PDA

Visualizza versione completa : Diario del 19 aprile - Diario ricco mi ci ficco...



Skyrise
19-04-2003, 16.31.31
Diario ricco quello odierno, di spunti e ringraziamenti. Parto con i ringraziamenti e poi arrivo agli spunti.
Questa settimana c'è stato un grande avvicendamento: il testimone della conduzione editoriale PC di Multiplayer.it è passato da Paolo Matrascia a Max Monti. E' doveroso per me ringraziare con tutto il cuore Paolo per il suo impegno di questi mesi. Un impegno non facile, considerando la fossa dei leoni in cui si è lanciato. Ma la sua voglia cristallina e il suo grande cuore hanno fatto il resto. Questo vale a Paolo non solo i miei omaggi, ma anche la mia insistenza nel fargli continuare l'attività all'interno dell'Area Premium, per la quale continuerà a sfornare idee pazze e coinvolgenti per gli abbonati.
Un altro ringraziamento che sa più di un in bocca al lupo va a Max Monti che è subentrato come un fulmine a Paolo. A Max va un compito gravoso e importante: quello di dimostrare che il giornalismo online non è fatto solo da "ragazzetti volenterosi" ma da professionisti, anche se si parla di videogiochi. Tutti conoscono Max per i suoi precedenti in Game Network dove è stato il Pippo Baudo del videogame per almeno un anno e mezzo. Auguri di tutto cuore per questo grande impegno!

Fatti i ringraziamenti, giungo agli spunti. Questa volta sono i fatti interni ad ispirarmi un lungo diario fatto di riflessioni su scelte fatte nei mesi scorsi. Ci sono cose che vorrei dire ma che non potrò dire, altre che vogliono dire più di quanto sembri. Purtroppo, più si è, meno si può essere schietti. Ahimè temo di cadere nella trappola del "chi striscia non inciampa". Si parte, seguitemi nel ragionamento.
Un tempo c'era internet con il concetto di tutto e gratis, tanto c'è la pubblicità. Poi è venuta la crisi e hanno chiuso in tanti. La pubblicità in effetti non era poi così tanta. Poi sono arrivati i neoguru della new-old economy: fare impresa su internet non è diverso da vendere frutta nei mercati, cambia solo il mezzo.
In mezzo a questo bailamme Multiplayer.it ha continuato a puntare dritto verso ovest, alla ricerca delle Indie. Arrivati dall'altra parte ci siamo accorti che non c'era l'India, ma l'America.
Multiplayer.it si è dunque lentamente trasformata in una testata giornalistica, al momento l'unica del settore registrata in un tribunale, con un direttore responsabile, operante esclusivamente online. Questo dovrebbe dare un segnale forte anche agli scettici. Eppure l'ignoranza dilaga ancora pesantemente e la madre degli stupidi è sempre incinta. Mi fa sorridere leggere su Panorama Web di questa settimana la descrizione con la quale viene descritto Multiplayer.it: "una risorsa importante sul panorama del multiplayer italiano". Perchè c'è un panorama multiplayer in Italia? Non lo sapevo.
Ma non divaghiamo.
Lancerò un sassolino nello stagno, farò una domanda di cui non darò la risposta: cosa succede se una rivista qualsiasi non si regge sui contributi dei suoi lettori ma sui contributi degli sponsor? E ancora, cosa succede se il settore in cui si opera è formato al più da una ventina di sponsor?
Fatte queste domande, che possono valere per qualunque realtà, io come editore ho sentito forte l'esigenza, da un anno a questa parte, di restituire il diritto della verità e il potere di decidere le sorti di una rivista ai lettori.
E' da questa considerazione che alla fine dello scorso anno è nata l'Area Premium, verso la quale convergono e convergeranno i maggiori sforzi della redazione.
Alla fine di questo periodo di transizione i lettori avranno in mano il potere di vita e di morte su Multiplayer.it, avranno il diritto di leggere la verità tempestivamente e il dovere di sostenere economicamente questa verità. Non fa nulla se stiamo parlando di videogiochi e non di fondi di investimento, il principio non cambia. Se un papà vuol fare un regalo al figlio deve poter consultare Multiplayer.it con la certezza che acquisterà un capolavoro non un bidone.
E' un mestiere difficile fare giornalismo, alle prese ogni giorno con compromessi e frustrazioni, campo di allenamento della sottile arte della diplomazia, ma se il fine ultimo è la soddisfazione del lettore, e non solo dello sponsor, è uno sforzo giustificato.
Questo non vuole essere il solito discorso populista. Vuole essere una presa di coscienza massificata. Voglio dire: non è che si faccia tutto questo solo per passione - il pane bisogna pur comprarlo - ma con passione sicuramente si. Dobbiamo riportare equilibrio nella Forza, e voi siete i cavalieri jedi. Spero di essere stato chiaro. Anche se non ne sono del tutto convinto. Maggiore chiarezza proverrà dai cambiamenti della prossima settimana.

Buona Pasqua

Andrea Pucci, editore Multiplayer Network



Nota bene: il titolo assolutamente cretino di questo thread è opera della mia mente malata, non incolpate il povero Andrea...

TheMax
19-04-2003, 19.45.07
Non saprei che aggiungere ma


"una risorsa importante sul panorama del multiplayer italiano"

questa è da Oscar.

Tora Tora Tora
20-04-2003, 17.53.37
Originally posted by Skyrise
Se un papà vuol fare un regalo al figlio deve poter consultare Multiplayer.it con la certezza che acquisterà un capolavoro non un bidone.

Senza offesa, ma se un papà farà un regalo al figlio in base ad una vostra recensione, vuol dire che ha grossi problemi.

Ho sempre letto recensioni di parte su multiplayer.it (esempio su prodotti Microids di cui distribuivate anche copie omaggio in vari concorsi) e quindi del tutto inattendibili (sono rimasto moooolto scottato proprio grazie ad una vostra recensione, guardacaso, proprio con un prodotto Microids un anno fa circa, Warrior Kings: ve lo ricordate il vespaio che ci fu? Spero di si) e quindi per me siete diventati del tutto inaffidabili, semplicemente come tutti, potrete urlarlo quanto vi pare, non siete e non sarete mai indipendenti.

Vi auguro di poter provare ad esserlo in futuro con l'area Premium, se qualcuno vorrà mai pagare per questa (perchè tanto il succo è quello no?), ma anche su questo ho i miei dubbi....

Tora Tora Tora
20-04-2003, 17.58.11
Dimenticavo: l'unica fonte oramai attendibile è il passa-parola sui vari ng.

Li si, che ho trovato competenza e onestà.

Archaon_MoP
20-04-2003, 20.25.18
Warrior Kings l'ho recensito io, e checchè tu ne dica resta un ottimo gioco, con un buonissimo successo di vendite nonostante la software house sconosciutissima (tant'è che è anche uscita l'espansione) e che ha goduto di recensioni entusiastiche in tutto il mondo (92/100 su gamespy tanto per dirne una, mentre io non gridai certo al capolavoro nonostante le belle parole).

Se poi a te non è piaciuto, pace, ma non venirci ad accusare d non essere obiettivi (per sorvolare sul resto che ti potevi tranquillamente risparmiare).


P.S. Ok il gioco era buggato alla grande, e allora? Puoi dirlo del 90% dei titoli PC, Ma Warrior Kings (inglese) ha avuto la sua patch in men che non si dica.
Il fatto che la versione italiana sia arrivata mesi in ritardo non potevamo certo saperlo in sede della recensione e rappresenta sicuramente una nota di demerito per Microids Italia (e lo dico qui perchè nessuno si metta in testa sciocchezze in merito ad affiliazioni occulte e simili beghe, vecchie quanto le riviste di videogiochi).

Breaker
20-04-2003, 21.36.39
Originally posted by Tora Tora Tora
Dimenticavo: l'unica fonte oramai attendibile è il passa-parola sui vari ng.

Li si, che ho trovato competenza e onestà.

la storia è sempre la stessa, non ho letto la review di Archaon di cui stai parlando percui non entrerò nel merito del caso specifico.
Da quando avevo 12 anni e un computer per giocare ho sempre comprato le riviste di videogame, per avere un indirizzo, un parere di qualcuno un po' più competente ed appassionato del mio compagno di banco o del mio vicino... insomma andavo in edicola alla ricerca di una sorta di guida all'acquisto, senza contare che tra quelle pagine trovavo anche anteprime, news, speciali e tanto altro materiale per i miei "giochini".

Oggi il panorama è molto diverso, esiste la rete, esistono i forum e le varie comunità online dove ognuno è libero di dare la propria opinione. E a me sembra che ci sia una sorta di sentimento diffuso, unitamente al fatto che (miracoli del peer-to-peer) tutti hanno qualsiasi gioco ancora prima che gli sviluppatori l'abbiano finito ( :D ), per il quale vale la "recensione fai da te".
E chi se ne importa se il risultato sono un paio di sparate su questo o quell'altro titolo, chi se ne frega del "giudizio critico" quando l'amico ha detto che quel titolo che tutti hanno demolito è comunque una figata...
Beh può succedere a tutti di sbagliare, ammettiamo che il buon Archaon si sia fatto trascinare sul sentiero sbagliato, a volte succede, ma in genere quello che il redattore mette a servizio dei giocatori è: l'obbiettività, la maggior conoscenza ed esperienza nel campo del videogaming, il saper andare oltre le apparenze di una grafica magari non proprio "IN" oppure il saper castigare quei prodotti "super-luccicanti", ma che all'atto pratico non sono che i soliti minestroni riscaldati. Questo fa il redattore, oltre che mettersi in gioco costantemente, pronto a ricevere critiche più o meno costruttive.

Per questo caro Tora credo che il padre di famiglia potrebbe leggere serenamente le nostre recensioni, e poi leggerne magari qualcuna di qualche nostro concorrente ed avere così il quadro totale della situazione sul prodotto che avrebbe voluto acquistare. Senza spendere 50 euro al buio e regalandosi qualche minuto di (perchè no?) piacevole lettura.

Breaker
20-04-2003, 21.43.50
Originally posted by Tora Tora Tora
[per me siete diventati del tutto inaffidabili, semplicemente come tutti, potrete urlarlo quanto vi pare, non siete e non sarete mai indipendenti.


Ultima nota, ma scusa nemmeno il beneficio del dubbio? :D

Come fai ad esprimere un'opinione così radicale? Hai letto altre review di mplayer? Hai riscontrato in tutte (una per una :p ) gli stessi sintomi di servilismo?

Fammi un po' capire plz :)

SETRA
21-04-2003, 09.55.28
Originally posted by Skyrise
Maggiore chiarezza proverrà dai cambiamenti della prossima settimana...
Novità in arrivo :evil: :brr: :tsk:

Format_C
22-04-2003, 01.54.15
Originally posted by Tora Tora Tora
Senza offesa, ma se un papà farà un regalo al figlio in base ad una vostra recensione, vuol dire che ha grossi problemi.

Ho sempre letto recensioni di parte su multiplayer.it (esempio su prodotti Microids di cui distribuivate anche copie omaggio in vari concorsi) e quindi del tutto inattendibili (sono rimasto moooolto scottato proprio grazie ad una vostra recensione, guardacaso, proprio con un prodotto Microids un anno fa circa, Warrior Kings: ve lo ricordate il vespaio che ci fu? Spero di si) e quindi per me siete diventati del tutto inaffidabili, semplicemente come tutti, potrete urlarlo quanto vi pare, non siete e non sarete mai indipendenti.

Vi auguro di poter provare ad esserlo in futuro con l'area Premium, se qualcuno vorrà mai pagare per questa (perchè tanto il succo è quello no?), ma anche su questo ho i miei dubbi....

personalmente credo tu abbia voluto lanciare una critica estrememente sommaria e gratuita, ne sono convinto anche perchè personalmente ho amato WK, difetti a parte ma quale software non ne possiede? andando a spulciare i tuoi post passati si denota una certa "prevenzione" sul parere che danno i recensori di m.it e non solo, praticamente secondo te sono tutti in malafede. bè io ritengo di essere dotato (come la maggior parte dei lettori e forumisti che evidentemente non lancia j'accuse simili ai tuoi) di un certo senso critico che mi permette di distinguere una recensione paòesemente prezzolata (ammesso che ce ne siano, non credo vista la facilità con cui sarebbe miseramente smascherata) da una fatta in totale buona fede. basta anche solo guardarsi un po' in giro e sentire anche altre campane, in fondo la recensione è il parere di una persona, che oltremodo potrebbe essere influenzata dal fatto che il genere a cui appartiene il gioco possa essere di suo particolare gradimento o meno.
poi, ti dico, ognuno è libero di pensare come meglio crede e viva la libertà di dire quello che ci pare, ma sminuire e infangare il lavoro altrui, senza portare alla luce evidenti prove a sostegno della tesi è solo sintomo di mancanza di rispetto per l'operato di altre persone che a prescindere da tutto mi sembra ti stiano mettendo a disposizione una valanga di informazioni consultabili, forum che tu abitualmente frequenti, e recensioni che anche se solo per il gusto di criticare tu comunque leggi, e questo gratis.
con questo non voglio assolutamente prendere le difese di nessuno, ma semplicemente esporre le mie convinzioni, maturate nel tempo. oh, poi può anche darsi che io sia un allocco che si beve tutto quello che dicono gli altri, e allora mi chiedo: è meglio un allocco che gioca felice e spensierato o un Programmatore Oracle (sei importante!) che lancia anatemi e accuse perchè la sua macchina nn riusciva a far girare un gioco, rendendogli la vita una grande frustrazione? io faccio l'allocco.

scusa per il tono ma ho scritto di getto.
ciao

Tora Tora Tora
22-04-2003, 09.15.37
Originally posted by Archaon_MoP
Warrior Kings l'ho recensito io, e checchè tu ne dica resta un ottimo gioco, con un buonissimo successo di vendite nonostante la software house sconosciutissima (tant'è che è anche uscita l'espansione) e che ha goduto di recensioni entusiastiche in tutto il mondo (92/100 su gamespy tanto per dirne una, mentre io non gridai certo al capolavoro nonostante le belle parole).

Se poi a te non è piaciuto, pace, ma non venirci ad accusare d non essere obiettivi (per sorvolare sul resto che ti potevi tranquillamente risparmiare).


P.S. Ok il gioco era buggato alla grande, e allora? Puoi dirlo del 90% dei titoli PC, Ma Warrior Kings (inglese) ha avuto la sua patch in men che non si dica.
Il fatto che la versione italiana sia arrivata mesi in ritardo non potevamo certo saperlo in sede della recensione e rappresenta sicuramente una nota di demerito per Microids Italia (e lo dico qui perchè nessuno si metta in testa sciocchezze in merito ad affiliazioni occulte e simili beghe, vecchie quanto le riviste di videogiochi).

Il fatto che abbia venduto oggigiorno vuol dire poco, dato che su certi prodotti l'hype che si crea (anzi ad essere precisi, che certe riviste sia cartecee/on-line creano ad arte) a volte si basa solo su screen-shoot o comunicati stampa degli stessi produttori dove ogni tre parole compare il termine "rivoluzionario".

Anche Soldier of fortune II ha venduto molto (vuoi perchè era di della Raven, azienda che fino a quel momento non aveva sbagliato un colpo, vuoi guardacaso per l'hype creato ad hoc), ma se ti fai un giro, di musi lunghi che l'anno comprato ne vedrai parecchi.

Mi scrivi "92/100 su Gamespy"? Sbaglio o è la stessa azienda alla quale oramai il 90% dei giochi sono legati per il gioco su internet? O mamma mia, ma questo è "conflitto di interessi" bello e buono. Mi chiedo: potrà mai essere attendibile una tale recensione?

Parliamo poi dell'espansione WK:B? OK. Guardacaso leggendo un recensione ha molti degli stessi difetti dell'originale e questo a distanza di un anno.... mah!

E poi, lo dico a voi ma questo vale ovviamente per tutti: dovete smetterla di recensire versioni in Inglese, quando si sa che uscirà la versione in Italiano. Troppe volte vengono introdotti bug in una versione localizzata non presenti nella versione in inglese (Europa Universalis II e HoM&M IV docet).

Tora Tora Tora
22-04-2003, 09.24.25
Originally posted by Breaker
Ultima nota, ma scusa nemmeno il beneficio del dubbio? :D

Come fai ad esprimere un'opinione così radicale? Hai letto altre review di mplayer? Hai riscontrato in tutte (una per una :p ) gli stessi sintomi di servilismo?

Fammi un po' capire plz :)

Semplicemente perchè per curiosità subito dopo ho provato a leggere altre recensioni di multiplayer.it (ti parlo di un anno fa circa e quindi scusami ma non chiedermi quali fossero, non li ricordo) anche di giochi che non mi interessavano, ma la sensazione era quella di leggere dei comunicati stampa piuttosto che delle recensioni scritte con l'anima del videogiocatore.

Poi sbaglierò, anzi sicuramente sarà così....

Tora Tora Tora
22-04-2003, 09.47.48
Originally posted by Format_C
personalmente credo tu abbia voluto lanciare una critica estrememente sommaria e gratuita, ne sono convinto anche perchè personalmente ho amato WK, difetti a parte ma quale software non ne possiede? andando a spulciare i tuoi post passati si denota una certa "prevenzione" sul parere che danno i recensori di m.it e non solo, praticamente secondo te sono tutti in malafede. bè io ritengo di essere dotato (come la maggior parte dei lettori e forumisti che evidentemente non lancia j'accuse simili ai tuoi) di un certo senso critico che mi permette di distinguere una recensione paòesemente prezzolata (ammesso che ce ne siano, non credo vista la facilità con cui sarebbe miseramente smascherata) da una fatta in totale buona fede. basta anche solo guardarsi un po' in giro e sentire anche altre campane, in fondo la recensione è il parere di una persona, che oltremodo potrebbe essere influenzata dal fatto che il genere a cui appartiene il gioco possa essere di suo particolare gradimento o meno.
poi, ti dico, ognuno è libero di pensare come meglio crede e viva la libertà di dire quello che ci pare, ma sminuire e infangare il lavoro altrui, senza portare alla luce evidenti prove a sostegno della tesi è solo sintomo di mancanza di rispetto per l'operato di altre persone che a prescindere da tutto mi sembra ti stiano mettendo a disposizione una valanga di informazioni consultabili, forum che tu abitualmente frequenti, e recensioni che anche se solo per il gusto di criticare tu comunque leggi, e questo gratis.
con questo non voglio assolutamente prendere le difese di nessuno, ma semplicemente esporre le mie convinzioni, maturate nel tempo. oh, poi può anche darsi che io sia un allocco che si beve tutto quello che dicono gli altri, e allora mi chiedo: è meglio un allocco che gioca felice e spensierato o un Programmatore Oracle (sei importante!) che lancia anatemi e accuse perchè la sua macchina nn riusciva a far girare un gioco, rendendogli la vita una grande frustrazione? io faccio l'allocco.

scusa per il tono ma ho scritto di getto.
ciao

Ho smesso da un bel pezzo di leggere le recensioni di multiplayer.it, adesso (complice anche la nuova veste grafica che mi rimane ostica da digerire) la "uso" solo per le news e talvolta per il diario, ma sarò ben felice di leggere una tua recensione proprio per rendermi conto.

Io, al tuo contrario, probabilmente non so distinguere una recensione "prezzolata" da una fatta seriamente, forse sono anche troppo paranoico, ma, ti ripeto, leggere sempre recensioni positive dei prodotti Microids (che fatemelo dire da videogiocatore, non è tutto sto granchè come catalogo prodotti) e guardacaso avere delle copie da distribuire omaggio non è che giovi molto alla vostra causa di imparzialità.

Leggete la recensione di "War & Peace" della (rullo di tamburi) Microids. La frase finale è "Fatta eccezione per la mancanza del Multiplayer War & Peace potrà essere ricordato come un buon titolo, divertente ed appassionante… perché non provare allora?". Probabilmente sarà ricordato ma solo da voi, visto che "gli altri" l'hanno mazzolato (utenti ng e riviste cartecee compresi).... Aiutami a capire cosa dovrei pensare.

P.S. Oh, va a finire che il problema è "io VS. Microids" :)

Format_C
22-04-2003, 10.20.26
Originally posted by Tora Tora Tora
Ho smesso da un bel pezzo di leggere le recensioni di multiplayer.it, adesso (complice anche la nuova veste grafica che mi rimane ostica da digerire) la "uso" solo per le news e talvolta per il diario, ma sarò ben felice di leggere una tua recensione proprio per rendermi conto.

Io, al tuo contrario, probabilmente non so distinguere una recensione "prezzolata" da una fatta seriamente, forse sono anche troppo paranoico, ma, ti ripeto, leggere sempre recensioni positive dei prodotti Microids (che fatemelo dire da videogiocatore, non è tutto sto granchè come catalogo prodotti) e guardacaso avere delle copie da distribuire omaggio non è che giovi molto alla vostra causa di imparzialità.

Leggete la recensione di "War & Peace" della (rullo di tamburi) Microids. La frase finale è "Fatta eccezione per la mancanza del Multiplayer War & Peace potrà essere ricordato come un buon titolo, divertente ed appassionante… perché non provare allora?". Probabilmente sarà ricordato ma solo da voi, visto che "gli altri" l'hanno mazzolato (utenti ng e riviste cartecee compresi).... Aiutami a capire cosa dovrei pensare.

P.S. Oh, va a finire che il problema è "io VS. Microids" :)

un attimo: equivoco :P
io non sono un redattore, ma semplicemente un appassionato di vecchia data dei vgames in generale ed oltretutto ex negoziante.
forte della mia esperienza sul campo ti posso garantire che microids (che sicuramente non ha i mezzi economici di altri publisher) ha sfornato alcuni prodotti di tutto rispetto, vedi WK e war and peace; non dico questo perchè mi stanno simpatici, ma per il semplice motivo che hanno venduto veramente tanto entrambi, e con onore, nel senso che, la clientela che li ha acquistati (chi l'uno, chi l'altro, chi entrambi) ne è rimasta soddisfatta se non in alcuni casi addirittura entusiasta, e questo non è un parere, ci tengo a specificarlo, ma la realtà dei fatti, motivo che mi ha spinto a "contestare" il parere da te espresso (che comunque non voglio prevalicare e che rispetto, avrai sicuramente buoni motivi che vanno oltre ogni dato di mercato; magari però discutiamone, ecco tutto) visto che in definitiva il parere del redattore rispecchiava in linea di massima il parere dato da un consistente campione di clienti.
Io non credo che m.it, o chessò altri portali, possano farsi corrompere da una qualche copia allungata da un distributore o da un publisher, dove starebbe il guadagno? ammesso anche che ti diano una bella somma, correresti il rischio di venire "s§§§§§§§to" per poco o niente? se osservi bene noterai che è pratica comune quella di offrire copie omaggio agli utenti, ma (correggetemi se sbaglio) credo si tratti di una mera operazione pubblicitaria, relativamente poco costosa, che permette di rendere visibile un prodotto. in questo momento ci sono in corso "contests" su praticamente tutti i principali siti di videogames, ma vuoi veramente farmi credere che il lavoro di anni (e la faccia sopratutto) possa valere così poco? parlo così perchè mi sento una persona onesta e mi piace credere che tutti lo siano, almeno fino a prova contraria. a rinforzo della mia tesi la recente recensione di rainbow six, che personalmente ritengo un titolo discreto, ma che è stato mazzolato per bene dal redattore che proprio non deve averlo digerito, potresti anche dirmi che ubisoft non ha pagato il "pizzo" ma buon Dio, se così stanno le cose saremmo di fronte ad una associazione mafiosa più che ad un gruppo di giornalisti. non mi pare, e credo ne converrai, il rischio non varrebbe la candela :)
con simpatia.
ciao

Archaon_MoP
22-04-2003, 10.40.27
Direi che Format ha espresso le giuste parole in modo molto più pacato ed eloquente di quanto avrei potuto fare io :p
Ma voglio comunque puntulizzare qualche concetto che è rimasto in sospeso:

A proposito di hype creato ad hoc, qui da noi a Warrior Kings sono stati dedicati solo Anteprima, Recensione e Screenshot, ovvero la trafila abituale per un qualsiasi titolo che possa avere un minimo interesse al di sopra della media, quindi direi che nessuno l'ha "spinto" più di qualsiasi altro gioco.
Inoltre WK è stato uno strategico estremamente innovativo, e oltre un anno dopo, questo è ormai un fatto conclamato, non più la singola opinione di un umile recensore.

Io poi ho citato Gamespy tanto per fare un nome (ma francamente la tua ipotesi di conflitto di interessi mi lascia un po' interdetto... poi vabbè a priori tutto è possibile...), ma 7,5 e 7,8 su Gamespot e IGN mi sembrano abbastanza eloquenti per concludere che il gioco non fosse proprio una schifezza.

Se poi il problema erano i bug e il fatto che non sono stati citati nella recensione, rispondo che:

a) si recensisce quel che passa al convento. E se invece aspettiamo la versione italiana, la gente si lamenta perchè da settimane è disponibile quella originale e noi non scriviamo nulla.

b) in merito alla telenovela della patch italiana, abbiamo pubblicano news quasi quotidiane, cui si aggiungeva anche il forum dedicato al gioco, con tanto di scazzi neri di chi lo gestiva, che era uno dei nostri, e che secondo la tua ipotesi sarebbe stato in qualche modo foraggiato per parlar bene del titolo.

Intendiamoci, sono io il primo a dire che una buona percentuale del catalogo Microids sia da dimenticare, ma se mi vai a criticare propio quei titoli buoni che sono stati ben accettati dal pubblico, la tua tesi va un po' in malora. :)

Tora Tora Tora
22-04-2003, 11.13.50
Originally posted by Format_C
un attimo: equivoco :P
io non sono un redattore, ma semplicemente un appassionato di vecchia data dei vgames in generale ed oltretutto ex negoziante.
forte della mia esperienza sul campo ti posso garantire che microids (che sicuramente non ha i mezzi economici di altri publisher) ha sfornato alcuni prodotti di tutto rispetto, vedi WK e war and peace; non dico questo perchè mi stanno simpatici, ma per il semplice motivo che hanno venduto veramente tanto entrambi, e con onore, nel senso che, la clientela che li ha acquistati (chi l'uno, chi l'altro, chi entrambi) ne è rimasta soddisfatta se non in alcuni casi addirittura entusiasta, e questo non è un parere, ci tengo a specificarlo, ma la realtà dei fatti, motivo che mi ha spinto a "contestare" il parere da te espresso (che comunque non voglio prevalicare e che rispetto, avrai sicuramente buoni motivi che vanno oltre ogni dato di mercato; magari però discutiamone, ecco tutto) visto che in definitiva il parere del redattore rispecchiava in linea di massima il parere dato da un consistente campione di clienti.
Io non credo che m.it, o chessò altri portali, possano farsi corrompere da una qualche copia allungata da un distributore o da un publisher, dove starebbe il guadagno? ammesso anche che ti diano una bella somma, correresti il rischio di venire "s§§§§§§§to" per poco o niente? se osservi bene noterai che è pratica comune quella di offrire copie omaggio agli utenti, ma (correggetemi se sbaglio) credo si tratti di una mera operazione pubblicitaria, relativamente poco costosa, che permette di rendere visibile un prodotto. in questo momento ci sono in corso "contests" su praticamente tutti i principali siti di videogames, ma vuoi veramente farmi credere che il lavoro di anni (e la faccia sopratutto) possa valere così poco? parlo così perchè mi sento una persona onesta e mi piace credere che tutti lo siano, almeno fino a prova contraria. a rinforzo della mia tesi la recente recensione di rainbow six, che personalmente ritengo un titolo discreto, ma che è stato mazzolato per bene dal redattore che proprio non deve averlo digerito, potresti anche dirmi che ubisoft non ha pagato il "pizzo" ma buon Dio, se così stanno le cose saremmo di fronte ad una associazione mafiosa più che ad un gruppo di giornalisti. non mi pare, e credo ne converrai, il rischio non varrebbe la candela :)
con simpatia.
ciao

Sono contento per la Microids che i suoi prodotti vendano bene, anche se continuo a non capire il perchè. Sicuramente sono ottuso e la rabbia ha prevalso sulla ragione.

Lungi da me dire, con questo, che siete solo un "prolungamento" dell'ufficio stampa di questa o quella casa, ma mi sono fatto l'idea più di una "sudditanza psicologica" come va di moda dire adesso nel mondo del calcio, cioè siete "indipendenti da tutti ma inconsapevolmente riconoscenti verso alcuni".... Ripeto, il problema probabilmente è solo mio nel vedere inganni e/o tranelli dappertutto.

I miei "buoni motivi" quali sono? Cercare di non prendere fregature o perlomeno di prenderne il meno possibile ovviamente, visto quello che costano oggi i giochi. E ovvio che con questi presupposti, l'unico parere che per me oggi conta è quello dell'appassionato che ha acquistato la versione retail, che ci gioca da mattina a sera e che quindi potrà dare un giudizio più obiettivo e sereno di qualsiasi recensore sulla faccia di Internet che invece ha i suoi tempi di consegna della recensione, che ha in mano molte volte una versione non definitiva oppure appositamente modificata, che ha una versione in Inglese mentre in vendita ci sarà una versione localizzata e via discorrendo.

E ovvio con questi presupposti non ci sarà mai una rivista on-line o cartacea adatta a me, e sto ancora cercando quella che gli si avvicina di più....

Infine, mi ricollego al caro-giochi in Italia: nessuno che ne parli. Con l'avvento dell'EURO oltre a tutte le merci di prima necessità, sono aumentati a dismisura anche i prezzi dei videogiochi. Esempio? Venerdì tutto gasato, sono andato per comprare Freelancer della nostra beneamata Microsoft memore dei momenti bellissimi di gioco che ebbi a suo tempo con Privateer (il primo, un capolavoro per l'epoca) visto che lo staff anche se con nome diverso ero lo stesso. Morale della favola? 57 euro, con il programma in Inglese (non so nemmeno se ci sono i sottotitoli) e manuale in Italiano.

Ne vogliamo parlare sulle pagine di multiplayer.it?

Archaon_MoP
22-04-2003, 11.36.14
Beh il buon Andrea Pucci ha dedicato all'argomento ben due diari proprio nelle scorse 2 settimane, cercando di individuare le rispettive responsabilità di publisher e venditori e consumatori.

Un giretto fra le old news e dovresti ripescarli facilmente.

In ogni cao è un problema che sentiamo in maniera particolare, non a caso abbiamo eletto publisher dell'anno per 2annate consecutive CiDiverte/Take2 per la sua imbattibile politica di prezzi...

Tora Tora Tora
22-04-2003, 12.00.19
Originally posted by Archaon_MoP
Beh il buon Andrea Pucci ha dedicato all'argomento ben due diari proprio nelle scorse 2 settimane, cercando di individuare le rispettive responsabilità di publisher e venditori e consumatori.

Un giretto fra le old news e dovresti ripescarli facilmente.

In ogni cao è un problema che sentiamo in maniera particolare, non a caso abbiamo eletto publisher dell'anno per 2annate consecutive CiDiverte/Take2 per la sua imbattibile politica di prezzi...

Oh, finalmente un caso su cui andiamo d'accordo ;)

E difatti tra gli ultimi prodotti che ho acquistato ci sono Mafia, Age of Wonders II e proprio venerdì, in sostituzione del mancato Freelancer, mi sono consolato con Vietcong.

Domande:

Tutti e tre distribuiti da?

I prezzi di ognuno di questi erano sotto o sopra i 40 euro?

Un :birra: a chi risponderà correttamente :D