PDA

Visualizza versione completa : recezione di elementi di culture straniere...



Elrond.
06-06-2003, 00.03.18
Leggendo 1984 di George Orwell, mi ha colpito una nota alla parola chilometro; la riporto integralmente:
Vale la pena di attirare l'attenzione su questo particolare. Orwell usa provocatoriamente il sistema metrico decimale per indicare il grado di spersonalizzazione e omologazione che ha travolto quella che un tempo era la cultura britannica. I redattori americani della Harcourt, ritenendo che in Gran Bretagna tale sistema fosse divenuto la norma, nelle prime bozze convertirono tutti i dati in pi¨ famigliari iarde e miglia. Ad accorgersi in tempo di questo peculiare caso di mal riposto zelo fu lo stesso Orwell.

Mi chiedevo: fino a che punto Ŕ opportuna una tale commistione tra lingue e culture? Indubbiamente vi Ŕ un vantaggio pratico nell'adozione di un sistema di misurazione comune, ma Ŕ minimo. Al contrario, conservare iarde e miglia non ha alcun vantaggio pratico, risponde solo alla necessitÓ di conservare la propria cultura. Quale delle due istanze deve prevalere in casi come questi?
Non mi fate l'esempio dell'euro (la cui adozione condivido per vari motivi), perchŔ la cosa Ŕ abbastanza diversa.

P.S.: non so allo stato attuale come va in Inghilterra la recezione del sistema metrico decimale (indubbiamente non ha soppiantato affatto il vecchio sistema), il caso vuole essere esemplificativo, avendo dato spunto alla mia riflessione.

Peter Pan
06-06-2003, 03.40.08
Il problema sorge quando si cerca di vedere la Gran Bretagna come una regione a Nord dell'Europa, quando invece non Ŕ che il caposaldo di un impero che dell'Europa non sa cosa farsene. Il Commonwealth comprende vaste terre di diversi continenti, hanno pi¨ necessitÓ di avere una unitÓ ed un protocollo tra loro che non con l'Europa.

JEDI
06-06-2003, 09.27.53
Originally posted by Elrond.

Mi chiedevo: fino a che punto Ŕ opportuna una tale commistione tra lingue e culture?


Beh francamente io penso che la questione rientri pi¨ nel campo delle convenzioni ( che i britannici si tengono stretti a costo di farsi scannare ) che della tradizione culturale vera e propria.


Originally posted by Elrond.

P.S.: non so allo stato attuale come va in Inghilterra la recezione del sistema metrico decimale


Io sapevo che avrebbe dovuto progressivamente soppiantare il sistema anglosassone, con un periodo di "inter regno" in cui su confezioni, cartelli etc. dovevano comparire entrambe le misure.

fabiosortelli
06-06-2003, 10.49.22
Purtroppo come ha detto Peter Pan spesso l' Inghilterra si sente pi¨ vicina ai cugini americani che non a noi europei.
Il canale della Manica se da un lato le ha garantito per secoli una non indifferente protezione contro gli attacchi delle altre nazioni europee (vedi Spagna e Francia) dall' altro l' ha fatta volentieri chiudere in un, a volte, ottuso isolazionismo.
A Parigi nel 1875 si riunirono i rappresentanti di 17 paesi ( o erano 18? :p ) per approvare la Convenzione sul Metro che fissava le prime grandezze fondamentali a cui in seguito vennero aggiunte altre. Gli inglesi ovviamente furono restii in un primo tempo ma in fine accettarono il nuovo sistema sulla carta, anche se effettivamente ancora oggi per determinare le distanze usano i piedi e i pollici ...
Noi stessi in effetti usiamo ancora queste grandezze di misura per indicare il diametro dei floppy o la grandezza di televisori o schermi in genere ...

krolizard
06-06-2003, 10.59.42
un paio di anni fa hanno pure abolito il quintale... lo usavamo solo noi in Italia. Ora in teoria non si dovrebbe pi¨ usare :rolleyes:

palka
06-06-2003, 11.49.33
Originally posted by krolizard
un paio di anni fa hanno pure abolito il quintale... lo usavamo solo noi in Italia. Ora in teoria non si dovrebbe pi¨ usare :rolleyes: infatti cosa diavolo Ŕ un quintale? :niente!: :asd:

Strasbuli
06-06-2003, 11.58.27
Originally posted by palka
infatti cosa diavolo Ŕ un quintale? :niente!: :asd:

Io sapevo 100 chili! :)

krolizard
06-06-2003, 12.01.29
Originally posted by Strasbuli
Io sapevo 100 chili! :)
appunto, ora sono 100Kg :)
infatti quando vado a comprare dal verduriere trovo sempre difficile... una volta dicevo: mi dii d¨ quintale de mele!
ora devo dire :mi dii ... 'naccia,,, ehhh ducento chile de mele... credo...

LaLu
06-06-2003, 12.03.59
Originally posted by Elrond.
Leggendo 1984 di George Orwell, mi ha colpito una nota alla parola chilometro; la riporto integralmente:
Vale la pena di attirare l'attenzione su questo particolare. Orwell usa provocatoriamente il sistema metrico decimale per indicare il grado di spersonalizzazione e omologazione che ha travolto quella che un tempo era la cultura britannica. I redattori americani della Harcourt, ritenendo che in Gran Bretagna tale sistema fosse divenuto la norma, nelle prime bozze convertirono tutti i dati in pi¨ famigliari iarde e miglia. Ad accorgersi in tempo di questo peculiare caso di mal riposto zelo fu lo stesso Orwell.

Mi chiedevo: fino a che punto Ŕ opportuna una tale commistione tra lingue e culture? Indubbiamente vi Ŕ un vantaggio pratico nell'adozione di un sistema di misurazione comune, ma Ŕ minimo. Al contrario, conservare iarde e miglia non ha alcun vantaggio pratico, risponde solo alla necessitÓ di conservare la propria cultura. Quale delle due istanze deve prevalere in casi come questi?
Non mi fate l'esempio dell'euro (la cui adozione condivido per vari motivi), perchŔ la cosa Ŕ abbastanza diversa.

P.S.: non so allo stato attuale come va in Inghilterra la recezione del sistema metrico decimale (indubbiamente non ha soppiantato affatto il vecchio sistema), il caso vuole essere esemplificativo, avendo dato spunto alla mia riflessione.

:toh:
In questo caso penso vada rispettata la volontÓ dello scrittore, il quale ha usato questo termine non come una semplice unitÓ di misura, ma proprio per la sottile differenza semantica tra i due termini.
Pi¨ che una differenza fra due culture, Orwell sottolinea il senso di mutamento sociale che, spesso, soggiace all'adozione di termini stranieri o neologismi in un dato sistema linguistico.
;)

Peter Pan
06-06-2003, 12.06.27
Originally posted by fabiosortelli
Purtroppo come ha detto Peter Pan spesso l' Inghilterra si sente pi¨ vicina ai cugini americani che non a noi europei.

Il punto Ŕ che non intendevo i cugini americani, quanto proprio al suo impero costruito con secoli di schiavit¨ e colonialismo. Con l'Australia ad esempio, che ha l'Union Jack perfino nella bandiera nazionale... Parlavo del Commonwealth che davvero Ŕ un impero a sÚ stante, altro che EU...
Come biasimarli? Dove mai si Ŕ visto un Impero che si vessilla e si autopunisce solo per aver prodotto latte pi¨ dello stabilito?

Evil Raven
06-06-2003, 12.20.41
recezione di elementi di culutra straniera....




kebab.... http://forum.ngi.it/smilies/sbav.gif

JEDI
06-06-2003, 12.28.16
Originally posted by krolizard
appunto, ora sono 100Kg :)
infatti quando vado a comprare dal verduriere trovo sempre difficile... una volta dicevo: mi dii d¨ quintale de mele!
ora devo dire :mi dii ... 'naccia,,, ehhh ducento chile de mele... credo...

Ma dove cavolo abiti? :D