PDA

Visualizza versione completa : Idee sparse sul prezzo dei giochi



Max^Samp
05-05-2003, 01.43.07
Vi propongo l'editorialino che abbiam pubblicato su ps2gen, pronto per essere dibattuto. L'autore è Alessandro "Condor" Conenna.
-----
Editorialino
Ormai è già più di un annetto che l'Euro è entrato a far parte della nostra esistenza, un po' ovunque si sentono cori di protesta contro l'aumento selvaggio del costo della vita, ma come è cambiata la situazione per noi poveri videogiocatori? Se guardiamo i nostri portafogli male, tuttavia secondo un articolo pubblicato dall'autorevole mensile britannico Edge, negli ultimi anni il prezzo dei videogiochi ha manifestato una tendenza a diminuire, passando da una media di 75€ a titolo nel '90, di 67.5€ nel '95, fino a stabilizzarsi intorno ai 60€ nel 2000. A chi dare ascolto quindi? In realtà quanto questi dati siano davvero significativi è tutto da verificare, soprattutto in relazione al recente proliferare di offerte "budget", cioè di titoli non proprio recentissimi venduti a prezzo sensibilmente ridotto, abbassando di conseguenza la media dei prezzi e falsando così il risultato finale. Il videogioco è passato da semplice passatempo adoloescenziale ad essere un vero e proprio kolossal multimediale, e la verità è che le software house, oppresse da costi di sviluppo sempre più gravosi, si rifanno alzando il prezzo di vendita, costringendo l'utente ad una ancora più attenta selezione dei titoli meritevoli di acquisto oppure, fatto questo non giustificabile, a rivolgersi al mercato pirata. Come conseguenza di tutto ciò solo un titolo su dieci ottiene performance al botteghino soddisfacenti, con le evidenti ripercussioni anche sui produttori/distributori. La soluzione? la già citata introduzione della linea "budget" è un buon passo avanti (ed a questo proposito aspettatevi un succoso speciale nel corso della prossima settimana), tuttavia è necessario trovare un qualcosa di più radicale e definitivo, non un semplice palliativo. Uniformare i prezzi ad un valore più basso, magari proprio quello a cui vengono venduti ora i titoli "budget", potrebbe essere la strada giusta da seguire, accontentando gli utenti e compensando le software house dei minor guadagni per ogni copia venduta con i maggiori volumi di vendita, tuttavia questo sembra essere un rischio che gli sviluppatori non sono disposti a correre. Basta solo che si arrivi ad una soluzione in fretta: l'intrattenimento elettronico rischia davvero di trasformarsi in una sanguisuga incontrollabile, a tutto svantaggio del consumatore medio.
Arrivederci al mese prossimo!
-----

fonte ---> http://ps2.multiplayer.it/articoli.php3?id=8106

Rockman
05-05-2003, 02.23.39
Poco fa mi sono trovato a riflettere casualmente proprio su questo argomento, il rapporto videogiochi/prezzi. In particolare, mi stavo chiedendo se per caso il target delle softco siano diventate le prostitute, i pensionati o i lavoratori di mezz'età, perché proprio non capisco come possano pretendere che dei ragazzi tra i 14 e i 20 anni siano in grado di procurarsi e spendere tutti questi quattrini in videogiochi. Inoltre, non aiuta per niente la 'strategia' delle date di lancio. Mi spiego: in quanto appassionato della saga di Rockman, quest'anno so già che mi aspettano ben QUATTRO acquisti. Megaman Battle Network 3 Blue (Gameboy Advance), Megaman Network Transmission (Gamecube), Megaman Zero 2 (Gameboy Advance), MegamanX 7 (PlayStation2). Ora, se controllate le date di lancio di questi prodotti in versione americana, noterete facilmente che i primi due escono contemporaneamente il 26 Giugno, mentre gli altri due escono contemporaneamente il 17 Ottobre. Ora mi chiedo, ma sono deficienti? Diluire le varie uscite nel tempo no, eh? Senza contare che non escono solo questi quattro giochini, da qua a Ottobre ne usciranno parecchi altri che meritano di certo il mio interesse. A questo punto, che fare? Aprire un mutuo, vendere organi al black market, ipotecare la nonna, prostituirmi all'autogrill sull'A4, vendere dei giochi che magari vorrei tenere? Considerate poi prezzi. Una cartuccia per GBA costa tra i 45€ e i 55€, se parliamo di import (e io parlo di import, ma la situazione sostanzialmente non cambia) il prezzo può anche levitare. I giochi per PS2 e GC vanno dai 55€ ai 75€. Ragazzi, con due giochi mi pago l'affitto e le bollette. Con tre le tasse universitarie. Praticamente la vita del videoplayer, ormai, è fatta di rinunce: selezionare, selezionare, selezionare e ancora selezionare, e in caso c'è sempre il Black Market all'angolo e quel rene in più...

Ovviamente queste sono riflessioni personali riferite al MIO caso...

_LEVA_
05-05-2003, 02.33.23
Originally posted by Remus Rockman
Praticamente la vita del videoplayer, ormai, è fatta di rinunce: selezionare, selezionare, selezionare e ancora selezionare, e in caso c'è sempre il Black Market all'angolo e quel rene in più...

Ovviamente queste sono riflessioni personali riferite al MIO caso...

Occhio rock, ho sentito dire che dopo il secondo rene che ti fai espiantare rischi la morte:D, sarà un altra di quelle leggende metropolitane.........massì non far caso alle mie parole:evil:

Rockman
05-05-2003, 02.54.04
Originally posted by _LEVA_
Occhio rock, ho sentito dire che dopo il secondo rene che ti fai espiantare rischi la morte:D, sarà un altra di quelle leggende metropolitane.........massì non far caso alle mie parole:evil:

Non ho specificato di chi fosse il rene :rolleyes:...

_LEVA_
05-05-2003, 03.13.37
Originally posted by Remus Rockman
Non ho specificato di chi fosse il rene :rolleyes:...

:doubt: mmmmmmm.....PaUrAAaAA!

Rockman
05-05-2003, 03.26.21
Originally posted by _LEVA_
:doubt: mmmmmmm.....PaUrAAaAA!

Sbrodo-mwahahahah :devil:...

rds2003
05-05-2003, 19.54.00
Sono perfettamente d'accordo con te,rock.Il problema è quello del rapporto qualità prezzo,con un evidente preponderanza di quest'ultimo,fatto ovviamente non ammissibile.
Pessimi giochi in giro che costano un occhio è diventato una costante,purtroppo.
Rimedi non ne vedo,e chissà per quanto tempo dobbiamo sopportare questa situazione.

Un saluto a tutti

Rds2003:birra: :birra: :birra:

Serge
05-05-2003, 20.47.48
Vorrei inoltre segnalare il fatto che molto spesso, sono le catene di videogiochi a proporre prezzi totalmente "inaccessibili" ad un pubblico che va dai 14 ai 20 anni.

Per quanto riguarda il mio caso, posso dirvi che dove vivo io, ci sono solo due negozi di videogiochi appartenenti alla stessa catena, e che, sui videogiochi import, fanno prezzi a dir poco spropositati. Nei mega - store, centri commerciali ecc. ecc. si trovano buone occasioni, ma solo per il mercato PAL, cosa che risolve il problema solo in minima parte, visto che ci sono persone che , come me, si rivolgono più spesso al settore dell'import.

Quindi, io mi ritrovo totalmente solo contro prezzi esorbitanti e fuori dalla mia portata. E' per questo che sono obbligato a scegliere.:(

Akumajo
06-05-2003, 15.10.24
Originally posted by Serge
E' per questo che sono obbligato a scegliere.:(

E' per questo che sono obbligato a comprare on-line :D :D :D

Scherzi a parte, togliendo il caso del PAL a cui non mi rivolgo per nulla se non per qualche raro giochi per GBA, qui da me l'import è dura da averlo per cui mi sono evoluto nel mercato on-line e, se si ha la possibilità di comprare in Internet, i prezzi alle volte non sono così esorbitanti ;)

Akumajo

Serge
06-05-2003, 15.17.05
Appunto, ora ne ho anche io la possibilità, ma prima non l'avevo, e mi toccava subire i prezzacci degli infausti negozianti...

rds2003
08-05-2003, 14.41.36
Piuttosto perchè non cerchiamo di raccogliere proposte riguardo questo argomento?Ognuno di noi può dire la sua al riguardo,chissà che insieme non si trovi la soluzione:confused: :confused: :confused:

Un saluto a tutti

Rds2003:birra: :birra: :birra: