PDA

Visualizza versione completa : Bush, Saddam E Osama...



Outlander999
22-01-2003, 22.22.41
Principio Fondamentale della Costituzione Italiana:

Art. 11.

L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla liberta degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.


Un tale George nel '91 agì (per interesse) e scese con onore(???) in battaglia a difesa del Kuwait invaso.

Suo figlio, 11 anni dopo, getta via ogni parvenza di rispetto altrui, e minaccia guerra ad un Paese già in ginocchio per un decennio di povertà indotta.

Francia e Germania, a braccetto, si sono schierate saldamente per una risoluzione pacifica, ma noi no, noi abbiamo SILVIO, che, amicone di B. Jr, scavalca la costituzione e si schiera già a favore dell'eventuale conflitto.

La NordCorea minaccia mezzo mondo e gli USA le dicono "ma dai, su non fare così"

L'Iraq non fa NULLA e gli USA gli dicono "voi un giorno costruirete l'atomica, le bombe chimiche e batteriologiche!"

........

Rifletteteci sopra.

Quella foto di Bush con l'Anello, che gira per il forum in questi giorni, non è così lontana dalla realtà.
E quel BinLaden ex-figlioccio dell'America...

ByeZZZ.

Qfwfq
22-01-2003, 22.33.07
Originally posted by Outlander999

La NordCorea minaccia mezzo mondo e gli USA le dicono "ma dai, su non fare così"


Certo che sulla Corea del Nord non hai le idee molto chiare.

Outlander999
22-01-2003, 22.34.53
Originally posted by Qfwfq
Certo che sulla Corea del Nord non hai le idee molto chiare.

Non dirmi che L'America si sta comportando allo stesso modo con N.Corea e Iraq...

CMQ schiariscimele tu;)

ByeZZZ...

kyjorkx
22-01-2003, 22.39.30
Originally posted by Outlander999
La NordCorea minaccia mezzo mondo e gli USA le dicono "ma dai, su non fare così"

L'Iraq non fa NULLA e gli USA gli dicono "voi un giorno costruirete l'atomica, le bombe chimiche e batteriologiche!"

Eheh ben detto!
La Corea del Nord non ha un cazzo e allora ci trattano.
L'Iraq è zeppo di petrolio e va attaccato.

O anche: i coreani a Bush "ehi ciccio, noi l'atomica l'abbiamo e vogliamo fare la guerra" Bush: cazz meglio rifarcela con gli iracheni che combattono ancora in trincea
Chi erano gli stati canaglia :confused:

Qfwfq
22-01-2003, 22.56.05
Originally posted by Outlander999
Non dirmi che L'America si sta comportando allo stesso modo con N.Corea e Iraq...

CMQ schiariscimele tu;)

ByeZZZ...

Il punto è questo; la Corea del Nord non possiede alcun potere deterrente nucleare su largo raggio, capace di impensierire gli Stati Uniti ed i suoi alleati di area. Schiacciata poi come è ( geograficamente ) fra Cina e Russia anche il suo potere destabilizzante regionale è alquanto ridotto. Tuttavia gli Stati Uniti non vedono di buon occhio un riarmo nucleare della Corea del Nord per diversi fattori, ovvero:

Il relativo aumento della tensione regionale che potrebbe estrinsecarsi in una rediviva pressione nordcoreana sui suoi vicini minori ed in special modo lungo il 38° parallelo ( con conseguenze negativa sul lungo processo di riappacificamento ).

La possibilità che il "know how" nucleare ed addirittura delle intere testate possano essere utilizzate dai nordcoreani come fonte di lucro ( rivendendole al miglior offerente ). Cosa che non solo è dichiaratamente contraria alla dottrina strategica statunitense sull'arginamento della diffusione del nucleare ma che potrebbe risultare pericolosa nel caso in cui dalla parte dell'acquirente di determinato materiale ci dovesse essere un'organizzazione terroristica e non uno stato.

La Corea del Nord semplicemente sta giocando su questi fattori di preoccupazione americana mettendo in scena un tiro alla fune che semplicemnete potrebbe essere riassunto così: denuclearizzazione della Corea del Nord ( previa rinuclearizzazione credibile, naturalmente, con lo sbandieramento di un potere di deterrenza che non esiste ) in cambio da parte americana di cibo e fonti energetiche od addirittura di revoca dei provvedimenti di embargo che tutt'ora gravano sul paese.

Outlander999
22-01-2003, 23.07.20
Si, non hai torto...

ma allora non doveva essere anche l'Afghanistan un affare altrui?(in quel caso dei Russi)

A mio parere è chiara la finalità economica di questa azione militare "prossima ventura".

Se solo le U.N. iniziassero a contare qualcosa, e non solo ad essere asserviti agli USA...

ByeZZZ!!!

Qfwfq
22-01-2003, 23.21.03
Originally posted by Outlander999
Si, non hai torto...
ma allora non doveva essere anche l'Afghanistan un affare altrui?(in quel caso dei Russi)


Anche in quel caso la finalità è stata precisa; la Russia ha dato il suo benestare all'azione americana in una zona storicamente di influenza russa ed in cambio gli Stati Uniti hanno chiuso un occhio ( anzi due ) sulla questione cecena ( che guarda caso è proprio una guerra di "guadagno energetico" ).
Il perchè la Russia stia dilapidando tante forze nella conquista della Cecenia ( impantanandosi peraltro in una classica guerra di logoramento dove sono la guerriglie ed i colpi di mano a farla da padrona, non le grandi operazioni militari ) è chiaro; la Cecenia è attraversata dal più grande oleodotto diretto verso l'Europa e fonte di rifornimento per la stessa Russia. Geograficamente poi il possesso della Cecenia costituisce il perfetto trampolino di lancio verso la riconquista dei tanto agognati pozzi petroliferi di Baku, sul Mar Caspio, attualmente proprietà della Georgia. Georgia che, in caso di successo nella riconquista della Cecenia sarebbe il successivo e ben più facile obiettivo dell'espansionismo russo. Il bello è che anche in questo caso gli Stati Uniti non dovrebbero fare più di tanto clamore in quanto, secondo una logica del "do ut des" l'America non farebbe altro che chiudere gli occhi sulle azioni militari russe, in cambio dell'appoggio o comunque sia del non veto del Cremlino in materia di azioni americane egemoni nel Golfo Persico ( spacciate come di prevenzione anti-terrorismo ). Non stupisce quindi il perchè l'attuale premier georgiano Shevarnadze si sia dato tanto da fare nello stringere ottimi legami con gli Stati Uniti, in previsione di un colpo russo verso il suo paese che potrebbe non essere molto lontano.

Mach 1
23-01-2003, 02.27.01
Originally posted by Qfwfq
.........ed in cambio gli Stati Uniti hanno chiuso un occhio ( anzi due ) sulla questione cecena ( che guarda caso è proprio una guerra di "guadagno energetico" ).


come se prima per difendere i diritti dei ceceni in russia e dei curdi in turchia/iraq si fosse mobilitato il mondo. :rolleyes: :rolleyes:

BESTIA_kPk
23-01-2003, 09.28.30
Ho ancora la stessa opinione in merito alle guerre per le fonti energetiche basate sul combustibile fossile...

Ma mi son rotto veramente i coglioni, ogni dannato giorno che sento 2 minuti circa di telegiornale, sento sempre le §§§§§§§te di bush che puntando il dito condanna saddam e gli ordina di non nascondere le armi per lo sterminio di massa. Ogni FOTTUTO giorno, basta stronzo hai rotto il cazzo, almeno fai guerra in silenzio, ti riesce meglio...

La scena per me è patetica, e veramente fastidiosa.

Proporrei di portare bush in una casa qualunque nelle zone dove si diverte a bombardare... magari impara a stare al mondo :rolleyes:

Frank
23-01-2003, 09.48.45
Quoto tutto quello che ha detto Bestia e concordo in pieno, per quanto riguarda la questione cecena, volevo risponere a Qfwfq....
Io ripudio ogni guerra "energetica" e non giustifico affatto ciò che sta accadendo ora in Cecenia, ma una cosa bisogna pur dirla.... la cara Cecenia, non è uno "Stato", ma una "Regione" della Russia.... sicome è anche una delle regioni strategicamente più importanti per l'economia Russa posso capire il terrore che possa suscitare l'idea di ritrovarsela come stato confinante indipendente e magari pure in netta contrapposizione con Mosca....

Poi mi pare anche inutile dire che dopo la scissione dell'Uninoe Sovietica tutti gli stati che si sono separati da Mosca ora stanno anche peggio di prima.... hanno fatto un vero affare, hanno barattato l'intera classe politica ed economica con una presunta libertà che ha portato solo più problemi... non erano pronti al distacco da quello che era il loro centro decisionale e funzionale e si sono ritrovati Stato senza nessuno in grado di amministrare uno Stato...

Frank

Keeper666
23-01-2003, 12.06.40
Sentite da qualche parte, non ricordo dove:

"Bush è un cretino circondato da bombe intelligenti".


Giornalista:"La Corea del Nord ha l'atomica, come mai non cercate di disarmarla?"
Bush:"Le auto non funzionano a soia, giusto?"

Non erano proprio così ma spero che il senso si capisca :angel2: :D

Mach 1
23-01-2003, 13.22.11
Originally posted by Keeper666
Sentite da qualche parte, non ricordo dove:

"Bush è un cretino circondato da bombe intelligenti".


Giornalista:"La Corea del Nord ha l'atomica, come mai non cercate di disarmarla?"
Bush:"Le auto non funzionano a soia, giusto?"

Non erano proprio così ma spero che il senso si capisca :angel2: :D

credo che fosse Crozza a quelli che il calcio

Outlander999
23-01-2003, 22.36.31
Le ultime nuove fanno pensare che Berlusconi abbia (segretamente) (e da bravo lecchino) preso accordi preliminari con Bush...ma nell'ufficialità continua a smentire.

Io non gli credo.

Il portavoce della Casa Bianca ci ha tirato in ballo, e non lo ha certo fatto per divertirsi a screditare Silvio con menzogne.

Che vergogna......

Comunque una cosa è certa, MAI l'America ha avuto così tanti "alleati disallineati". Personalmente, quando sento la gente chiacchierare, la trovo concorde nel riconoscere la verità:
Questa sarà una guerra per convenienza, si può e si deve evitare.

Ho letto che la Francia, che pare nettamente contraria, avrebbe diritto di veto in una mozione ONU contro l'Iraq...ma penso che per via della sua "presunta onnipotenza", Bush attaccherà anche senza l'appoggio dell'ONU.

ByeZZZ...

Cambo in Japan
24-01-2003, 05.42.20
Il punto e'...
Cosa differenzia l'Iraq dalla Corea?
Il petrolio.. ci siamo arrivati. Bene.
Ma non solo. Perche' gli USA hanno adottato con la
Corea del Nord una politica estera di "dialogo"
mentre non paiono esserci condizioni per l'Iraq?

Probabilmente perche' la Corea ha VERAMENTE
armi di distruzione di massa mentre l'Iraq no? :)

Certo che nel golfo vanno a fare i loro porci comodi,
non hanno paura di ritorsioni con queste fantomatiche
armi di sterminio perche' hanno la prova che non
esistano...

Il problema e' questo:
se tutti i paesi in via di sviluppo notano che le mire coloniali
di paesi come l'USA sono frenate dalla presenza di armi
nucleari come per la Corea del nord.. Cosa faranno in futuro
tutte queste nazioni se non entrare in possesso di queste
armi, onde evitare mire espansioniste e fantomatiche guerre
preventive?

Siamo in un punto molto rischiso.. oserei dire alla pari
con l'inizio di una nuova guerra fredda, non piu' tra asse
occidentale ed orientale ma tra superpotenze e nazioni
terzomondiste..

Che tristezza..