PDA

Visualizza versione completa : Diario del 29 Maggio - Porting



K4pp4
29-05-2003, 12.55.42
Capita sempre più spesso di leggere notizie riguardanti la riconversione di titoli fra le diverse piattaforme di gioco. Il che non è di per se un male. Ma è sintomo di due fatti sufficientemente evidenti. Innanzi tutto è sintomo, insieme al proliferare di sequel e remake, di una crisi creativa di massa: le buone idee iniziano a scarseggiare, oppure le forze in gioco sono tali che non si può più rischiare con la serenità di un tempo. Ma questo è scontato, oltre ad essere sotto gli occhi di tutti.
Il secondo fatto, forse più sottile, è la mancanza di capacità di distinguere fra le diverse esigenze degli utenti. Perchè, se da un lato è vero che sempre di videogame si tratta, è altresì vero che ogni piattaforma ha una sua utenza specifica. Ho già affrontato il discorso sull'utenza in un diario precedente, quindi non mi dilungo su questo elemento. Quello che mi premeva di analizzare è la pura ergonomia, nonchè la fisionomia del giocatore. Non tanto da un punto di vista rigoroso, quanto da un punto di vista del 'feeling'.
Probabilmente è un'opinione personale, ma conoscendo giocatori e giocando in prima persona, mi sono convinto che ciascuna piattaforma di gioco ha, oltre alle peculiari caratteristiche tecniche, anche una propria filosofia, una essenza che va al di la dei numeri. E ancora una volta il paragone automobilistico ci aiuta nel dire che l'affinità con la piattaforma di gioco segue da vicino le stesse regole che ci portano a comprare un pick-up piuttosto che una spyder o una station wagon. E non si tratta solo di una questione estetica o ergonomica, ma anche della vicinanza con i generi preponderanti. E' palese per chiunque abbia giocato almeno qualche volta in vita sua che vi sono generi che trovano il loro ambiente naturale su PC, altri su console. Non voglio mettere la testa nella bocca del leone, ma sono convinto che anche fra i colleghi che giocano su console ci siano delle marcate differenze, a livello di tipologia di gioco tipica, fra le diverse piattaforme.
Il motivo di questo fenomeno ha una serie infinita di ragioni, ciascuna delle quali potrebbe essere marginale o fondamentale a seconda del punto di vista, a partire dal tipo di controllo fino ad arrivare alla postura di gioco. Non so quanto sia agevole un circle strafe, magari saltando e sparando, utilizzando un joypad, ma non credo che sia nemmeno avvicinabile alla comodità di mouse e tastiera. E' solo un esempio, e sicuramente ne esistono molti altri, ma credo cha aiuti a chiarificare il mio pensiero.
Torniamo al discorso iniziale dunque: i porting sono positivi o negativi? Dipende. Dipende da diversi parametri: innanzi tutto non è detto che un best seller su un sistema di gioco possa diventarlo anche sugli altri, perchè i gusti e il feeling dei giocatori sono diversi, sono diversi i sistemi di controllo, le tempistiche di gioco, la postura stessa del giocatore, la distanza dal monitor o televisione e così via. Tutti parametri che, pur sembrando marginali singolarmente, sommati creano una differenza enorme. Che può trasformare le sorti di un gioco.
Termino questo diario con una provocazione: non sarebbe interessante tentare di creare dei porting che non siano il semplice adattamento del codice, ma un vero e proprio adattamento del gioco ai gusti dei giocatori tipici di ogni piattaforma?

Magallo
29-05-2003, 14.26.01
Mi sembra un'osservazione giusta e legittima ma assolutamente fuori dal mondo. E' innegabile che tra PC e Console ci sia una certa, marcata differenza. Ma fra console, anche se comunque c'e', la differenza non mi sembra cosi' marcata. Si e' vero, il GameCube e' Nintendo ed e' la console per i piu' piccoli, con i giochini colorati e spensierati per i piu' piccoli. La X-Box e' la console che piu' si avvicina ad un utente PC. La Playstation 2 e' la Console per eccellenza, per la sua superiore distribuzione capillare e per i giochi che l'hanno indelebilmente tracciata gia' dalla precendente verisone (Playstaion 1) (le serie di Silent Hill, Metal Gear Solid, Winning Eleven, Final Fantasy etc..). Ma e' giusto marcare cosi' nettamente tali differenze? Io dico di no. Faccio un esempio, fortunatamente sono un possessore di Play 2 e posso soffiare un sospiro di sollievo pensando a Winning Eleven, ma prendete un utente GameCube, perche' diavolo non puo' avere Winnig Eleven?! O meglio, perche' diavolo deve avere un winning eleven diverso, piu' colorato, con i giocatori grassocci, con la testona grossa e super deformed alla mario solo perche' l'utenza tipica del nintendo vuole giochi colorati e pacioccosi. E' una cosa fuori dal mondo. E infatti Winning Eleven per GC l'hanno fatto e meno male (per i possessori del GC) che l'hanno fatto per bene. Oppure un gioco alla Silent Hill (convertito da Play2 a XBox). Che motivo ci sarebbe di convertirlo e riadattarlo 'allutenza xbox'? Non avrebbe senso alcuno. E poi cosa significa l'utenza XBox e l'utenza GameCube, e' una entita troppo astratta e troppo poco delineata per essere qualificabile. Caso mai la conversione o comunque il multi piattaforma porta un'altro problema. Cioe' il livellamento alla console meno potente e per di piu' con tools di sviluppo multi piattaforma che non rendono giustizia nemmeno alla cosole meno potente appunto. Mi riferisco a titoli che esocono piu' o meno contemporaneamente su tutte le piattaforma (XBOX, PLAY2, GC e anche PC) sviluppati tipicamente con tool quali il RenderWare che si' sara' anche comodo ma non e' certo il massimo. Risultato? I giochi nei vari formati si assomigliano tutti, e comunque il gioco suilla piattaforma meno potente (attualemente la Play2) fa schifo o per meglio dire, non e' poi cosi' eccelso neanche per tale piattaforma quindi c'e' un livellamento verso il basso del tutto.
Ciao

illoca
29-05-2003, 14.36.16
- un vero e proprio adattamento del gioco ai gusti dei giocatori tipici di ogni piattaforma?

Secondo Me ci stanno già pensando, prendiamo Baldur's gate, su pc è un Rpg (anche se ci sarebbe da dilungarsi su questa definizione) mentre su consolle è un hack & slash

Magallo
29-05-2003, 16.47.01
E infatti, io giustifico l'adattamento fra PC e Console che e' ovvio e praticamente obbligato (specie per giochi come per esempio appunto Baldur's Gate) ma non certo fra una certa console e un'altra.

Xtian
29-05-2003, 17.07.57
Originally posted by K4pp4

Termino questo diario con una provocazione: non sarebbe interessante tentare di creare dei porting che non siano il semplice adattamento del codice
Magari lo facessero, le conversioni console-->pc a livello di ottimizzazione del codice (inesistente) sono una cosa pesantissima da far girare, vedi ad esempio GTA3 o il bug delle ombre in Splinter Cell.

illoca
29-05-2003, 17.11.19
Non sono d'accordo...
Un gioco nasce e deve rimanere così come è stato creato.
Se non si puo' convertire non si fa.
Baldur's gate su console non è bg è un altro gioco.

"l'adattamento fra PC e Console che e' ovvio e praticamente obbligato "

Anche io lo pensavo, poi ho visto the sims su play2...
Ciao

Warzone
29-05-2003, 18.38.24
Per quanto mi riguarda, un videogioco resta un videogioco (quel videogioco) a prescindere dalla piattaforma, cosi' come un film resta un film (quel film) a prescindere dal "formato" (VHS, DVD, cinema!).

Semmai, e' piu' intelligente (oltre che meno proibitivo come costi) fare in modo che lo stesso gioco sia piu' bello da vedere sulle macchine piu' potenti e che l'interfaccia venga progettata in maniera piu' efficace per ciascun metodo di controllo.

/\/\att
29-05-2003, 19.11.42
Originally posted by Warzone
Per quanto mi riguarda, un videogioco resta un videogioco (quel videogioco) a prescindere dalla piattaforma, cosi' come un film resta un film (quel film) a prescindere dal "formato" (VHS, DVD, cinema!).

Semmai, e' piu' intelligente (oltre che meno proibitivo come costi) fare in modo che lo stesso gioco sia piu' bello da vedere sulle macchine piu' potenti e che l'interfaccia venga progettata in maniera piu' efficace per ciascun metodo di controllo.

Incredibile ma vero: sono daccordo sull'intera linea. Quoto tutto.

Speriamo non capiti troppo spesso. :rolleyes: