PDA

Visualizza versione completa : Versioni Live e da Studio della stessa Song



BESTIA_kPk
11-02-2003, 23.08.05
Hum ho appena visto un filmato dei Blind Guardian in concerto, The Bard's Song.

La prima versione che ho sentito aveva certe hum idee diciamo. La seconda versione che ho sentito era un live, questo un'altro ancora.
La stessa canzone, ogni volta un pò diversa (diciamo non poco :D)
Il fatto che siano variazioni della stessa song penso sia un pregio, così si ha più scelta (certo, qualche versione può non piacere). Anche Lord Of The Rings l'ho sentita in + versioni (cambiano alcune intonazioni di voce, e alcuni strumenti)

Mò cancellate l'idea che avete dei Blind Guardian, pensate ai vostri gruppi preferiti.
Aldilà del parere puramente soggettivo "preferisco A o B o C", secondo voi uno che va in un concerto preferisce sentir tutto identico alle versioni registrate in studio? (teoricamente parlando nè, non dico "perfettamente identiche") ha valore positivo o negativo fare così oppure in altro modo? non limito il discorso solo a chi riesce a vedere un concerto, dato che cmq le song saltano fuori anche x chi è a casa :D

Evitare risposte tipo si/no, o mettete almeno un qualcosa, un perchè, altrimenti non spammate :p

Strasbuli
11-02-2003, 23.31.03
Un gruppo per mè ad un concerto deve rifare le proprie canzoni modificate, solo un pò, ma per esser rese così più "accattivanti", non come i dream teather, che le riproducono uguali a quelle di studio! Ecco, il mio live perfetto è "live after death", dove le canzoni come note sono uguali a quelle di studio, ma con una distorsione più pesante e alcune un pò più veloci, rese adatte per un concerto!

DeepPurple
12-02-2003, 00.55.01
Quando vado ad un concerto (o ascolto un album live) VOGLIO improvvisazione, non mi piace sorbirmi le stesse canzoni che ho già sentito sul disco.
Preferisco 1000 volte gruppi come i Deep Purple o come i Led Zeppelin, che, nonostante non siano mostri di tecnica ai livelli dei Dream Theater, in concerto allungano canzoni di 20-30 minuti con improvvisazioni, duetti e amenità varie COLME di originalità che un gruppo che mi faccia un assoli difficilissimi tecnicamente ma identici alle versioni studio.
Prendete Scandinavian Night dei Deep Purple o un qualsiasi live di Jimi Hendrix, o di Stevie Ray Vaughan o di Popa Chubby etc. (tanto per spaziare anche nel rock\blues), non troverete una canzone uguale all'altra, questo mi piace ;)

Nel jazz il problema non si pone visto che son tutte improvvisazioni basate sugli standards :D

Spero d'esser stato esaudiente :)

fbalzz
12-02-2003, 10.17.51
Originally posted by Strasbuli
Un gruppo per mè ad un concerto deve rifare le proprie canzoni modificate, solo un pò, ma per esser rese così più "accattivanti", non come i dream teather, che le riproducono uguali a quelle di studio! Ecco, il mio live perfetto è "live after death", dove le canzoni come note sono uguali a quelle di studio, ma con una distorsione più pesante e alcune un pò più veloci, rese adatte per un concerto!


Ma hai mai visto un concerto dei DT?
Riesci a sentire i gli strumenti cosa fanno di diverso rispetto ai dischi in studio o ti limiti a sentire la canzone complessivamente?
Questo oltre ai 2 o 3 pezzi a concerto completamente diversi o comprensivi di un'improvvisazione, che nn puo' nn essere notata...
Cmq ti contraddici... per fare un bel "live" allora qualunque gruppo basterebbe che mettesse più distorsore e velocizzasse le canzoni?
Nn credo proprio che la stupenda atmosfera che "esce" da Live after death sia data da questi elementi.;)

Kondur dei CGG
12-02-2003, 11.32.28
Sicuramente ad 1 live le song non saranno uguali a quelle registrate in studio, ma è meglio cosi.
Live Rulez!

Abigail
12-02-2003, 11.37.07
Originally posted by DeepPurple
Quando vado ad un concerto (o ascolto un album live) VOGLIO improvvisazione, non mi piace sorbirmi le stesse canzoni che ho già sentito sul disco.
Come sopra. La versione studio è soltanto un canovaccio, un'idea di massima, sulla quale l'artista ha il diritto (e il dovere) di fare tutte le variazioni possibili, quando decide di proporla al pubblico. Tanto il pubblico la versione originale la conosce già. Cosa sarebbero i Dire Straits senza i dodici minuti della versione dal vivo di Sultans of Swing? E gli Allman Brothers senza i 23 minuti di Whipping post? Il motivo per cui At Fillmore East dei fratelloni Allman è considerato il miglior live di tutti i tempi (cosa opinabile, ma universalmente accettata) è proprio il fatto che un disco contenente SETTE canzoni riesce a durare più di un'ora e mezza, grazie alle straripanti invenzioni dal vivo di Duane e soci... E come loro decine e decine di altri musicisti rock...

...Per quanto riguarda i DT, beh, sono più d'accordo con Strasbuli che con te, fbalzz... Ho visto e sentito i Dream Theater dal vivo e, beh, ripropongono quasi sempre gli stessi pezzi presenti sugli album, con delle piccole variazioni che sicuramente non cambiano la "sostanza" del pezzo, che rimane lo stesso... Perché in questo caso è spesso la canzone nel complesso a dover cambiare, e non le singole parti strumentali... Quando senti i Counting Crows che dal vivo ti trasformano Mr.Jones in un lento, o Springsteen che fa No Surrender con solo voce e chitarra, quelle sono variazioni: non Petrucci che fa un assolo diverso dall'originale, quello per me è normale, lo fa anche il mio chitarrista quando suoniamo le cover... Questo non rende i Dream Theater meno grandi, sia chiaro, il solo fatto di riuscire a riproporre dal vivo la magnificenza delle loro composizioni è già di per sé incredibile... Il fatto è che quei capolavori di tecnica sono come dei meccanismi ad orologeria, in cui tutto è calibrato al centesimo di secondo, e fare variazioni diventa VERAMENTE difficile... Non è perché non sono bravi, casomai è perché lo sono troppo... :D

Umilmente...
:D :D :D

Disarm
12-02-2003, 12.27.55
Mah guarda io credo che i concerti siano il meglio perchè il sound è più "grezzo", non filtrato da macchinari e molto più "tridimensionale":D .

Io sono andato solo a 2 concerti degli Smashing Pumpkins e ad uno dei Foo Fighters e devo dire che preferisco nettamente il live, le canzoni sono più "vive". Poi ti dirò a quei due degli SP è stato fantastico perchè le canzoni "storiche" sono state proposte in modo differente a volte power a volte più veloci a volte invece acustiche... Oltretutto dai live capisci se un'artista è in grado di suonare o no (vorrei vedere come farà Avril Lavigne...:niente!: :rolleyes: ).

Comunque preferisco live anche solo riguardo a canzoni da scaricare in mp3.

:hello:

fbalzz
12-02-2003, 13.02.54
Originally posted by Abigail
Ho visto e sentito i Dream Theater dal vivo e, beh, ripropongono quasi sempre gli stessi pezzi presenti sugli album, con delle piccole variazioni che sicuramente non cambiano la "sostanza" del pezzo, che rimane lo stesso... Perché in questo caso è spesso la canzone nel complesso a dover cambiare, e non le singole parti strumentali...


Abigail, infatti ho detto che oltre a questo (almendo ad ogni concerto che ho visto io... 8 per la cronaca:D ), mi è sempre capitato di beccare 2 o 3 brani "diversi". Totalmente oppure in alcune parti piu' o meno lunghe.
Certo, ci saranno sicuramente gruppi/artisti che ne cambiano un numero maggiore nelle 2 ore (media) di un concerto. Ne cambieranno 6? 7?
Devo anche considerare che per fare una versione diversa per dei brani che durano in media 10 minuti faccio prima a scrivere una canzone nuova:D :D
Ma siccome nn è la prima volta che leggo "le rifanno identiche" mi viene da pensare che questo sia uno dei soliti luoghi comuni sui DT...;)

The El-Dox
12-02-2003, 13.16.09
mah, nn ho mai apprezzato le esibizioni live, preferisko askoltarmelo trankuillamente in kasa o meglio kon le kuffie per assaporarne al meglio le sfumature.

amen.

Strasbuli
12-02-2003, 13.40.19
Originally posted by fbalzz
Ma hai mai visto un concerto dei DT?
Riesci a sentire i gli strumenti cosa fanno di diverso rispetto ai dischi in studio o ti limiti a sentire la canzone complessivamente?
Questo oltre ai 2 o 3 pezzi a concerto completamente diversi o comprensivi di un'improvvisazione, che nn puo' nn essere notata...
Cmq ti contraddici... per fare un bel "live" allora qualunque gruppo basterebbe che mettesse più distorsore e velocizzasse le canzoni?
Non credo proprio che la stupenda atmosfera che "esce" da Live after death sia data da questi elementi.;) Ora che rileggo quello che ho scritto ieri (ero mooooolto stanco!), mi viene solo quest'espressione: --> :confused:


Quello che volevo dire è che non mi piace che un gruppo stravolga completamente una canzone facendola diventare diversa! L'improvvisazione è una cosa stupenda! Pensa agli iron maiden, sanctuary ogni volta è suonata diversamente, come iron maiden, running free ecc... ;)

De_Paola
12-02-2003, 14.36.56
Le canzoni se le voglio sentire tale e quali al disco mi sento quello... se uno và a un concerto, oltre ke per vederle suonate dal vivo, vuole anke ke gli artisti improvvisino, cambino alcuni passaggi, insomma, non si limitino a suonare sempre la stessa cosa...

di live dei DT ho visto la VHS del tour giapponese di Images and words e le canzoni a me non è ke sembrassero identiche ma quasi.... :)

Strasbuli
12-02-2003, 15.13.31
Originally posted by De_Paola
Le canzoni se le voglio sentire tale e quali al disco mi sento quello... se uno và a un concerto, oltre ke per vederle suonate dal vivo, vuole anke ke gli artisti improvvisino, cambino alcuni passaggi, insomma, non si limitino a suonare sempre la stessa cosa...
Ciò che volevo dire anchio, ma data la mia situazione mentale ieri sera, non mi sono fatto capire! :D

dexx.
12-02-2003, 16.29.54
In un Live io voglio ENERGIA; la musica deve riuscire a trasmettermi la stessa potenza di una rullata di gran cassa, la musica in un live deve essere VIVA, non più una cosa astratta ma un qualcosa di palpabile; la musica in un live deve trasformare la freddezza del CD in un fuoco inarrestabile.

Vengono ancora le lacrime a pensare alla potenza con cui i Metallica hanno suonato Creeping Death nel concerto tenuto nel '91 in occasione del lancio del Black Album.
Oppure quando i Blind Guardian intonarono le note possenti di I'm Alive per la presentazione di IftOS... in quel momento non potevano esserci parole per descrivere le emozioni trasmesse... a parte il titolo stesso della canzone.

Che un gruppo improvisi o no non mi interessa.... io voglio ENERGIA.

Strasbuli
12-02-2003, 16.36.13
Originally posted by Gandalf1981
Che un gruppo improvisi o no non mi interessa.... io voglio ENERGIA.

http://unreal.multiplayer.it/cepoxdesign/CFC/faccine/main/approved.gif

kng
12-02-2003, 19.18.13
Io ho avuto l'immonda fortuna(ovviamente,per i miei gusti)di assistere ad un concerto di sting e sono rimasto basito all'esecuzione del tutto,appunto,tutto completamente diverso e riarrangiato,vuoi perchè preferisco i live vuoi perchè sting mi piace ma è stato il concerto più bello a cui ho mai assistito.
In genere di un gruppo preferisco i live,mi piacciono perchè li si sente cosa un gruppo ha da offrire,gli stessi da me venerati Pink Floyd preferisco ascoltarli nei live(se poi è pulse è meglio)anche se con una tristezza assoluta in corpo,so che "live"non potrò più vederli e questo mi fa male.
Nei live cerco fantasia e riarrangiamento delle canzoni,sennò mi sento il cd,anche se si tratta di sfumature,ma di sfumature che si sentono più di ogni altra cosa(come nei pink),di spettacolarizzazione della canzone( come gli U2)oppure,come sting,il riarrangiamento totale del pezzo.
forse sono andato OT come fa Pasquale del Gf quando parla...però vabbè...a limite mi nominate:notooth:

WarGod
12-02-2003, 21.26.29
Ma sentitevi l'ultimo live dei Death vah... :p

Da un live voglio potenza, voglio emozione, voglio brividi, voglio musica vera, sentita, non fredda e programmata come su disco...

fenderplay
12-02-2003, 23.10.30
d'accordo al 100% con deep...


nel live la canzone deve avere il suo feeling originale, essere riconoscibile, ma al tempo stesso deve essere diversa dalla versione in studio...trovare il bilanciamento tra questi due aspetti è la vera bravura di un buon musicista live

RoodRedBear
14-02-2003, 20.23.54
Originally posted by Gandalf1981
In un Live io voglio ENERGIA; la musica deve riuscire a trasmettermi la stessa potenza di una rullata di gran cassa, la musica in un live deve essere VIVA, non più una cosa astratta ma un qualcosa di palpabile; la musica in un live deve trasformare la freddezza del CD in un fuoco inarrestabile.

Vengono ancora le lacrime a pensare alla potenza con cui i Metallica hanno suonato Creeping Death nel concerto tenuto nel '91 in occasione del lancio del Black Album.
Oppure quando i Blind Guardian intonarono le note possenti di I'm Alive per la presentazione di IftOS... in quel momento non potevano esserci parole per descrivere le emozioni trasmesse... a parte il titolo stesso della canzone.

Che un gruppo improvisi o no non mi interessa.... io voglio ENERGIA.

Credo che abbia detto tutto Gandalf. ;)