PDA

Visualizza versione completa : [D&D]Aiuto!Tutti i Master a rapporto!!!



UnNamed_Again
29-03-2003, 19.05.44
Sto giocando a D&D con dei miei amici e mi è successo 'sta cosa qui.Premetto che io non sono un esperto di D&D, non ci gioco molto spesso,quindi non conosco tutte le regole. Il mio personaggio è un ladro (anzi ,una ladra) di terzo livello, Dopo che è successo un casino(troppo lunga da raccontare..), devo vendicarmi di due della compagnia, un guerriero appena passato a chierico e un druido. Essendo in netto svantaggio in forza offensiva decido di rubare un guanto della forza (anche se poi mi verrà spiegato che non mi serve ad un tubo perchè ho 10 su Forza e mi aumenterebbe comunque solo di 1). Devo decidere se rubarlo ad un mercante o ad uno della mia compagnia di cui mi devo vendicare.Siccome mi dicono che ad un mercante è più difficile rubare nelmio stato attuale ( scusate ma non sono molto pratico, se poi è vero non lo so), decido a questo punto di prendere due piccioni con una fava. Uso l'abilità Svuotare Tasche sul guerriero e faccio 19+8, mentre il guerriero un misero 11+4. A questo punto, facendo un 26 contro un 15 dovrei aver rubato con scioltezza senza che il guerriero se ne accorga.Qui. sta il primo punto: il guerriero si accorge subito che i guanti sono stati rubati(cosa secondo me non plausibile anche se effettivamente i guanti erano indossati prima di essere rubati) e quindi inizia ad avere dubbi su di me. Mi chiede se gli ho rubato i guanti e io gli dico che non ne so niente,i guanti che ho non sono comunque suoi, e faccio un tiro su Raggirare,mentre lui fa un tiro su Percepire Inganni. Non mi ricordo il punteggio esatto dei dadi ma il guerriero canna di brutto contro di me. Siccome insiste ( e mi romperà le palle per tutta la partita) fa una magia, qualcosa del tipo Visione del Vero o qualcosa del genere, e anche lì riesco a fare un punteggio più alto. In seguito, decido di vendere il guanto e scappo, ma il guerriero mi rincorre. Dopo diversi tentativi vedo che non lo semino e mi fermo per parlargli.Arrivano 2 guardie e il guerriero insiste dicendo che gli ho rubato il guanto.Gli dico che l'ho rubato "in giro" , rifaccio raggirare e lui di nuovo su Percepire Inganni e perde ancora. Alla fine ,dopo una rottura di scatole immane, combattiamo io e il guerriero, riesco anche a fargli parecchi danni (usando l'Attacco Furtivo) ma alla fine mi blocca, mi riempe di botte e mi prende il guanto. A questo punto la domanda è questa: ma quante minchia di volte dovevo vincere con i dadi con il guerriero per fare in modo che credesse DEFINITIVAMENTE che il guanto non era suo? Cioè, lui ha fatto un sacco di Percepire Inganni e ha sempre perso,ha fatto pure una magia per scoprire la verità ed è fallita, secondo voi doveva essere convinto del tutto o poteva avere ancora qualche dubbio? La cosa che non ho capito innanzitutto è come ha fatto ad accorgersene subito. Secondo me non poteva perchè se l'abilità Svuota Tasche era riuscita, e con un 26 Vs 15 per giunta, doveva accorgersene molto dopo, o almeno il tempo di permettermi di andarmene e vendere il guanto. Cioè ,è come se io vado in metropolitana, arriva un ladro abilissimo, mi frega il portafogli e io, in quel preciso istante mi accorgo che il portafogli non c'è più,allora che lqadro abilissimo è?Tra l'altro il guerriero sospetta subito di me, cosa anche plausibile visto che sono una ladra,però quando mi chiede se gli avevo rubato il guanto e gli dico di no, lui non riesce a percepire l'inganno, quindi per lui dovrei aver detto la verità. Inoltre mi sono accorto che l'abilità Raggirare ha effetto "immediato" sui personaggi "non giocanti". Per esempio, se vedo un tizio e gli dico "buttati nel fosso" e quello mi dice di no, io faccio un Raggirare e gli dico che se fa una capriola di testa troverà in fondo al fosso un tesoro,vinco sui dadi e quello si butta, allora perchè non dovrebbe valere per quelli che giocano? Il problema si anche accentuato dal fatto che non avendo molta esperienza di giochi di questo genere non ho la malizia rispetto ad un giocatore esperto, e quindi mi trovo più in difficoltà nelle situazioni caotiche come questa,quindi proprio per questo tendo a ragionare dopo sull'accaduto, mentre se avessi posto subito il problema le cose sarebbero andate in maniera diversa.A proposito, secondo voi il Master doveva intervenire?Ha delle responsabiltà?Insomma, è il Master, doveva essere lui ad accorgersi se qualcosa non era stato fatto secondo le regole.Ok, questo è tutto, attendo le vostre opinioni.