PDA

Visualizza versione completa : Diario del 4 Marzo - Anatre e Level Design



/\/\att
04-03-2003, 14.31.44
Magari ve ne siete accorti sbirciando nell’apposita sezione Network Inside della nostra HomePage, comunque proprio ieri i ragazzi di Half-Life Italia hanno inaugurato il loro affascinante speciale dedicato alle interviste poste ai migliori mappers, a livello mondiale, che lavorano ancora sull’incredibilmente longevo motore grafico di Half-Life.
Effettivamente, ripensandoci, è abbastanza singolare il fatto che uno dei giochi col miglior gameplay di sempre sia dotato di una infrastruttura tecnica quantomai eccellente. Insomma, se gridare al miracolo, ancor oggi, potrebbe parere eccessivo è innegabile ricordare quanto Half-Life rappresenti un caso più unico che raro, forse irripetibile.
Del resto, anche rialacciandomi al diario Domenicale, non vorrei che proprio i Valve si facessero prendere dalla “Sindrome di Salinger”.
Dimenticandoci ameni confronti, comunque, un’evenienza del genere per fortuna (o purtroppo?) è una cosa davvero improbabile: le pressioni su Valve per lo sviluppo di un nuovo e quantomai sicuro BestSeller avranno raggiunto livelli ormai improponibili e, magari, da un momento all’altro potrebbe già arrivare la conferma ufficiale… forse proprio in vista di un certo E3 Losangelino…
Cambiando totalmente argomento: abbiamo l’onore di annunciare il vincitore del Contest "Un’anatra non fa primavera 2003". Tra le risposte pervenute, in posta privata, quella scritta dal nostro fedele lettore Nicholas ha meritato, in virtù del suo crudo pragmatismo esistenziale, il Primo Premio.
Niente Celica GT-Four ma una pur sempre prestigiosa citazione sul nostro amatissimo Diario videoludico:

Le anatre nel periodo invernale vengono trasportate in un posto chiamato:"paradiso degli animali", un luogo dove possono riposare durante la stagione fredda .
Nel paradiso trovano una quantità infinita di cibo, e si accoppiano come non si sono accoppiate mai nel corso dell’intero anno.
Questi semi-volatili adorano la stagione invernale e non sopportano l'estate dove purtroppo sudano e sono costrette a tuffarsi nel lago pieno ormai di metano e benzene. In pratica in inverno: muoiono.

Breaker
04-03-2003, 15.17.18
ah mio caro... che brutta cosa la malattia e la scarsa sincronia sinaptica che ti coglie a volte all'improvviso, con quella sorta di scudisciata dietro le orecchie che ti fa rintronare le appasite masse neuronali rmai pressochè inerti.... lo dico perchè anch'io ne so qualcosa quando al mattino mi sveglio con uno spazzolino da denti infilato nell'orecchio destro e scopro che forse infilarlo nel sinistro sarebbe stato molto, molto meglio. D'altra parte, si sa, l'igiene orale ha un prezzo notevolmente elevato e man mano che ci avviciniamo ad una liberalizzazione del mercato giappur liberista, teso verso un movimento panocentrista in lenta espansione formalizzante del substrato sociale, ma non assolutamente conscia delle ripercussioni profonde nel logos uomo-mercato a un livello sbustrutturale più profondo che veda l'essere puro non divenente, messo in crisi dalla stessa gnoseologicità della monade... ma quale? la seconda o la terza? terza monade in fondo a destra prego, e si si affretti, che tra un quarto d'ora qui si chiude.

K4pp4
04-03-2003, 15.44.03
Originally posted by /\/\att
Magari ve ne siete accorti sbirciando nell’apposita sezione Network Inside della nostra HomePage, comunque proprio ieri i ragazzi di Half-Life Italia hanno inaugurato il loro affascinante speciale dedicato alle interviste poste ai migliori mappers, a livello mondiale, che lavorano ancora sull’incredibilmente longevo motore grafico di Half-Life.
Effettivamente, ripensandoci, è abbastanza singolare il fatto che uno dei giochi col miglior gameplay di sempre sia dotato di una infrastruttura tecnica quantomai eccellente. Insomma, se gridare al miracolo, ancor oggi, potrebbe parere eccessivo è innegabile ricordare quanto Half-Life rappresenti un caso più unico che raro, forse irripetibile.
Del resto, anche rialacciandomi al diario Domenicale, non vorrei che proprio i Valve si facessero prendere dalla “Sindrome di Salinger”.

Se non ho capito male la domanda suona più o meno come 'riuscirà Valve a resistere alle lusinghe del mercato fino a quando avrà pronta un'altra pietra miliare come Half-Life?'
La risposta più arguta che mi viene in mente è: fino a quando riusciranno a rimpastoiare il vecchio engine, dimostrando più di una volta che hanno già ceduto alle lusinghe del mercato (perchè sento una voce nella mia testa che urla di alterazioni blu?)


Dimenticandoci ameni confronti, comunque, un’evenienza del genere per fortuna (o purtroppo?) è una cosa davvero improbabile: le pressioni su Valve per lo sviluppo di un nuovo e quantomai sicuro BestSeller avranno raggiunto livelli ormai improponibili e, magari, da un momento all’altro potrebbe già arrivare la conferma ufficiale… forse proprio in vista di un certo E3 Losangelino…

Sai qualcosa che noi mortali non possiamo sapere o sei entrato in modalità veggente? ;) :D



Cambiando totalmente argomento: abbiamo l’onore di annunciare il vincitore del Contest "Un’anatra non fa primavera 2003".
[cut]


... no comment... :roll3::D

/\/\att
04-03-2003, 15.55.54
>Sai qualcosa che noi mortali non possiamo sapere o sei entrato
>in modalità veggente? ;) :D

Sto studiando grazie ad un corso di RadioElettra, mi è arrivato il pacco proprio ieri sera. Sono agli inizi, quindi qualcosa mi potrebbe sfuggire.
La Prima Regola sul manuale, comunque, dice: l'E3 avviene una volta l'anno, la Valve deve ormai giustificare il proprio stipendio, Vivendi ha già <i>commissionato</i> il "seguito" di Warcraft 3, quello di Ground Control e quello di Homeworld e poi... dopo un Natale dominato da Halo2, dovrà pur uscire qualcos'altro per l'anno dopo... o no?

/\/\att
15-04-2003, 11.00.57
Signori!

Il corso forse funziona davvero!

http://www.multiplayer.it/oldnews.php3?id=21746