PDA

Visualizza versione completa : localizzazioni e traduzioni "amatoriali"



zdrenos
29-05-2003, 18.56.06
Visto che nel topic di Gothic 2 si sta parlando di localizzazioni, vorrei introdurre un argomento delicato:le traduzioni "amatoriali": penso che allo stato attuale un gioco come Gothic 2,se verrà veramente ufficializzata una mancata traduzione,non dovrà aspettare molto perchè qualcuno si metta a localizzarlo gratuitamente...Cosa ne pensate?Voglio dire:visto che le traduzioni costano e se un gioco non localizzato ufficialmente viene tradotto da appassionati,mi sembra che ci voglia poco ad "adagiarsi sugli allori"...Il trend delle prossime uscite sembra questo...

Skree
29-05-2003, 19.11.13
Hmm... sinceramente non saprei, le localizzazioni amatoriali hanno tutto il mio rispetto, ed è principalmente per questo che non le giudico... sono un lavoro di appassionati, e hanno quindi tutta la mia stima per cio' che fanno, come nutro stima per chiunque faccia qualcosa per "passione"...

Pero'... boh... l'ITP dovrebbe diventare qualcosa di piu' ufficiale, dovrebbe farsi pagare (meno di quanto non si farebbe pagare una societa' "vera e propria" naturalmente) e allora, forse, potrei pure collaborare... anzi senza forse.

lazydoc
29-05-2003, 19.13.29
francamente se i distributori dovessero tendere ad un politica di questo tipo io sarei favorevole ad un legge che protegga la pirateria!!!!!!


cavolo allora si che mi "cracko" tutto il "crackabile"

e me lo aggiorno traducendolo

bye

gaberh
29-05-2003, 19.28.31
Originally posted by Skree
Hmm... sinceramente non saprei, le localizzazioni amatoriali hanno tutto il mio rispetto, ed è principalmente per questo che non le giudico... sono un lavoro di appassionati, e hanno quindi tutta la mia stima per cio' che fanno, come nutro stima per chiunque faccia qualcosa per "passione"...

Pero'... boh... l'ITP dovrebbe diventare qualcosa di piu' ufficiale, dovrebbe farsi pagare (meno di quanto non si farebbe pagare una societa' "vera e propria" naturalmente) e allora, forse, potrei pure collaborare... anzi senza forse.

LE traduzioni amatoriali tipo Torment e Morro sono "tollerate" in quanto amatoriali.
se provi a farle pagare in qualche maniera (anche solo mettendole in un sito nella sezione Premium a pagamento) diventano a fine di lucro (in senso ampio) e non sono più "tollerate".
hem, diciamo che me ne intendo :angel2:

(o sono ladro, o poliziotto .... o avvocato)

prosit :birra:

Falcocadarn
29-05-2003, 19.33.14
Originally posted by Skree

Pero'... boh... l'ITP dovrebbe diventare qualcosa di piu' ufficiale, dovrebbe farsi pagare (meno di quanto non si farebbe pagare una societa' "vera e propria" naturalmente) e allora, forse, potrei pure collaborare... anzi senza forse.

e chi ti ha detto ti prenderei nel gruppo??:asd: :asd:

Skree
29-05-2003, 19.33.16
Beh, naturalmente, ma io intendevo "pagate dai distributori" :)

Cazzo, l'ITP ha una connessione "quasi diretta" con la Ubisoft, questo potrebbe essere un percorso preferenziale per fare dei contratti... e poi la Ubisoft non spenderebbe... chesso', 2.000 euro a testa (e non al mese, in TOTALE per ogni traduttore)?

Per 2.000 euro ci metterei venti firme a mettermi a tradurre un gioco a tempo pieno per chi l'inglese non lo sa.

Skree
29-05-2003, 19.35.00
Originally posted by Falcocadarn
e chi ti ha detto ti prenderei nel gruppo??:asd: :asd:

'shtardo -_-

gaberh
29-05-2003, 19.37.43
Originally posted by Skree
Beh, naturalmente, ma io intendevo "pagate dai distributori" :)

Cazzo, l'ITP ha una connessione "quasi diretta" con la Ubisoft, questo potrebbe essere un percorso preferenziale per fare dei contratti... e poi la Ubisoft non spenderebbe... chesso', 2.000 euro a testa (e non al mese, in TOTALE per ogni traduttore)?

Per 2.000 euro ci metterei venti firme a mettermi a tradurre un gioco a tempo pieno per chi l'inglese non lo sa.

ho l'impressione che uno da solo, a tradurre un gioco come Torment, ci impiegherebbe dei bei mesi...

quando hai finito ti trovi già con un Torment 3 :p ;)

Falcocadarn
29-05-2003, 19.38.24
Originally posted by Skree
Beh, naturalmente, ma io intendevo "pagate dai distributori" :)

Cazzo, l'ITP ha una connessione "quasi diretta" con la Ubisoft, questo potrebbe essere un percorso preferenziale per fare dei contratti... e poi la Ubisoft non spenderebbe... chesso', 2.000 euro a testa (e non al mese, in TOTALE per ogni traduttore)?

Per 2.000 euro ci metterei venti firme a mettermi a tradurre un gioco a tempo pieno per chi l'inglese non lo sa.

diciamo pure che la ubisoft voleva farci fare la traduzione
ma che qualcuno...
chiamato beth....a
e
ubisoft fr....a

si sono opposte
senno la nostra traduzione la trovavate dentro la confezione:cool:

Skree
29-05-2003, 19.43.31
Originally posted by Falcocadarn
diciamo pure che la ubisoft voleva farci fare la traduzione
ma che qualcuno...
chiamato beth....a
e
ubisoft fr....a

si sono opposte
senno la nostra traduzione la trovavate dentro la confezione:cool:

Ma cazzo -_-''

mi dispiace, davvero... immagino che la rosicata sia stata effettivamente alta... una birra, per quel che puo' valere :birra:

Aggiungo questo... ci sta: :(

zdrenos
29-05-2003, 20.03.28
Cerco di descrivervi quello che osservo e i dubbi che mi vengono:

1)Baldur's Gate tradotto,IWD tradotto,Gothic tradotto(DOPO ma tradotto...),Diablo 2 tradotto,NN tradotto,Arx tradotto...Ultima 9 mtradotto,Toment tradotto amatorialmente,poi Morrowind,progetto Fallout 1-2,Diablo,Ultima 7,giusto per rimanere in stretto ambito rpg...Adesso Gothic 2(potenziale "colossal",quantomeno all'interno del genere a cui appartiene)non localizzato,TOEE,Lionheart ecc.nessuna notizia...Mi chiedo:ok,è un mercato piccolo,scarsi guadagni,pochi veri appassionati ecc.,ma prima le localizzazioni sembravano più diffuse,e ora IN MEDIA la situazione sembra stia peggiorando(il mercato era ristretto anche prima,quantomeno non si nota un'incredibile differenza rispetto al passato a livello di fruitori del genere,nè a livello di mercato pc più in generale...)...
2)Faccio un'ipotesi:le localizzazioni amatoriali possono influire su tutto questo?(EVIDENZIO che non sto pensando ad un peso decisivo delle medesime sulla cosa...).Quanto possono influire sul processo in corso?(se un processo come quello descritto al punto 1 è effettivamente in corso...)
3)Qualcuno mi può rassicurare sul fatto che le traduzioni amatoriali hanno SOLO aspetti positivi,convincendomi che i concetti che ho descritto sono fuorvianti?

gaberh
29-05-2003, 20.25.10
Originally posted by zdrenos
Cerco di descrivervi quello che osservo e i dubbi che mi vengono:

1)Baldur's Gate tradotto,IWD tradotto,Gothic tradotto(DOPO ma tradotto...),Diablo 2 tradotto,NN tradotto,Arx tradotto...Ultima 9 mtradotto,Toment tradotto amatorialmente,poi Morrowind,progetto Fallout 1-2,Diablo,Ultima 7,giusto per rimanere in stretto ambito rpg...Adesso Gothic 2(potenziale "colossal",quantomeno all'interno del genere a cui appartiene)non localizzato,TOEE,Lionheart ecc.nessuna notizia...

guarda ho capito il tuo tormento, ma stai tranquillo: il periodo che va da Diablo 1 a Gothic 1 nella storia del genere è irripetibile (purtroppo)
ti faccio una breve lista di crpg che uscirono non tradotti:
TUTTI gli Ultima
System Shock
Tutti i fallout (1,2 e tact)
Arcanum
Torment
Anachronox
Final fantasy saga (fino a 7 poi non sò)
Tutti i vecchi crgp della SSI (tantissimi)
ci aggiungo i Thief
ma sono moltissimi; molti di più di quelli tradotti

in buona sostanza: tutti i crpg con molto testo NON sono mai stati tradotti: GB saga è stata solo un'ECCEZIONE che ci ha ingannati
molti distributori (italiani e non) stanno veramente in condizioni pessime con pochi soldi e poca voglia di spenderli (per noi nicchia della nicchiona PC)

ho l'impressione che la ricreazione sia finita.

driiiiiiiiiiiiiiinnnn tutti in classe

beviamoci sù, và
:birra:

Autén
29-05-2003, 20.36.31
Le traduzioni amatoriali sono un gran bell'aiuto per chi non conosce l'inglese. E amo particolarmente vedere tradotti titoli abandonware :)

Le traduzioni ufficiali in passato sono sono fatte malissimo, immagino che oramai i distributori abbiano gettato la spugna.

A proposito di brutte traduzioni, esiste una versione amatoriale alternativa di Baldur's Gate 1 e di Icewind Dale ?

zdrenos
29-05-2003, 20.40.40
Originally posted by gaberh
guarda ho capito il tuo tormento, ma stai tranquillo: il periodo che va da Diablo 1 a Gothic 1 nella storia del genere è irripetibile (purtroppo)

in buona sostanza: tutti i crpg con molto testo NON sono mai stati tradotti: GB saga è stata solo un'ECCEZIONE che ci ha ingannati

ho l'impressione che la ricreazione sia finita.

driiiiiiiiiiiiiiinnnn tutti in classe

beviamoci sù, và
:birra:
Quest'idea dell'"Età dell'oro"delle localizzazioni è venuta in mente anche a me,il dubbio è:SE è finita,PERCHè è finita?(o meglio è diventata d'argento rispetto al passato)(a questo punto anche:perchè è iniziata?).Se andiamo indietro nel tempo in effetti la localizzazione era qualcosa che praticamente non esisteva,quindi tanto di guadagnato...Senz'altro ci possono essere altre ragioni:ridimensionamento degli entusiasmi sulle prospettive di guadagno per giochi localizzati,esperienza accumulata nel sondare i limiti(in termini monetari) del mercato,pirateria ecc.In effetti non penso certo che le traduzioni amatoriali siano il demone principale da combattere...E' che ho l'impressione che i privati si stiano lasciando andare un pò la mano nel tradurre amatorialmente,e questo in un panorama non certo tutto rose e fiori come il nostro può essere pericoloso,e la cosa suona ancora più come una beffa perchè è un fenomeno originato dagli stessi appassionati...
p.s.In soldoni il mio atteggiamento verso la localizzazione è che più è diffusa e più fatta bene più si allarga il mercato...Non voglio tornare ai tempi in cui si doveva tradurre dall'inglese QUALSIASI cosa per D'N'D...Oddio,per me poteva anche essere bello,ma così si rimaneva veramente in quattro gatti...

fokker fw190a
29-05-2003, 23.34.50
sul sito dell'altro topic da me fatto,a chi interessa diablo1 è stato tradotto in italiano.

cmq mi sa che a sto punto soli queste gente di buona volontà ci può salvare un poco

gaberh
30-05-2003, 02.11.16
Originally posted by zdrenos
Quest'idea dell'"Età dell'oro"delle localizzazioni è venuta in mente anche a me,il dubbio è:SE è finita,PERCHè è finita?(o meglio è diventata d'argento rispetto al passato)(a questo punto anche:perchè è iniziata?).Se andiamo indietro nel tempo in effetti la localizzazione era qualcosa che praticamente non esisteva,quindi tanto di guadagnato...Senz'altro ci possono essere altre ragioni:ridimensionamento degli entusiasmi sulle prospettive di guadagno per giochi localizzati,esperienza accumulata nel sondare i limiti(in termini monetari) del mercato,pirateria ecc.In effetti non penso certo che le traduzioni amatoriali siano il demone principale da combattere...E' che ho l'impressione che i privati si stiano lasciando andare un pò la mano nel tradurre amatorialmente,e questo in un panorama non certo tutto rose e fiori come il nostro può essere pericoloso,e la cosa suona ancora più come una beffa perchè è un fenomeno originato dagli stessi appassionati...
p.s.In soldoni il mio atteggiamento verso la localizzazione è che più è diffusa e più fatta bene più si allarga il mercato...Non voglio tornare ai tempi in cui si doveva tradurre dall'inglese QUALSIASI cosa per D'N'D...Oddio,per me poteva anche essere bello,ma così si rimaneva veramente in quattro gatti...

tutto ciò che dici è condivisibile.
tuttavia non è limitato al nostro hobby (crpg) ma a tutto ciò che non è commerciale.
Ti farò un esempio: io sono appassionato di storia militare; sulla 2 guerra mondiale trovo tradotto in ita il 70% di quanto (importante) è pubblicato; ma sulla 1 guerra mondiale solo il 10% e così mi tocca leggere (non certo agevolmente) dei saggi in inglese che mi compro su Amazon
per finirne uno impiego un mese (ma mi interessa e lo faccio)
ho amici appassionati di particolari rami della ricerca medica: loro non trovano NIENTE in ita. tutto in inglese.
l'inglese è la lingua "franca" di questo secolo (come lo era il latino nel medioevo). non bisogna incazzarsi. è così.
l'italiano lo è stato per tutto il Rinascimento e lo è tutt'ora per l'opera lirica. sono dati di fatto.
io, e non sono portato per le lingue, mi sono messo di santa pazienza e (da solo) ho ripreso a studiarlo per poter giocare ad ultima 10 anni fa. ora lo sò leggere (nel parlare faccio schifo) e tutto sommato i giochi mi sono serviti per mia cultura personale.
i gdr mi piacciono così tanto che se fossero tutti in tedesco mi metterei a studiarlo.
e solo una questione di pazienza e perseveranza.

una birra e poi a nanna
:birra:

Arle
02-06-2003, 12.33.01
Originally posted by zdrenos
...Mi chiedo:ok,è un mercato piccolo,scarsi guadagni,pochi veri appassionati ecc.

ma siete sicuri che questo "mercato" sia cosi piccolo?

no perchè, se è cosi misero, perchè esce un titolo ogni 2 mesi?

non è che la cosa dei "scarsi guadagni" è stata usata dai pubblisher, come scusa per la mancata traduzione del gioco di turno?

mah io continuo a dire che si piangono addosso...e intanto a noi sborsare per un prodotto incompleto...

gaberh
02-06-2003, 13.55.31
Originally posted by Arle
....

no perchè, se è cosi misero, perchè esce un titolo ogni 2 mesi?

...

ma perchè sono sempre l'ultimo a sapere le cose?????????????
perchè non mi tenete informato delle novità???????

io credevo che da settembre 2002 ad oggi fossero usciti solo DD (a ottobre ed in inglese) e ArsFatalis...(sotto natale)

eccheccazzo!

cosa mi sono perso?

Skree
02-06-2003, 14.28.47
Beh, Freelancer, anche se è "particolare" come GdR... poi non so, basta, credo.

gaberh
02-06-2003, 14.31.43
Originally posted by Skree
Beh, Freelancer, anche se è "particolare" come GdR... poi non so, basta, credo.

ehehheeh :angel2:

appunto, amico mio, appunto....;)

Skree
02-06-2003, 14.49.36
Originally posted by gaberh
ehehheeh :angel2:

appunto, amico mio, appunto....;)

Gh... :asd:

ElwoodNBF
02-06-2003, 15.43.30
Se i publisher basano le loro localizzazioni in base alle traduzioni amatoriali, anche io mi crakko l'impossibile e aspetto le traduzioni in italiano!!!


Mi sembra il minimo!

TylerD999
02-06-2003, 17.58.07
Originally posted by gaberh
tutto ciò che dici è condivisibile.
tuttavia non è limitato al nostro hobby (crpg) ma a tutto ciò che non è commerciale.
Ti farò un esempio: io sono appassionato di storia militare; sulla 2 guerra mondiale trovo tradotto in ita il 70% di quanto (importante) è pubblicato; ma sulla 1 guerra mondiale solo il 10% e così mi tocca leggere (non certo agevolmente) dei saggi in inglese che mi compro su Amazon
per finirne uno impiego un mese (ma mi interessa e lo faccio)
ho amici appassionati di particolari rami della ricerca medica: loro non trovano NIENTE in ita. tutto in inglese.
l'inglese è la lingua "franca" di questo secolo (come lo era il latino nel medioevo). non bisogna incazzarsi. è così.
l'italiano lo è stato per tutto il Rinascimento e lo è tutt'ora per l'opera lirica. sono dati di fatto.
io, e non sono portato per le lingue, mi sono messo di santa pazienza e (da solo) ho ripreso a studiarlo per poter giocare ad ultima 10 anni fa. ora lo sò leggere (nel parlare faccio schifo) e tutto sommato i giochi mi sono serviti per mia cultura personale.
i gdr mi piacciono così tanto che se fossero tutti in tedesco mi metterei a studiarlo.
e solo una questione di pazienza e perseveranza.

una birra e poi a nanna
:birra:

Un mio professore universitario italiano di una università italiana pubblica i suoi libri in inglese, russo, tedesco, francese, ma NON in italiano. Noi poveri studenti ci siamo adattati e in ogni caso i libri più specifici è un caso se vengono pubblicati in italiano.

Arle
02-06-2003, 18.45.20
Originally posted by gaberh
ma perchè sono sempre l'ultimo a sapere le cose?????????????
perchè non mi tenete informato delle novità???????

io credevo che da settembre 2002 ad oggi fossero usciti solo DD (a ottobre ed in inglese) e ArsFatalis...(sotto natale)

eccheccazzo!

cosa mi sono perso?

oky :D forse ho esagerato ma cmq non mi sembra tanto piccolo...

gaberh
02-06-2003, 19.00.54
Originally posted by Arle
oky :D forse ho esagerato ma cmq non mi sembra tanto piccolo...

guarda che ho capito il tuo discorso :)

tuttavia, tu sei ottimista...
:confused:
nel senso che credi in una sporca speculazione commerciale
io invece sono pessimista
:(
nel senso che penso in una reale grave crisi del sistema...
crisi che si farà sentire soprattutto nella nostra "nicchia"

io francamente spero che abbia ragione tu!!!!

:birra:
(anche la Peroni, dal culo, è passata di mano ad una società Australiana)
:cry2:

Autén
02-06-2003, 19.12.54
Originally posted by TylerD999
Un mio professore universitario italiano di una università italiana pubblica i suoi libri in inglese, russo, tedesco, francese, ma NON in italiano. Noi poveri studenti ci siamo adattati e in ogni caso i libri più specifici è un caso se vengono pubblicati in italiano.
Io... questo... lo uccido. :mad:

Non mi interessa se sia o meno un genio, uno così lo licenzierei immediatamente. Il suo comportamento denota un'enorme mancanza di rispetto verso i suoi studenti e il paese in cui lavora. Un vero e proprio insulto.

~~~~~~~~~~~~~~~~
x Arle
Nel mondo dei videogiochi va molto la filosofia, "butto il più possibile sul mercato, la va o la spacca".
C'è un articolo interessante a questo proposito, ma non ho voglia di cercare il link. L'avevo trovato leggendo www.ttlg.com
Era stato scritto da uno sviluppatore di vecchia esperienza, e definiva l'industria dei videogiochi come un buco nero.

Il succo del discorso è che sviluppatori e publisher producono vari titoli in contemporanea, nella speranza che almeno UNO venda a sufficienza da coprire le spese e i debiti degli altri giochi in produzione ed eventuali flop.

Spese di produzione, pubblicità, distribuzione non sono esattamente basse. E finché il gioco non è terminato valutarlo non è facile. Quello che parrebbe un buon gioco o una buona idea in fase di sviluppo, alla fine potrebbe rivelarsi un disastro.
Ma i soldi oramai sono stati spesi.
E anche un gioco valido non è detto che sia ben accolto dai giocatori.

Un vero disastro finanziario. E gli sviluppatori continuano a chiudere...

zdrenos
02-06-2003, 19.15.59
Originally posted by Arle
ma siete sicuri che questo "mercato" sia cosi piccolo?

no perchè, se è cosi misero, perchè esce un titolo ogni 2 mesi?

non è che la cosa dei "scarsi guadagni" è stata usata dai pubblisher, come scusa per la mancata traduzione del gioco di turno?

mah io continuo a dire che si piangono addosso...e intanto a noi sborsare per un prodotto incompleto...
Penso che ci sia un equivoco di base:con quella frase mi riferivo più che altro a lavori alla Torment(lo so che tutt'altro che chiaro questo riferimento implicito,ma ragionavo proprio per crpg che più crpg non si può!),ed in particolare alla situazione ITALIANA di questri titoli...Tu lo intendi in termini più ampli...Sappiamo bene quanto ha venduto Diablo 2 e cosa rappresenti la Blizzard in tutto il mondo,definirlo di nicchia quantomeno irragionevole...Si può forse comparare(con le dovute proporzioni)a questo titolo la saga di Baldur's Gate,ma relisticamente non vedo una situazione in Italia tale da far prevedre un'uscita nel breve-medio periodo di una killer application comparabile...:).Cmq sia mi associo nel dire che le spese di localizzazione dovrebbero essere una voce standard,a maggior ragione per titoli come Gothic 2,che ho già fatto notare che definire di nicchia è forse un pò azzardato...

gaberh
02-06-2003, 19.19.42
Originally posted by Autén
Io... questo... lo uccido. :mad:

Non mi interessa se sia o meno un genio, uno così lo licenzierei immediatamente. Il suo comportamento denota un'enorme mancanza di rispetto verso i suoi studenti e il paese in cui lavora. Un vero e proprio insulto.

...........

scusatemi se mi intrometto...
ma conosco il campo...

probabilmente il sopracitato professore NON ha trovato uno straccio di editore in Italia
per gli stessi motivi che stiamo discettando qui.

E questo professore (quello di Auten) deve essere proprio in gamba!!! ne conosco diversi che pubblicano a PROPRIE spese!!!!

chiedo scusa per l'intromissione

:birra:

TylerD999
02-06-2003, 19.43.34
Originally posted by Autén
Io... questo... lo uccido. :mad:

Non mi interessa se sia o meno un genio, uno così lo licenzierei immediatamente. Il suo comportamento denota un'enorme mancanza di rispetto verso i suoi studenti e il paese in cui lavora. Un vero e proprio insulto.



Il motivo per cui questo avveniva è presto detto: non c'erano case editrici italiane disposte ad acquisirne i diritti

commodo
02-06-2003, 20.04.05
Originally posted by zdrenos
Penso che ci sia un equivoco di base:con quella frase mi riferivo più che altro a lavori alla Torment(lo so che tutt'altro che chiaro questo riferimento implicito,ma ragionavo proprio per crpg che più crpg non si può!),ed in particolare alla situazione ITALIANA di questri titoli...Tu lo intendi in termini più ampli...Sappiamo bene quanto ha venduto Diablo 2 e cosa rappresenti la Blizzard in tutto il mondo,definirlo di nicchia quantomeno irragionevole...Si può forse comparare(con le dovute proporzioni)a questo titolo la saga di Baldur's Gate,ma relisticamente non vedo una situazione in Italia tale da far prevedre un'uscita nel breve-medio periodo di una killer application comparabile...:).Cmq sia mi associo nel dire che le spese di localizzazione dovrebbero essere una voce standard,a maggior ragione per titoli come Gothic 2,che ho già fatto notare che definire di nicchia è forse un pò azzardato...

Mah, sul fatto che il mercato degli rpg sia di nicchia credevo fossimo tutti d'accordo. Ma perchè, Tyler, a te un rpg ogni due mesi pare una media da grandi numeri? A parte che il tuo calcolo mi pare difettoso (in eccesso....sigh), vuoi mettere i numeri mensili di altri generi, che ne so, tipo fps, o giochi arcade a tutto tondo, o giochi di guida? Il mercato degli rpg è decisamente elitario, in tutti i signifcati che si possono dare a questo termine, e noi ne paghiamo le conseguenze.
Naturalmente, come faceva notare il buon Zdrenos, parliamo di un certo genere di rpg, non certo di Diablo 2 che ha poco a che spartire con il gioco di ruolo e molto con alcuni dei generi di cui sopra. Secondo me, e spero sinceramente di sbagliarmi, Gothic 2 sarà decisamente un gioco di nicchia, e le vendite (in tutto il mondo) lo confermeranno. Se Half-life 2 avrà tanto dialogo, scommetto che lo tradurranno senza pensarci troppo.
Io non credo ad una crisi generalizzata che si ripercuoterà catastroficamente sul nostro piccolo mondo ruolistico, però oramai (da diverso tempo) ho imparato a fare le nozze con i fichi secchi.

gaberh
02-06-2003, 20.45.24
Originally posted by commodo
..... ho imparato a fare le nozze con i fichi secchi.

Speriamo che non sia capitato anche a Sir Petrus :p :p :rolleyes:

commodo
02-06-2003, 21.05.00
Originally posted by gaberh
Speriamo che non sia capitato anche a Sir Petrus :p :p :rolleyes:

:D :D

Autén
02-06-2003, 22.00.06
Originally posted by gaberh
scusatemi se mi intrometto...
ma conosco il campo...

probabilmente il sopracitato professore NON ha trovato uno straccio di editore in Italia
per gli stessi motivi che stiamo discettando qui.

E questo professore (quello di Auten) deve essere proprio in gamba!!! ne conosco diversi che pubblicano a PROPRIE spese!!!!

chiedo scusa per l'intromissione

:birra:
Probabilmente hai ragione. Ho sviluppato qualche preconcetto riguardo ai professori universitari. oO;

zdrenos
02-06-2003, 23.39.10
Originally posted by commodo
Secondo me, e spero sinceramente di sbagliarmi, Gothic 2 sarà decisamente un gioco di nicchia, e le vendite (in tutto il mondo) lo confermeranno.
Il fatto secondo me è che Gothic non è Torment:era e resta secondo me un crpg ideale per i novizi del genere.Il sistema di crescita del personaggio è piuttosto stilizzato,l'impostazione dei combattimenti è spiccatamente action(non è Fallout nè Wizadry 8 in questo senso),l'interazione con gli npc è facile ed essenziale,non esiste praticamente il rischio di perdersi o non sapere bene cosa fare...Questo,a prescindere da qualunque giudizio sul gioco in sè,lo rende giocabile facilmente da una larga tipologia di giocatori...Prova ne è secondo me il buon afflusso ai forum a lui dedicati(paragonabile in alcuni periodi a quello del forum di Morro) subito dopo la localizzazione,così come il numero di copie vendute da gmc con esso allegato.Non ho molte informazioni a riguardo,ma non ho ragione di dubitare che queste considerazioni possano applicarsi anche al suo seguito...Ricordiamoci cmq che Neverwinter Nights non è un gioco di nicchia(prova ne è la sua campagna in single player),così come non lo è Morrowind,ed incredibilmente ho citato due tra i due giochi più meritevoli usciti "ultimamente"...Il fatto è che Gothic 2 con KOTOR mi sembra quello col maggior potenziale di vendita al grande pubblico...Certo se non verrà localizzato il discorso cambia...

commodo
02-06-2003, 23.52.15
Originally posted by zdrenos
Il fatto secondo me è che Gothic non è Torment:era e resta secondo me un crpg ideale per i novizi del genere.Il sistema di crescita del personaggio è piuttosto stilizzato,l'impostazione dei combattimenti è spiccatamente action(non è Fallout nè Wizadry 8 in questo senso),l'interazione con gli npc è facile ed essenziale,non esiste praticamente il rischio di perdersi o non sapere bene cosa fare...Questo,a prescindere da qualunque giudizio sul gioco in sè,lo rende giocabile facilmente da una larga tipologia di giocatori...Prova ne è secondo me il buon afflusso ai forum a lui dedicati(paragonabile in alcuni periodi a quello del forum di Morro) subito dopo la localizzazione,così come il numero di copie vendute da gmc con esso allegato.Non ho molte informazioni a riguardo,ma non ho ragione di dubitare che queste considerazioni possano applicarsi anche al suo seguito...Ricordiamoci cmq che Neverwinter Nights non è un gioco di nicchia(prova ne è la sua campagna in single player),così come non lo è Morrowind,ed incredibilmente ho citato due tra i due giochi più meritevoli usciti "ultimamente"...Il fatto è che Gothic 2 con KOTOR mi sembra quello col maggior potenziale di vendita al grande pubblico...Certo se non verrà localizzato il discorso cambia...

Spero che tu abbia ragione, ma temo di no. Non è questione di tipo di rpg, è questione di genere. Il genere rpg è a diffusione limitata. Per carità, sicuramente Gothic non è Torment, tanto è vero che del primo abbiamo un seguito, il secondo è piaciuto ad una cerchia così ristretta di giocatori che nessuna sequel è mai stata pensata. Ciò non toglie che rimane comunque un gioco di ruolo: non è un fps nè è un platform alla Tomb Raider; non è un gioco arcade nè è un clone di Diablo: è un rpg e, come tale, venderà abbastanza poco. Secondo me NWN e Morro, in un'ottica globale, sono giochi di nicchia. Su Kotor non mi pronuncio, non solo per l'hype generato dalla licenza, ma anche perchè sembra sarà mooolto arcade, e quindi potrebbe essere qualcosa di diverso. In ogni caso, non dobbiamo essere miopi e pensare che la localizzazione negli idiomi locali possa incidere in maniera consistente sul fatturato globale derivante dalla vendita di un rpg: qui stiamo parlando di grandi numeri, non di qualche centinaio di copie vendute in più. Temo proprio bisognerà rassegnarsi a questo trend, oramai consolidato da diverso tempo.