un mero abbellimento)

Torment rappresenta una categoria diversa: l'rpg/avventura.
i dialoghi e la trama la fanno da padroni. senza di essi il gioco varebbe molto poco (una brutta copia di BG).
qui l'interazione con il party è enorme e ben fatta.
migliorie: una maggiore possibilità di interagire con l'ambiente.

Per me il capolavoro potrebbe essere una sintesi tra le due categorie: ma il lavoro di sviluppo tra interazione con l'ambiente, libertà di gioco (good/evil) l'interazione con i png/compagni sarebbe enorme come difficoltà. risultato? con i tempi che corrono dovrà passare molto tempo prima di vedere un gioco simile sui nostri pc.

la mia speranza: Lionheart. ho letto moltissimo su questo gioco e posso dire che le speranze di giocare ad un mix tra fallout e torment ci sono! ho solo timore dei combattimenti in tempo reale

un ultima cosa: avete notato che questi capolavori non prevedono il multyplayer?
multy sucks! ;)

pinocchio2_quicksaver
17-06-2003, 12.52.41
Originally posted by pinkfloydforever
Si ma io mi chiedo: ma qual può essere l'innovazione ulteriore negli RPG?


Allora vediamo:
si prende Morrowind come base, lo si frulla con la fisica e la grafica dell'engine di half life 2, si aggiunge un pizzico di gothic, specialmente per dare piu' vita agli npc...si prendono i dialoghi di giochi quali arcanum, torment e i fallout... si mettono le mosse e le supermosse di un soul calibur ...si spruzza un po' di personalita' dei mercenari di jagged alliance...e si decora il tutto con dei filmati alla final fantasy...lo si lascia cuocere mooolto a lungo e si serve freddo e ben patchato ai giocatori affamati...ovviamente con la confezione di un ultima dragon edition come contorno...
pensate che possa essere gustosa una robina del genere?

pinocchio2_quicksaver
17-06-2003, 13.02.26
Originally posted by pinocchio2_quicksaver
Allora vediamo:
si prende Morrowind come base, lo si frulla con la fisica e la grafica dell'engine di half life 2, si aggiunge un pizzico di gothic, specialmente per dare piu' vita agli npc...si prendono i dialoghi di giochi quali arcanum, torment e i fallout... si mettono le mosse e le supermosse di un soul calibur ...si spruzza un po' di personalita' dei mercenari di jagged alliance...e si decora il tutto con dei filmati alla final fantasy...lo si lascia cuocere mooolto a lungo e si serve freddo e ben patchato ai giocatori affamati...ovviamente con la confezione di un ultima dragon edition come contorno...
pensate che possa essere gustosa una robina del genere?

che sbadato :azz: mi sono dimenticato di aggiungere alla ricetta una simulazione di interattivita' come si trova nel gioco Ultima online, giusto per aumentarne il sapore...

Skree
17-06-2003, 13.03.07
Ho letto l'articolo... punto uno: quell'uomo è un mito.

Punto due...

L'innovazione non è qualcosa che viene fuori da se, per "grazia divina"... persone come Richard Garriot o Todd Howard nascono raramente, e quando se ne vanno noi non dovremmo rimpiangerli, ma ringraziare iddio che persone del genere siano esistite (chi coglie la citazione, venti punti)... sono esistiti, ed esisteranno di nuovo persone simili, in futuro...

Io... non sono nessuno per poter dire "quali dovrebbero essere queste innovazioni"... ma se potessi togliermi il velo d'umiltà che mi sono calato addosso anche solo per un istante potrei puntare il dito non tanto su un miglioramento delle trame... quelle sono gia' molto buone e godibili, e neanche su un innovazione tecnica (mi diverto ancora con Daggerfall e Darklands...)... ma sulle emozioni...

Ora, forse, qualcuno di voi gridera' allo scandalo, ma io considero "grande" un gioco che mi fa provare vere emozioni... Final Fantasy VII (tranquilli, non lo considero un GdR, ma un CAPOLAVORO si) è riuscito a farmi piangere... il X a farmi incazzare... un maledettissimo giochino per GBA e', di nuovo, riuscito a farmi versare una lacrima... e questi giochi io me li ricordero' a lungo... molto più a lungo di quanto non mi ricordero' Icewind "Schifezza" Dale o Neverwinter "Tradimento" Nights... i giapponesi hanno una grande capacita', una capacita' che gli riconosco senza mezzi termini... sanno creare belle storie, e sanno colpire i sentimenti dei giocatori, a patto che i giocatori si "aprano" alla storia e accettino cio' che essa comporta...

Che c'entra questo? C'entra, perchè in Planescape Torment io ho rivisto la stessa cura per "il sentimento" che c'è in oriente... ho visto la stessa cura per una trama profonda... e in più ho visto la sacrosanta liberta' che da sempre distingue i giochi occidentali da quelli orientali... la liberta' che permette a noi giocatori di sentirci DAVVERO dentro al gioco, e non spettatori esterni che leggono un libro...

Anche Fallout... a renderlo grande è (anche) tutta la serie di situazioni "morali" o "immorali" in cui il giocatore puo' trovarsi... schiavitu', razzismo, bambini morti di fame che ti attaccano... sono cose che "colpiscono" il giocatore sensibile... e io più di una volta mi sono ritrovato a comprendere i "cattivi" di questi giochi... mi sono ritrovato a giustificarli, a "non volerli uccidere"... in certe rare occasioni mi sono ritrovato a immaginarmi un finale diverso per un gioco che avevo completato... PENSARE a uno sviluppo diverso della trama... e beh, per me è proprio questo a rendere un buon gioco un Grande Gioco...

pinocchio2_quicksaver
17-06-2003, 13.18.33
[QUOTE]Originally posted by Skree
[B]Ho letto l'articolo... punto uno: quell'uomo è un mito.

Punto due...


Ora, forse, qualcuno di voi gridera' allo scandalo, ma io considero "grande" un gioco che mi fa provare vere emozioni... Final Fantasy VII (tranquilli, non lo considero un GdR, ma un CAPOLAVORO si) è riuscito a farmi piangere...

bastaaa con sto final fantasy 7 !!!!!! cosa ha di speciale?????
sono l'unico ad non averci mai giocato?


il X a farmi incazzare... un maledettissimo giochino per GBA e', di nuovo, riuscito a farmi versare una lacrima... e questi giochi io me li ricordero' a lungo... molto più a lungo di quanto non mi ricordero' Icewind "Schifezza" Dale o Neverwinter "Tradimento" Nights... i giapponesi hanno una grande capacita', una capacita' che gli riconosco senza mezzi termini... sanno creare belle storie, e sanno colpire i sentimenti dei giocatori, a patto che i giocatori si "aprano" alla storia e accettino cio' che essa comporta...

quoto (male) e aggiungo metal gear...non tanto il gameplay...ma per il resto....poi parlano bene anche di zelda ocarina of time...
comunque l'ideale per me e' un gameplay occidentale (leggasi libero vasto profondo curato, Deus ex, Sistem shock 2, thief, etc etc.) con una "sospensione dell' incredulità" tipica dei prodotti migliori del sol levante ( comunque pure loro fanno un sacco di giochi superficiali, non dico schifezze, perche' anche un gioco superficiale, puo' essere divertente)
amen

Skree
17-06-2003, 13.58.57
bastaaa con sto final fantasy 7 !!!!!! cosa ha di speciale?????

Niente, a parte essere il migliore della serie insieme al 6, e il numero 2 dopo Chrono Trigger tra gli "pseudo gdr" orientali come genere.

Zelda preferisco tenerlo LONTANO da questo discorso... non perchè lo consideri un brutto gioco, ma perchè ha un impostazione allegra, giocosa, che non c'azzecca un cazzo col discorso che stiamo facendo...


( comunque pure loro fanno un sacco di giochi superficiali, non dico schifezze, perche' anche un gioco superficiale, puo' essere divertente)

E... mi potresti chiarire il significato di questa parentesi? Ho detto da qualche parte che fanno solo bei giochi? Ho detto, in un qualsiasi punto del mio discorso, che tutto cio' che fanno e' oro?

/\/\att
17-06-2003, 14.05.42
>bastaaa con sto final fantasy 7 !!!!!! cosa ha di speciale?????
>sono l'unico ad non averci mai giocato?

Ma scusa, prima di sputare sentenze... almeno prova a giocarlo no? ;)

Autén
17-06-2003, 14.16.52
Originally posted by pinocchio2_quicksaver

quoto (male)...
per quotare bene basta chiudere i tag ;p
{quote} testo {/quote} con parentesi quadra al posto della graffa. :asd:

lazydoc
17-06-2003, 14.20.21
penso che skree abbia colto la cifra della discussione!



come abbiamo più volte avuto modo di sottolineare la differenza che trasforma un passatempo in Arte è proprio L'Emozione, un film un libro un dipinto quando sono forme di arte e non solo di intrattenimento scatenano emozioni o sentimenti anche lacrime o rabbia; l'emozione quella che un gdr può darti ( a me in rarissimi casi vista la poca esperienza e che si riducono a Torment e in parte a Gothic 1) più facilmente di altri generi anche se non in maniera esclusiva dovrebbe essere la spinta evolutiva dei gdr.

la mancanza di emozione è per me il segno dell'involuzione dei gdr e in genere del mancato salto del videoludo a forma artistica; forse è presto, il fumetto "ci ha messo" 50 anni ad essere considerato forma artistica degna di nota, ma quello che dobbiamo o meglio dovremmo pretendere dai videogiochi è proprio questo .



bye

commodo
17-06-2003, 14.27.48
Innanzitutto condivido la definizione di Gaberh su Torment come rpg/avventura. Non che Torment abbia qualcosa in comune, che ne so, con The Curse of Monkey Island e compagnia, ma il titolo BI aggiunge un elemento, per così dire, "narrativo" assolutamentr sconosciuto agli altri titoli.
Giuste le tue osservazioni su Fallout e Ultima VII. Da Lionehart mi aspetto molto, ma non moltissimo: continuo a pensare che sarà una sorta di BG3.
Il discorso di Skree mi trova assolutamente d'accordo. Per quanto riguarda l'innovazione, questa è merce rara e di difficile reperimento. Il legame tra FFVII e Torment, per quanto irriverente (quasi blasfemo) possa sembrare, c'è, ed è quello evidenziato nel post di Skree.
Tutto ciò mi fa tornare al discorso iniziale: Pink mi sembra scettico sulla possibilità di evoluzione degli rpg. Io penso ci sia ancora molto spazio: l'interazione, insisto, è tutt'ora una realtà decisamente inesplorata. Il sistema di dialogo, il modo di rapportarsi con i npc e la AI di questi ultimi sono decisamente migliorabili. E gli esempi potrebbero proseguire: evoluzione, però non innovazione. Le modifiche che ho elencato potrebbero migliorare il livello degli rpg, ma non rivoluzionarlo, ed effettivamente da questo punto di vista non riesco ad immaginare qualcosa di totalmente nuovo come furono per i loro tempi Fallout, Ultima e BG-Torment.
Mi permetto di ricitare Skree:
"...... potrei puntare il dito non tanto su un miglioramento delle trame... quelle sono gia' molto buone e godibili, e neanche su un innovazione tecnica (mi diverto ancora con Daggerfall e Darklands...)... ma sulle emozioni".
Ecco, forse questo elemento è stato troppo sottovalutato: Skree le chiama emozioni, io lo chiamo divertimento: non sono proprio concetti identici, ma si avvicinano. Lo ripeto: chi ha giocato a Torment non potrà mai dimenticare il finale del gioco (qualsiasi finale abbia scelto). Io lo ho impresso a fuoco, come un cortometraggio, tanto forte è stata l'emozione che ho provato nel giocarlo.
Idem, giocando a Gothic 2, mi sono ritrovato a camminare per le terre di Khorinis del tutto libero dalla trama del gioco, mi verrebbe da dire del tutto libero dal gioco stesso: giravo solo per il piacere di scoprire, di vedere, di muovermi in llibertà. Altre volte, dopo una battaglia, mi sono accorto che stavo parlando da solo: "Tiè brutto figli di...prenditelo in quel posto! Hai capito chi comanda qui adesso, vero? Ti hi fatto a pezzi!" Se questo non è divertimento......
D'altronde questo è un vecchio concetto: Ultima VI, e.g. non era certo un gioco dalla grafica spaziale, ma era dannatamente divertente. Idem per tanti altri titoli.
Forse negli ultimi tempi si è badato più all'esteriorità ed alla tecnica del prodotto che non a renderlo davvero coinvolgente.

illoca
17-06-2003, 14.34.43
Mi trovo a pensare che effettivamente emozione intesa come completo coinvolgimento nei gdr non ne ho trovata.
In bg non mi ricordo neanche la trama...
Morrowind coinvolgimento sembrera' strano ma è pari allo zero

Vi sembrera' strano ma non mi viene in mente un gioco che mi ha coinvolto particolarmente.

Pero' non ho giocato ai giochi che avete elencato...rimediero'

commodo
17-06-2003, 14.39.57
Originally posted by illoca
Mi trovo a pensare che effettivamente emozione intesa come completo coinvolgimento nei gdr non ne ho trovata.
In bg non mi ricordo neanche la trama...
Morrowind coinvolgimento sembrera' strano ma è pari allo zero

Vi sembrera' strano ma non mi viene in mente un gioco che mi ha coinvolto particolarmente.

Pero' non ho giocato ai giochi che avete elencato...rimediero'


Ti capisco! Anche se a Skree verrà il mal di pancia, io mi riferivo proprio a Morrowind: un grande gioco, ma decisamente FREDDO, impersonale, distaccato, quasi altero nella sua grandezza, che non dà confidenza.

gaberh
17-06-2003, 14.49.55
Originally posted by commodo
....
Da Lionehart mi aspetto molto, ma non moltissimo: continuo a pensare che sarà una sorta di BG3.
...
.

tu vuoi vedermi morto!
ho una certa età, non puoi dirmi certe cose.

Lion ha una trama superba, con riferimenti storici, filosofici, letterari, ha lo s.p.e.c.i.a.l. (modificato e corretto) come sistema di avanzamento del personaggio

ti dico solo che potrai avere come compagno d'avventura Cervantes e che Leonardo Da Vinci ti darà delle quest...

Potenzialmente è "Il nome della Rosa" dei crpg, non paragonarlo a Stephen King (che pure amo moltissimo): sono due cose diverse!

SoD
17-06-2003, 14.57.26
Ma cosa vi aspettate di innovativo? e soprattutto, qual'e' il vero gioco di ruolo per computer? i giochi attuali sono un mix di 4 cose: combattimenti, trama, interattivita' e liberta' di interpretare il proprio ruolo. Tanti, se non tutti, si concentrano piu sul primo ingrediente, alcuni hanno anche la possibilita' di usare in maniera discreta il secondo. gli ultimi due (a parte alcune "perle") sono spesso appena sufficienti, giusto l'indispensabile per dare un "senso" al gioco e non annoiarsi.
cosa c'e' di piu innovativo del applicare bene queste 4 cose? il giocatore si aspetta qualcosa di diverso?
e parlando dei giochi che escono, i dubbi vengono fuori:
meglio un gioco di grande liberta' come Morrowind o uno piu chiuso ma con una bella storia?
meglio un gioco di combattimenti o un gioco piu di dialoghi?

Io in un gioco di ruolo cerco l'epicita', la caratterizzazione dei personaggi, il grado di crescita che possono avere, in relazione anche alle altre persone e a tutto il resto. un mondo in cui posso scoprire le mille facettature, e che magari ogni gioco della stessa serie posso trovare nuove informazioni su di esso. anche una bella storia da seguire sarebbe bella ma renderebbe secondo me troppo rigido il gioco perche' sia una storia veramente bella (ammazzo il tipo li e ora? non posso piu andare avanti)
Di giochi con la loro bella trama piu o meno dinamica ce ne saranno sempre, pero un gioco veramente da ricordare dovrebbe essere diverso.

commodo
17-06-2003, 15.07.43
Originally posted by gaberh
tu vuoi vedermi morto!
ho una certa età, non puoi dirmi certe cose.

Lion ha una trama superba, con riferimenti storici, filosofici, letterari, ha lo s.p.e.c.i.a.l. (modificato e corretto) come sistema di avanzamento del personaggio

ti dico solo che potrai avere come compagno d'avventura Cervantes e che Leonardo Da Vinci ti darà delle quest...

Potenzialmente è "Il nome della Rosa" dei crpg, non paragonarlo a Stephen King (che pure amo moltissimo): sono due cose diverse!


Ok vecchietto, certe cose cercherò di dirtele con più tatto!:p ;)
Spero che tu abbia ragione.
P.s. Imho, potenzialmente, il nome della Rosa dei crpg dovrebbe essere Inquisitor.

Skree
17-06-2003, 15.13.56
Originally posted by commodo
Ti capisco! Anche se a Skree verrà il mal di pancia, io mi riferivo proprio a Morrowind: un grande gioco, ma decisamente FREDDO, impersonale, distaccato, quasi altero nella sua grandezza, che non dà confidenza.

No, no, dopo aver letto certe merdate (questo posso dirlo, spero) sul forum di Morrowind Outlander mi rendo conto che Morrowind varia molto a seconda di come lo si gioca... io riesco a calarmi bene nel personaggio, mi ci "immergo totalmente" nel mondo che hanno creato alla Bethesda, e cosi' facendo riesco a provare quello che tu chiami "divertimento"... ma in Morrowind non è una cosa che viene spontanea, serve un minimo di impegno da parte del giocatore... no, non impegno, "predisposizione"... quando gioco a Morrowind vedo il 60% di quanto succede, il restante 40% me lo immagino, ed è questo che me lo fa considerare un capolavoro... ma basta, dopo aver visto uno che si è chiamato il personaggio "Ankel SSJ" quel forum ha raggiunto il minimo storico per quanto mi riguarda... bah.

illoca
17-06-2003, 15.25.32
Attenzione Skree si parlava di emozioni diverse dal divertimento ma dal coinvolgimento puro come sentimenti + forti.
Da questo punto di vista Morro mi sembra molto freddo e impersonale anche con tutta la mia bravura nell'impersonificarmi nel pg.
Anche se forse è il gioco + vicino al gdr che abbia mai giocato

Skree
17-06-2003, 15.30.57
Originally posted by illoca
Attenzione Skree si parlava di emozioni diverse dal divertimento ma dal coinvolgimento puro come sentimenti + forti.
Da questo punto di vista Morro mi sembra molto freddo e impersonale anche con tutta la mia bravura nell'impersonificarmi nel pg.
Anche se forse è il gioco + vicino al gdr che abbia mai giocato

Guarda che lo so... -_-''

Sono stato io a parlare di emozioni in senso ampio, e sono proprio quelle che riesco a provare... quando vado a parlare con Ahnassi... quando mi imbatto in alcuni schiavi e me li immagino tremanti mentre attendono "la mia decisione"... quando una capogilda bastarda mi manda ad ammazzare una "necromante" e salta fuori che e' soltanto una "nemica personale"... mi immagino le espressioni, le storie di questi personaggi, cio' che c'e' dietro... e allora tutto il mondo di gioco diventa vivo...

Ah... una cosa, per il "conviver civile"... ho un caratteraccio, accostamenti come "attenzione skree" riescono a farmi incazzare all'istante, anche se cerco di controllarmi :P

gaberh
17-06-2003, 16.09.02
Caro Skree, chi è Drago dentro, ha la sua natura...
sputa fuoco!

beviti un birrone :birra:

illoca
17-06-2003, 16.24.08
Originally posted by Skree

Sono stato io a parlare di emozioni in senso ampio, e sono proprio quelle che riesco a provare... quando vado a parlare con Ahnassi... quando mi imbatto in alcuni schiavi e me li immagino tremanti mentre attendono "la mia decisione"... quando una capogilda bastarda mi manda ad ammazzare una "necromante" e salta fuori che e' soltanto una "nemica personale"... mi immagino le espressioni, le storie di questi personaggi, cio' che c'e' dietro... e allora tutto il mondo di gioco diventa vivo...

Complimenti io non riesco ad impersonare cosi' tanto il mio pg, comunque il gioco dovrebbe darmi piu' che una mano...


Ah... una cosa, per il "conviver civile"... ho un caratteraccio, accostamenti come "attenzione skree" riescono a farmi incazzare all'istante, anche se cerco di controllarmi :P [/B]

Lo so che hai un caratteraccio :D pero' non cercare offesa dove non c'è minima intenzione (e questo dai miei thread precedenti avresti dovuto capirlo) e so anche che sei la persona che insulta e un momento dopo scrive forbito all'Atari ma tranquillo a me piaci cosi'.

pinkfloydforever
17-06-2003, 16.35.09
Originally posted by commodo

...Tutto ciò mi fa tornare al discorso iniziale: Pink mi sembra scettico sulla possibilità di evoluzione degli rpg. ............


No non proprio scettico nel senso vero del termine ma sono incapace di immaginarmi che possano esserci evoluzioni di un certo livello, forse è un mio limite.



Originally posted by commodo

..Forse negli ultimi tempi si è badato più all'esteriorità ed alla tecnica del prodotto che non a renderlo davvero coinvolgente.

Si, io credo che quel perfido giochetto "hardware sempre + potente - gioco sempre più complesso graficamente per soddisfare la necessità/voglia di upgradare" stia bilanciando male i prodotti finali.

Skree
17-06-2003, 16.36.49
Hahahah, okay... :)

Un altro dei miei "regali" va... ;)

Forse l'immagine la consocete già... ma non scannerizzata così grande e così bene :D

http://sssra.web.ctonet.it/The%20Guardian.jpg

pinkfloydforever
17-06-2003, 17.21.04
Originally posted by Skree
... un maledettissimo giochino per GBA e', di nuovo, riuscito a farmi versare una lacrima...

Scusa Skree qual'è il giochillo per GBA?

Skree
17-06-2003, 17.24.29
Originally posted by pinkfloydforever
Scusa Skree qual'è il giochillo per GBA?

Zone of The Enders: The Fist of Mars.

Molto bello... ah, non c'entra niente con lo sparatutto PS2.. è uno strategico a turni con, udite udite, alcuni elementi da GdR :D

C'è anche la possibilita', di tanto in tanto, di avere dei dialoghi con risposte a scelta multipla... peccato che.. beh... non voglio spoilerare la trama, bella, commovente, profonda.

gaberh
17-06-2003, 18.15.47
Originally posted by commodo
...
P.s. Imho, potenzialmente, il nome della Rosa dei crpg dovrebbe essere Inquisitor.

quello lo sostengono gli sviluppatori ceki del gioco...
ma solo perchè c'è la Santa Inquisizione di mezzo...

ma anche in Lion ci sono i Domenicani!!!
Spagna, 1500 e rotti, l'Inquisizione vuole distruggere tutto ciò che è magico perchè lontano da Dio...
questioni religiose e razziali...
tu sei imprigionato nelle carceri di Barcellona...
L'Inghilterra è un insieme di isolette, l'Irlanda è sprofondata nell'oceano trecento anni prima.
il mare arriva sino a Parigi...
nelle terre del nord, una stirpe di draghi è stata distrutta da Cuor di leone insieme al Saladino ma sembra che non sia poi così...

Tutto questo, mentre l'Invincibile Armada stà preparandosi a sconfiggere la perfida albione sul mare ed a invadere ciò che resta dell'inghilterra

La verde inghilterra patria di tutti coloro che vogliono usare la magia in santa pace.

Con questo background ti sembra BG3?

Come direbbe Di Pietro, non c'azzecca nulla con BG!!!

Skree
17-06-2003, 18.32.53
Uh? QUELLA e' l'ambientazione di Lionheart? Occazzo, deve essere mio :D

pinocchio2_quicksaver
17-06-2003, 18.35.47
Originally posted by Skree

Zelda preferisco tenerlo LONTANO da questo discorso... non perchè lo consideri un brutto gioco, ma perchè ha un impostazione allegra, giocosa, che non c'azzecca un cazzo col discorso che stiamo facendo...

Riportavo l'opinione di terzi raccolta su siti e su newsgroups:
Zelda e' un capolavoro, emozionante etc...personalmente ci devo ancora giocare, ma quando, a distanza di anni si continua ad elogiare un titolo, io inizio ad alzare le antenne, se non ci ho gia' giocato..se poi ha impostazione allegra non significa che non sia in grado di emozionare...


E... mi potresti chiarire il significato di questa parentesi? Ho detto da qualche parte che fanno solo bei giochi? Ho detto, in un qualsiasi punto del mio discorso, che tutto cio' che fanno e' oro?

Ho forse detto che tu hai detto che i jap fanno solo oro?
era una puntualizzazione per quelli, che quando sentono parlare di console arriciano il naso, e poi magari si inkazzano se qualcuno arricia il naso quando loro parlano di videogiochi in generale...

pinocchio2_quicksaver
17-06-2003, 18.38.21
Originally posted by /\/\att
>bastaaa con sto final fantasy 7 !!!!!! cosa ha di speciale?????
>sono l'unico ad non averci mai giocato?

Ma scusa, prima di sputare sentenze... almeno prova a giocarlo no? ;)

mi riallaccio al post con skree, quando a distanza di anni si continua a elogiare un titolo, bisogna che ci sia del buono, non e' una legge universale, ma generalmente...

pinocchio2_quicksaver
17-06-2003, 18.39.47
Originally posted by Autén
per quotare bene basta chiudere i tag ;p
{quote} testo {/quote} con parentesi quadra al posto della graffa. :asd:

si hai ragione ma e' palloso, sono abituato a lasciare uno spazio, per non parlare che oramai scrivo quasi sempre gli accenti con l'apostrofo...

pinocchio2_quicksaver
17-06-2003, 18.52.29
Originally posted by SoD
anche una bella storia da seguire sarebbe bella ma renderebbe secondo me troppo rigido il gioco perche' sia una storia veramente bella (ammazzo il tipo li e ora? non posso piu andare avanti)


e' il problema che si pone sempre agli sviluppatori di rpg:
come conciliare la trama con la liberta' di azione...e la soluzione e' il classico uovo di colombo: metterci piu' storie intriganti a seconda del percorso, ma hai voglia... personalmente penso che sviluppare un rpg vasto, profondo ed emoziante sia un bel casino, forse e' il tipo di videogioco piu' complesso da sviluppare, ma quando ci riescono te li tieni per un bel pezzo nel disco duro..

Arle
17-06-2003, 19.04.25
...probabile che intendesse "bello come bg3" visto che alla maggior parte del popolino (me compreso) l'1 e il 2 sono piaciuti... :D


per tornare a un discorso precedente, sarà una mia impressione, ma la tendenza (per il mondo dei giochi di ruolo per pc) non è di stagnazione del genere ma di ua vera e propria involuzione...

probabilmente è soggettivo, okey il motore e la grafica è migliorata, ma mi viene da chiedermi..e allora? i computer dal 1990 (Ultima 6) sono aumentati di un centinaio di volte in potenza e facilità d'uso....la grafica non so di quanto (un milione? :D )...ma la trama, l'immersione in un mondo vario con npc "veri"?

sarà la legge del mercato o meglio dei soldi, sarà che ora ci vogliono 40 persone per fare un videogioco (comico vero? considerando che molti capolavori sono stati concepiti da 2 o 3 persone)
cmq la cosa lascia l'amaro in bocca..

mah...

zdrenos
17-06-2003, 21.15.27
x Gaberh:non illudermi con Lionheart,perchè la profondità che sembra trasparire dalla tua descrizione è merce non rara,ma semplicemente INESISTENTE nel mondo crpg...Non giocare coi miei sentimenti!:D

xCommodo:Morro non è freddo...Tu ti diverti a giocare a Gothic scuoiando animali ecc.,io mi DIVERTO e provo EMOZIONI praticamente SENZA PRECEDENTI col background di Morro;per me è Gothic ad essere "freddo ed artficiale",perchè è un mondo astorico,apolitico ecc.,e per me questo lo rende molto più finto di Morro...
Io accetto le tue opinioni ovviamente,ma quando leggo che Morro è "freddo e artificiale"come se fosse un difetto oggettivo del gioco gradirei che si specificasse(come ho fatto io per Gothic)che si parla di opinioni personali...Per il rest gran bel topic complimenti...

gaberh
17-06-2003, 21.31.29
Originally posted by zdrenos
x Gaberh:non illudermi con Lionheart,perchè la profondità che sembra trasparire dalla tua descrizione è merce non rara,ma semplicemente INESISTENTE nel mondo crpg...Non giocare coi miei sentimenti!:D



non gioco con i tuoi sentimenti.
io "sento" che sarà il giocone one one dell'anno.
ho letto troppa roba bella su lion per avere dubbi.
ne voglio scrivere ancora, per estendere il più possibile, il numero di fan.

senza rancore.

Lichlord
17-06-2003, 21.43.08
Per quel che mi riguarda, un crpg può definirsi pienamente riuscito quando riesce a centrare l'obbiettivo dell' "immedesimazione", intesa non tanto quanto assoluta libertà d'azione ma come sensazione di essere parte di un mondo vivo, che respira e si evolve, per quanto nel limite del contesto narrativo del gioco.
Perchè amo tanto Gothic e Morrowind? Per il semplice fatto che, a volte, è bellissimo anche solo fermarsi ad ammirare il paesaggio, osservare l'alternarsi del giorno e della notte, ascoltare lo scorrere di un ruscello tra i boschi (questo è anche il motivo per cui certi giochi impiego un'eternità a finirli, un esempio su tutti Outcast :rolleyes: ).
Non solo... immedesimazione è anche sentirsi parte di una storia, smettere di considerare gli npc o i membri del parti come un semplice ammasso di pixel guidati da IA e script vari, ma come "entità" che nella dimensione narrativa del gioco vivono, pensano e agiscono in virtù della loro coscenza. Personalmente mi sono commosso quando ho conosciuto Fall from Grace, o quando ho realizzato quanto forti fossero le emozioni di Raven. Di Sephiroth ho spesso meditato su quanto il destino abbia saputo donargli per poi strappargli tutto dalle mani; ho odiato l'Overseer per il suo comportamento, ma ho compreso le ragioni della sua scelta. E ho osservato come le azioni di un singolo prigioniero possano influenzare le scelte degli dei e di come un uomo possa (o non possa) cambiare la propria natura.
Qualcosa alla fine rimane con noi, ed è questa, a parer mio, l'essenza del Gioco di Ruolo.

commodo
17-06-2003, 21.47.21
Originally posted by gaberh
quello lo sostengono gli sviluppatori ceki del gioco...
ma solo perchè c'è la Santa Inquisizione di mezzo...

ma anche in Lion ci sono i Domenicani!!!
Spagna, 1500 e rotti, l'Inquisizione vuole distruggere tutto ciò che è magico perchè lontano da Dio...
questioni religiose e razziali...
tu sei imprigionato nelle carceri di Barcellona...
L'Inghilterra è un insieme di isolette, l'Irlanda è sprofondata nell'oceano trecento anni prima.
il mare arriva sino a Parigi...
nelle terre del nord, una stirpe di draghi è stata distrutta da Cuor di leone insieme al Saladino ma sembra che non sia poi così...

Tutto questo, mentre l'Invincibile Armada stà preparandosi a sconfiggere la perfida albione sul mare ed a invadere ciò che resta dell'inghilterra

La verde inghilterra patria di tutti coloro che vogliono usare la magia in santa pace.

Con questo background ti sembra BG3?

Come direbbe Di Pietro, non c'azzecca nulla con BG!!!


Francamente non mi pare che gli sviluppatori di Inquisitor sostengano una cosa del genere, ma se leggi l'intervista fatta loro riguardo il gioco (http://www.dungeony.cz/inquisit_new_eng.htm) non puoi non trovare tantissimi punti di contatto con il romanzo. "Il Nome della Rosa" è un romanzo giallo medioevale, Inquisitor è un rpg giallo medioevale, che si ispira a Torment, e nel quale bisognerà scoprire il responsabile di numerose morti sospette, legate ad una setta eretica: più "Nome della Rosa" di questo!

Circa l'accostamento con BG3, sembra quasi che per te sia un insulto. E che? Ma ti ha fatto tanto schifo BG3? A me non dispiacerebbe se fosse una sorta di terzo capitolo della saga. In ogni caso, il collegamento non veniva tanto dal gameplay (in ogni caso fantasy-storico) ma da altri elementi: la grafica isometrica non può non ricordare il capolavoro BI, il sistema di dialogo è, per ammissione, identico a quello già implementato, pure il sistema di combattimento dovrebbe ricalcare quello già visto ed infine, dagli screenshots la gestione dell'inventario sembre riprodurre abbastanza fedelmente quella dell'illustre predecessore : sulle quest e sul sistema di sviluppo del personaggio ovviamente non mi posso pronunciare, ma mi pare che punti di contatto ce ne siano, eccome!

commodo
17-06-2003, 21.52.36
Originally posted by zdrenos

xCommodo:Morro non è freddo...Tu ti diverti a giocare a Gothic scuoiando animali ecc.,io mi DIVERTO e provo EMOZIONI praticamente SENZA PRECEDENTI col background di Morro;per me è Gothic ad essere "freddo ed artficiale",perchè è un mondo astorico,apolitico ecc.,e per me questo lo rende molto più finto di Morro...
Io accetto le tue opinioni ovviamente,ma quando leggo che Morro è "freddo e artificiale"come se fosse un difetto oggettivo del gioco gradirei che si specificasse(come ho fatto io per Gothic)che si parla di opinioni personali...Per il rest gran bel topic complimenti...


MA ZDRENOS!!!! IO, QUANDO POSTO, DO PER SCONTATO DI PARLARE A GENTE RAZIOCINANTE CHE CAPISCE BENISSIMO CHE ESPRIMO UN'OPINIONE PERSONALE! MICA SONO BERLUSCONI!!!!!


p.a. grazie per i complimenti ;)

commodo
17-06-2003, 21.58.59
Originally posted by Lichlord

Perchè amo tanto Gothic e Morrowind? Per il semplice fatto che, a volte, è bellissimo anche solo fermarsi ad ammirare il paesaggio, osservare l'alternarsi del giorno e della notte, ascoltare lo scorrere di un ruscello tra i boschi (questo è anche il motivo per cui certi giochi impiego un'eternità a finirli, un esempio su tutti Outcast :rolleyes: ).


Nota di merito a Lichlord per avermi ricordato il grande Outcast. Che sensazioni quando sorgeva il sole in uno dei mondi di Adelpha! E che senso di vuoto, alla morte di Marion, sniff:mecry:
Che gran perdita non avere il seguito.....

Skree
17-06-2003, 22.12.04
Originally posted by commodo
Nota di merito a Lichlord per avermi ricordato il grande Outcast. Che sensazioni quando sorgeva il sole in uno dei mondi di Adelpha! E che senso di vuoto, alla morte di Marion, sniff:mecry:
Che gran perdita non avere il seguito.....

Non parlarmente :mecry:

gaberh
17-06-2003, 22.30.31
Originally posted by commodo
.................

Circa l'accostamento con BG3, sembra quasi che per te sia un insulto. E che? Ma ti ha fatto tanto schifo BG3? A me non dispiacerebbe se fosse una sorta di terzo capitolo della saga. In ogni caso, il collegamento non veniva tanto dal gameplay (in ogni caso fantasy-storico) ma da altri elementi: la grafica isometrica non può non ricordare il capolavoro BI, il sistema di dialogo è, per ammissione, identico a quello già implementato, pure il sistema di combattimento dovrebbe ricalcare quello già visto ed infine, dagli screenshots la gestione dell'inventario sembre riprodurre abbastanza fedelmente quella dell'illustre predecessore : sulle quest e sul sistema di sviluppo del personaggio ovviamente non mi posso pronunciare, ma mi pare che punti di contatto ce ne siano, eccome!

lei, messere, mi sfida a singolar tenzone!
ed allora in guardia!

differenze:
lion non è party based
lion usa lo special e non le regole di d&d
lion non è ambientato in un mondo fantasy ma in un passato alternativo
lion usando lo special, non ha il sistema di combattimento di bg
in lion ci sarà la possibilità di scegliere fin dall'inizio la razza di appartenenza che "dovrebbe" influenzare tutto il gioco; il bg la razza influenzava aspetti molto secondari.
in lion si "dovrebbe" poter interpretare un personaggio evil con enormi ripercussioni sull'intera storia, in b.g. stare dalla parte dei cattivi faceva ridere i polli (perchè il tuo destino era sempre quello lì...non spoileriamo)
il lion ci saranno tematiche "adulte" (persecuzioni razziali, torture, uccisioni violente di innocenti) in b.g. stavamo a disneyland

insomma commodo lion potrebbe essere il fallout del 2003: ne ha non solo tutte le potenzialità, ma anche le caratteristiche tecniche.
solo a fallout può essere paragonato

a te la spada...pardon...la tastiera...

commodo
17-06-2003, 22.42.16
Hmmm....forse un pò troppi condizionali, Sir Gaberh, ma alcune delle cose che dici sono sicuramente condivisibili, soprattutto la scelta in single che non può non avere ripercussioni, quanto meno nei combattimenti. Sul resto avrei qualche dubbio, nel senso che non so quanto l'implementazione dello special influirà davvero sul gameplay.
D'altra parte, al momento non possiamo che fare supposizioni e sperare che il giocone venga distribuito in Europa.
Propongo di rimandare il duello alla prima demo o "hand on" del gioco.
Nel frattempo mi unisco alla speranza che Lionehart sia il Fallout del 2003.

gaberh
17-06-2003, 22.52.22
Originally posted by commodo
Hmmm....forse un pò troppi condizionali, Sir Gaberh, ma alcune delle cose che dici sono sicuramente condivisibili, soprattutto la scelta in single che non può non avere ripercussioni, quanto meno nei combattimenti. Sul resto avrei qualche dubbio, nel senso che non so quanto l'implementazione dello special influirà davvero sul gameplay.
D'altra parte, al momento non possiamo che fare supposizioni e sperare che il giocone venga distribuito in Europa.
Propongo di rimandare il duello alla prima demo o "hand on" del gioco.
Nel frattempo mi unisco alla speranza che Lionehart sia il Fallout del 2003.

e bè i condizionali son d'obbligo...
io leggo, leggo, ma...non ho ancora toccato con mano.
ho letto (e ridaje) sul forum dell'interplay che non è prevista nessuna demo prima dell'uscita del gioco.
dico io: a che serve dopo? avrò già il giocone!
questo me lo compro per posta su amazon.com
tanto per non bissare le spiacevolezze di gothic 2 (che invidia!)

zdrenos
18-06-2003, 01.50.03
Originally posted by pinkfloydforever
Si ma io mi chiedo: ma qual può essere l'innovazione ulteriore negli RPG?

Mi interessa tornare un attimo su questo argomento...Allora:oltre ai(grossi)margini di miglioramento descritti da Commodo,c'è la questione della libertà di interpretazione di un ruolo lasciata al giocatore...Leggo a volte di discussioni riguardanti la possibilità di fare il "cattivo" in un crpg,con conseguente lode del gioco che offre più possibilità in questo senso rispetto ad altri...La questione è più amplia...In TUTTI i crpg si simula una società "guerriera"in cui prevale socialmente un "massacratore"(noi)...Facco l'esempio di Morro:è possibile scalare le gerarchie di una qualsiasi gilda o Casata senza sporcarsi le mani di sangue?No.In Baldur's?Wyzadry?Fallout?Di quanti crimini si è macchiato il nameless one nelle sue "vite" precedenti?Specifico a chiare lettere che questo NON è un discorso moralista...Mi limito solo a constatare che la nostra libertà di interpretazione di un ruolo è stata sempre circoscritta ad una tipologia "standard"...Vi chiedo:quali sono i limiti tecnici che impediscono di sviluppare ambientazioni che permettano ad esempio di essere l'"uomo della strada"in una società evoluta(fantasy,di fantascienza,ma anche "storica")...Tentativi di questo tipo possono tranquillamente nascere all'interno del "paradigma" corrente...Questa semplice constatazione apre la strada ad un miliardo di possibilità inesplorate...

Skree
18-06-2003, 01.58.37
Darklands... se si avevano personaggi adatti si poteva fare il 99% del gioco senza mai combattere... (e in quell'uno prendevi le stecche)

gaberh
18-06-2003, 09.24.17
Originally posted by zdrenos
....
La questione è più amplia...In TUTTI i crpg si simula una società "guerriera"in cui prevale socialmente un "massacratore"(noi)...Facco l'esempio di Morro:è possibile scalare le gerarchie di una qualsiasi gilda o Casata senza sporcarsi le mani di sangue?No.In Baldur's?Wyzadry?Fallout?Di quanti crimini si è macchiato il nameless one nelle sue "vite" precedenti?Specifico a chiare lettere che questo NON è un discorso moralista...Mi limito solo a constatare che la nostra libertà di interpretazione di un ruolo è stata sempre circoscritta ad una tipologia "standard"...Vi chiedo:quali sono i limiti tecnici che impediscono di sviluppare ambientazioni che permettano ad esempio di essere l'"uomo della strada"in una società evoluta(fantasy,di fantascienza,ma anche "storica")...



da quello che leggo, in lionheart, con molta difficoltà, si potrà finire il gioco senza aver accoppato nessuno...

se poi non è vero...
ma dai, sarà il capolavoro dell'anno, del secolo, del millennio...

:confused:

vado a lavorare, che è meglio...

pinkfloydforever
18-06-2003, 10.50.14
Originally posted by zdrenos
Mi interessa tornare un attimo su questo argomento...Allora:oltre ai(grossi)margini di miglioramento descritti da Commodo,c'è la questione della libertà di interpretazione di un ruolo lasciata al giocatore...Leggo a volte di discussioni riguardanti la possibilità di fare il "cattivo" in un crpg,con conseguente lode del gioco che offre più possibilità in questo senso rispetto ad altri...La questione è più amplia...In TUTTI i crpg si simula una società "guerriera"in cui prevale socialmente un "massacratore"(noi)...Facco l'esempio di Morro:è possibile scalare le gerarchie di una qualsiasi gilda o Casata senza sporcarsi le mani di sangue?No.In Baldur's?Wyzadry?Fallout?Di quanti crimini si è macchiato il nameless one nelle sue "vite" precedenti?Specifico a chiare lettere che questo NON è un discorso moralista...Mi limito solo a constatare che la nostra libertà di interpretazione di un ruolo è stata sempre circoscritta ad una tipologia "standard"...Vi chiedo:quali sono i limiti tecnici che impediscono di sviluppare ambientazioni che permettano ad esempio di essere l'"uomo della strada"in una società evoluta(fantasy,di fantascienza,ma anche "storica")...Tentativi di questo tipo possono tranquillamente nascere all'interno del "paradigma" corrente...Questa semplice constatazione apre la strada ad un miliardo di possibilità inesplorate...

Beh non hai tutti i torti......
Limiti tecnici per arrivare a fare quel che tu dici non ce ne sono, forse è mancanza di coraggio da parte degli sviluppatori, perchè immagino che un gioco con degli aspetti quali quelli che dici tu sia abbastanza lungo da sviluppare ed oggi si sa bisogna tirarli fuori alla svelta i giochi.