PDA

Visualizza versione completa : Questo Diario non è reale.



pucci
24-05-2003, 20.12.42
Questo Diario non è reale.
Non lo è come metà dei muri, pali, cavalcavie, canali televisivi d'America e palazzi che, già da settimane, la pubblicità di Matrix: Reloaded ha trasformato in un'immensa scenografia per l'ultimo film di Neo & co.
Da grande appassionato del primo film e della genialità dei fratelli Larry e Andy Wachowski non ho saputo resistere alla tentazione di vedere il nuovo film in prima visione - in inglese ovviamente - la scorsa settimana.
Il mio sospetto di un'esasperazione dei temi del primo film è stata esatta. Eppure alla fine sono rimasto soddisfatto perchè l'esagerazione è stata talmente tanta che è riuscita a convincere.
Come ha detto giustamente questo intelligente utente:
"In fondo i fratelli Wachowski non hanno fatto altro che portare oltre l'eccesso i punti di forza del primo film:
1) Effetti speciali (BOTTE)
2) Dialogo finti filosofici / cabalistici (perchè ma soprattutto perchè?)
Che poi gli effetti speciali (anzi è più corretto dire le sequenze in CG alla (di) Final Fantasy, (ma secondo voi recita meglio K.Reeves o il suo doppio virtuale?)) a lungo stucchino, e i dialoghi siano al limite del non sense (il buon vecchio Tron era molto più profondo)...beh rende tutto più divertente...
Ma alla fine incasinano tutto di nuovo alla grande...
Quindi DELIRIO, rispetto a Lucas i fratelli wachowski hanno il merito di aver esagerato: il troppo storpia, ma almeno non annoia come certe nuove trilogie!"

Esatto! Lode ai fratelli Wachowski perchè hanno saputo osare, trasformando una loro idea in un fenomeno commerciale ma dignitosamente esagerato e originale, senza cadere nei soliti cliché.

Diversa invece è la sorte di Enter the Matrix, il gioco "scritto e diretto dai fratelli Wachoski" ma senza l'anima dei fratelli. Bravo e lodato come sempre Dave Perry, gran guru degli Shiny Studios che come nelle sue esperienze precedenti ha fatto un gran bel gioco ingiocabile. Messiah, Sacrifice, Enter the Matrix. Tutti a loro modo hanno fatto un pezzo in più di storia e sono emersi tra i loro simili, ma più per le premesse che per il risultato finale. Ovviamente generalizzo. Ci sarà sicuramente tra voi chi ha apprezzato a fondo uno o più dei titoli citati, ma mi si dia atto che Perry abbia marchiato i suoi giochi con una macchinosa noia piuttosto caratteristica.
Sebbene abbia venduto il suo bel milione di copie nella prima settimana, Enter the Matrix può essere considerato bruttarello da giocare, in particolare su Pc. Mi fermo qui, dato che non è il mio compito recensire il gioco (e lo è invece della redazione che nei prossimi giorni sfornerà in anteprima il risultato di queste settimane di prove).
Concludo dunque qui il mio diario, in questo sabato in cui mezza Italia andrà al cinema a vedere Matrix: Reloaded.
Me compreso.

Andrea Pucci, editore Multiplayer Network

Format_C
24-05-2003, 21.29.43
bene, stasera vedremo se Matrix è così esagerato come dici e come sinceramente spero :p

Archaon_MoP
25-05-2003, 00.46.57
fosse durato un quarto d'ora in meno sarebbe stato quasi perfetto.

Troppo lungo, con troppi combattimenti, troppo lunghi.

Nonostante questo però, a me è piaciuto. E voglio sapere come va a finire. :)

Fabio
25-05-2003, 19.11.28
Come ho già espresso in altri post: la prima ora e mezza è una delle cose più vergognose viste al cinema negli ultimi anni. Dall'inseguimento in poi, il film si ripiglia abbastanza, facendomi serbare qualche speranza per il terzo.

GODZODDO
26-05-2003, 00.16.49
Originally posted by Bill
Come ho già espresso in altri post: la prima ora e mezza è una delle cose più vergognose viste al cinema negli ultimi anni. Dall'inseguimento in poi, il film si ripiglia abbastanza, facendomi serbare qualche speranza per il terzo.

un :kiss: al billone nazionale

MaxBondino
26-05-2003, 12.03.34
Hai citato Tron.

E lo hai fatto giustamente. Pur partendo da presupposti lontani, fu proprio quel film a tracciare la prima linea di demarcazione fra questo mondo e quello dell'ipotetico virtuale che, mai e poi mai 20 anni fa, avremmo immaginato potesse espandersi così mostruosamente in quanto ad interpretazioni e suggestioni del caso.

Sono d'accordo su molti aspetti ma Matrix resta un concept a se stante, figlio di questa generazione, quella di Internet (che comprende sia i Teenager che non immaginano come potesse muoversi il mondo senza l'esistenza dei telefonini, sia i 30enni che hanno sposato in tutto e per tutto il trend di pensiero di questi anni, dimenticandosi il loro passato), non lo si può avvicinare a Star Wars, nemmeno per per giungere alla sconcertante analisi che entrambi vengano proiettati al cinema :).

Da quando Lucas si è imbarcato nella nuova trilogia, ho visto performance di "fighismo applicato" (applicato alla propria incapacità di restare fedeli a se stessi) di ogni tipo. Bene, molti si sono lamentati dell'esasperazione degli effetti speciali, di personaggi non troppo riusciti ed altro ancora nello stesso modo in cui negli anni 80, deridevano l'uso dei "pupazzoni" che Lucas utilizzava, ad esempio, nella sequenza del Bar su Tatooine...con Han Solo braccato dai creditori ed il giovane Skywalker impegnato a fuggire assieme ad Obi Wan.

Fedeli a se.

Il 90 % della gente che conosco cerca di convincersi di aver bisogno degli MMS e degli high lights delle partite in diretta sul cellulare per giustificarsi dell'aver s§§§§§§§to un milione e ottocento per un telefono quando gli fai notare che con quei soldi ti ci facevi un bel viaggetto coi controcazzi...le stesse persone poi, fanno le schizzinose se un film fa uso spietato di effetti speciali quando sono loro per primi a lamentarne la mancanza se al cinema, trovano più dialoghi che pim, pum, pam...

Parentesi: Il miglior film che abbia visto nell'ultimo anno (forse anche qualcosa di più, parlando di produzioni straniere) è La 25esima Ora, quasi inutile sottolineare che la prima lamentela da parte della massa è stata: si, carino...però che palle, parlano sempre......:rolleyes:

Unendo queste ultime apparenti divagazioni, arrivo al punto.

Non si possono mettere vicini, sul piano di qualunque analisi, Matrix e Star Wars. E' come entrare in chiesa, alla messa di Natale e tirar giù la bestemmia più articolata dell'intera carriera del camionista più forbito.

Solo perchè sono figli di un pensiero diverso, di una "filosofia" diametralmente opposta (con tutto il rispetto per quella reale, di filosofia...s'intende cinematografica, ovvio). Star Wars è una storia d'amore lunga 20 anni. E non fra il film ed i suoi fan ma una vera storia d'amore assoluto che abbraccia ogni personaggio e che, volente o nolente, anche parzialmente nascosta dalla moltitudine di effetti speciali (anche se a mio parere, per il periodo storico in cui la girò, ne aveva di più la prima trilogia, di quest'ultima) è ancora lì, viva e pulsante e raccontata con una poesia che sicuramente non abita nel cuore dei pur bravissimi fratelli Wackowski ma si muove sinuosa fra i capelli ormai grigi di un visionario degli anni '70.

La nuova trilogia di Star Wars è un dono per chi ha capito, 20 anni fa, che Guerre Stellari non era un film di fantascienza ma una saga che incarnava tutti gli ideali di una generazione intera, veicolandoli nell'avventura più bella.

Matrix (che amai moltissimo quando uscì) è molto diverso. Rispecchia fedelmente la confusione sulla quale si basa il pensiero e la capacità di giudizio da quando non ci si ferma più a riflettere ma ci si sotterra con centinaia d'informazioni diverse in una sola giornata davanti ad uno schermo, la confusione che nasce da un'orgia nella quale "il nostro primo amore" nemmeno si riesce più a trovarlo, accontentandosi comunque, di qualcosa di buono che dal "groviglio" prima o poi esce.

Matrix resta un gran bel film (la miglior traduzione visiva del semplice termine "Entertainment"), i due seguiti vanno giustamente visti ed apprezzati per come si legano (e legheranno) all'ottimo, primo capitolo ma nel 2023, ho dei seri dubbi che troverò più persone ad innalzare ad icone Neo e Trinity al posto di Obi Wan Kenobi o di quel ragazzino con la faccia di Harrison Ford...;)

Good Life,